Ordini Forex: come funzionano

Cosa sono gli ordini Forex? La cosa è più semplice di quanto si pensi. In pratica, si tratta di transazioni che vengono inserite dal trader nella piattaforma che ha prescelto per operare nel mercato delle valute. Vale a dire, il mercato Forex, il più grande al mondo in termini di volume di capitali mossi quotidianamente.

Sono quindi considerabili alla stregua di istruzioni o indicazioni che il trader fornisce al broker per eseguire determinate operazioni.

Nel corso di questa guida completa sugli ordini Forex, oltre ad entrare più nello specifico tecnico, vedremo anche quali broker utilizzare, quali strategie adottare e così via.

Molti trader stanno utilizzando le piattaforme di trading CFD per fare trading forex. Ad esempio si può utilizzare eToro (trovi qui il sito ufficiale) per negoziare sulle principali valute grazie agli utili servizi di copy trading e social trading.

Per saperne di più sugli strumenti eToro clicca qui.

Ordini Forex: cosa sono

Come anticipato nell’incipit, si tratta di transazioni che il trader inserisce nella piattaforma prescelta per investire sui cambi valute che avvengono sul Forex. I quali danno vita a dei valori numerici sui quali il trader cerca di indovinare il movimento, se al rialzo o al ribasso.

Quindi, il trader non fa altro che impartire degli ordini al sistema. Per esempio

  • la somma da investire
  • la direzione da prendere
  • quando aprire la posizione
  • quando chiuderla
  • eventuali strumenti come take profit o stop loss

Il mercato Forex è stato istituito nel 1971 per regolare gli scambi internazionali che avvengono tra valute diverse. A sua volta, ha sostituito i trattati di Bretton Woods, istituiti nel 1943 ma ormai non più adeguati alla mole di transazioni internazionali che avvengono tra gli stati.

Ordini Forex

Sul forex circa il 97 percento delle transazioni vedono come attori economici le grosse istituzioni bancarie, banche centrali, speculatori valutari, imprese multinazionali, governi, e altri mercati finanziari ed istituzioni.

Mentre i trader cosiddetti retails, quelli cioè che investono somme limitate, costituiscono solo un ruolo marginale. I trader retails operano tramite intermediari come broker o banche. I primi devono essere regolamentati dalla CONSOB, massima autorità di vigilanza italiana sui mercati finanziari.

La scelta per loro è delicata, onde evitare di incorrere in truffe e fregature. Oltretutto, devono anche scegliere piattaforme con commissioni basse, per evitare che gli corrodano il profitto.

E’ anche possibile operare tramite banche, ma il rischio è di incorrere in commissioni più alte, minore discrezionalità operativa e maggiori oneri finanziari.

Sul Forex si muovono in media oltre 1.900 miliardi di dollari al giorno.

❓Cosa sonoTransazioni che il trader inserisce nella piattaforma prescelta per investire sui cambi valute che avvengono sul Forex.
👍 Chi può usarli?Accessibili a tutti
💻 Come fare forex tradingForex trading. / Analisi tecnica
✅ TipologieLimit / Buy / Sell / Stop loss / Take profit
🥇Migliore piattaforma forexeToro
🥇Miglior broker con strumenti innovativiCapital.com

Piattaforme forex migliori con ordini

In questa tabella vi presentiamo alcuni broker regolamentati con cui fare trading forex:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIRECENSIONE 
Funzioni demo
Social tradingRecensioneISCRIVITI
Spread contenutiPiattaforma WebTraderRecensioneISCRIVITI
Social tradingConto demo, trading automaticoRecensioneISCRIVITI
Sicurezza al massimoDeposito minimo, servizio CFDRecensioneISCRIVITI
Conti Zero spreadCommissioni basseRecensioneISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 67-78% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

offrono strumenti molto interessanti per operare e sono registrati in Consob.

Detto dell’importanza di scegliere un broker sicuro e conveniente, cerchiamo ora di individuarne qualcuno con maggiore precisione. Riportando quanto offre.

eToro

Il broker eToro rientra di diritto tra i migliori broker in assoluto anche in questo 2022 appena iniziato. I motivi sono sempre quelli, da 15 anni: sicurezza, servizi, convenienza.

Partiamo proprio dal primo aspetto, la sicurezza. Il broker eToro vanta ben tre licenze:

  • quella CySEC, rilasciata a Cipro, posseduta da tutti i principali broker operativi nell’Unione europea
  • la licenza FCA, molto prestigiosa perché rilasciata in Gran Bretagna dall’organismo che vigila su una delle borse più importanti d’Europa: la London stock exchange
  • la licenza ASIC, rilasciata in un paese che si sta facendo strada per importanza finanziaria: l’Australia

Ecco un esempio di trade su una coppia Forex su eToro:

Ordini Forex su eToro

Vediamo poi ai servizi:

  1. Copy trading: una evoluzione del Mirror trading già esistente in precedenza. Consente di copiare quanto fanno i trader più bravi iscritti alla piattaforma, chiamati Popular Investors. Selezionabili tramite precisi parametri sulle performance e una biografia. Il trading copiato può anche essere personalizzato, impostando stop loss e take profit o interrompendo il trading quando si vuole
  2. Social trading: si tratta di una esclusiva di eToro: permettere ai trader di interagire tra loro come fossero su un social network vero e proprio. Quindi, condivido, commentano o reagiscono a post degli altri e ne postano di propri. Possono così confrontarsi e trarre spunto dal loro operato per le loro decisioni di trading
  3. Smart portfolios: (ex CopyPortfolios) sono pacchetti di asset divisi per categoria e performance. Ne troviamo di tre tipi: a) Top Trader Portfolios che comprendono i trader con le performance migliori su eToro, secondo una strategia predefinita; b) Market Portfolios che raggruppano una combinazione selezionata di CFD in azioni, materie prime o ETF, secondo un tema predefinito; c) Partner Portfolios, a loro volta divisi in: Tipranks, una società di software per analisi di borsa, WeSave, un robo-advisor francese, e Meitav Dash, una società di investimenti con un patrimonio gestito multimiliardario

Aggiungiamo poi un Conto demo di 100mila euro virtuali per fare pratica senza rischiare un solo proprio centesimo.

Veniamo infine alla convenienza.eToro è un broker spread-only, che imposta sui trades solo lo spread e non le commissioni. Le quali riguardano solo alcuni tipi particolari di trades (come quelli overnight o tenuti aperti nel weekend), conti dormienti, prelievi.

Puoi aprire un tuo conto gratuito su eToro cliccando qui.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Capital.com

Il broker Capital.com pure rientra nel novero dei migliori broker 2022.

Vi troviamo infatti le stesse licenze possedute da eToro, commissioni contenute, trades spread-only. Inoltre, su alcune coppie di valute più popolari lo spreads arriva allo 0.0.

Capital.com ha una propria piattaforma nativa e riceve spesso degli awards per i servizi che offre. Come l’Intelligenza artificiale integrata alla piattaforma, che ti consiglia passo dopo passo nelle operazioni di trading. Tuttavia, per gli affecionados di Metatrader, farà piacere leggere che il broker inglese la offre.

Per quanti vogliono fare pratica senza rischiare il proprio capitale, Capital.com ha pensato di offrire una app apposita: Investmate.

Troverai anche un conto demo, di 10mila euro virtuali, per abituare il trader al money management.

Su Capital.com ci troverai grafici forex molto dettagliati, con integrati oltre 70 tra indicatori ed oscillatori di trading.

Il broker Capital.com offre in modo completamente gratuito i segnali di trading offerti da Refinitiv. Refinitiv è un fornitore globale di dati e infrastrutture dei mercati finanziari. La società è stata fondata nel 2018.

Ogni azione di società analizzata ottiene un punteggio. La classificazione di tale punteggio va da 1 a 10, dove 10 significa favorevole. Un punteggio da 8 a 10 è considerato positivo, da 4 a 7 è neutro e da 1 a 3 è negativo.

Apri ora il tuo account gratis su Capital.com cliccando qui.
79.17% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Tipi di ordine nel Forex

Vediamo ora i principali tipi di ordini nel Forex.

Marker Order

Con questa tipologia operativa, in pratica, si compra una coppia di valute al prezzo che viene visualizzato sul momento in cui si apre la posizione. Appena si fa click sul pulsante della piattaforma di trading l’ordine verrà di fatto inoltrato.

Il prezzo non cambierà e si farà trading con il valore che è stato visualizzato nel momento dell’invio dell’ordine. Il prezzo quindi non potrà essere assestato in base alle oscillazioni, dato che è fisso. Di qui il nome Market Order: vale a dire Ordine secondo mercato.

Anche se il prezzo varia, dunque, il nostro Market Order conserverà il medesimo valore all’atto dell’acquisto delle valute. Pertanto, prima di aprire un ordine di questo tipo, è consigliabile considerare con molta attenzione le proprie possibilità reali e la volatilità del mercato.

In genere viene consigliato per una operatività a vista, vale a dire quando, stando davanti al monitor, vengono riconosciute in quel momento le condizioni ideali per l’ingresso a mercato.

Entry Order

Con quest’altra modalità operativa,è il trader a decidere a quale prezzo entrare sul mercato. Nonché stabilire che la posizione si apra solo quando la coppia di valute raggiunga un prezzo da lui stabilito.

Qualora il mercato non arrivasse alla cifra da lui impostata, la posizione non verrà proprio aperta.

Si potranno altresì indicare gli stop loss e stabilire i criteri per i quali si vuole operare nella sessione. Sarà anche possibile avere dei ripensamenti e chiudere l’ordine in qualsiasi momento.

Limit Order

Funziona in modo opposto al precedente. Si sceglie il limite di prezzo entro il quale il broker deve operare.

Quindi, una volta acquistata una coppia di valute, si decide il prezzo limite entro il quale vendere o comprare. I parametri sono impostati dal trader sulla base delle sue analisi di mercato.

Abbiamo 2 tipi di ordine attivabile:

  1. Good for the day: l’ordine rimane attivo per l’intero giorno, fino alla chiusura del mercato su cui si sta operando
  2. Good till cancelled: l’ordine viene bloccato solo dopo che il trader decide di fermarlo. L’ordine quindi non si chiuderà in concomitanza con la chiusura del mercato, ma quando sarà il trader a deciderlo

Stop Order

Il trader inserisce il limite entro il quale devono rimanere le negoziazioni. Se la coppia valutaria supera la cifra stabilita, il broker chiuderà in modo automatico la posizione.

Quindi, se il mercato del Forex si muoverà in modo diverso rispetto a quanto avevamo preventivato, riusciremo a ridurre i danni.

Tipi di ordine Forex pendenti o condizionati

Con essi, intendiamo tipi di ordini di acquisto o di vendita impostati dallo stesso trader e presi in consegna dal broker. Che a sua poi li inoltra a mercato in modo automatico al verificarsi di una determinata condizione.

Vediamoli meglio da vicino.

Buy Limit

Funziona così: l’ordine viene posizionato ad un prezzo inferiore al prezzo di mercato corrente. Vengono solitamente utilizzati quando si presume che, a seguito di un ritracciamento delle quotazioni fino ad un certo livello di prezzo, tale prezzo ritorni a crescere.

Sell Limit

L’ordine viene posizionato ad un prezzo superiore al prezzo di mercato corrente. Vengono usati quando si ipotizza che, dopo un incremento delle quotazioni sino ad un determinato livello di prezzo, tale prezzo di seguito tenderà a diminuire.

Buy Stop

L’ordine viene posizionato ad un prezzo superiore rispetto al prezzo di mercato corrente. Sono in genere usati prevedendo che le quotazioni, dopo aver raggiunto un certo livello di prezzo (es. resistenza), continueranno a crescere.

Sell stop

L’ordine viene posizionato ad un prezzo inferiore rispetto al prezzo di mercato corrente. Vengono di solito usati in quanto si prende per certo che, dopo il raggiungimento di un certo livello di prezzo (es. supporto), tale prezzo continuerà a decrescere.

Buy stop limit

Siamo di fronte ad un’operazione via di mezzo tra ordine Buy Stop e ordine Buy Limit. Nel momento in cui la domanda raggiunge l’obiettivo di prezzo indicato nella finestra dell’ordine, un ordine Buy Limit viene inserito al livello selezionato nella finestra dell’ordine.

Sell stop limit

Infine, anche questo genere di posizione è una via di mezzo, ma tra l’ordine Sell Stop e l’ordine Sell Limit. Nel momento in cui il prezzo arriva all’obiettivo di prezzo indicato nella finestra, un ordine Sell Limit viene posizionato al livello specificato nella finestra dell’ordine.

Stop loss: come impostarli

Lo stop loss è uno strumento molto utile per ridurre le perdite. Spesso comportate da una eccessiva ansia di chiudere una posizione in profitto o in perdita. Nel primo caso, per paura che il trend possa invertirsi a nostro sfavore e quindi, riduca il nostro guadagno. Nel secondo caso, perché temiamo che le cose possono mettersi peggio e che non ci sarà alcuna inversione di tendenza.

Facciamo un esempio: abbiamo aperto una posizione su EURUSD a 1,3850. Potremmo posizionare lo Stop Loss a 1,3800. Qualora il cambio EURUSD dovesse raggiungere il prezzo 1,3800 (prezzo Bid) la posizione verrà chiusa automaticamente.

Ordini Pendenti LIMIT (LMT)

Viene usato soprattutto in 2 occasioni:

  1. il trader vuole acquistare o vendere ad un prezzo migliore rispetto a quello dominante sul mercato
  2. uscire in maniera automatica da una posizione in profitto, prendendo di fatto il nome di Take profit (TP)

Gli Ordini Pendenti STOP (STP)

Viene utilizzato solitamente quando il trader vuole comprare o vendere ad un prezzo peggiore rispetto a quello che il mercato sta “battendo” in un determinato momento.

Il trader che utilizza questo strumento, presuppone di entrare o uscire a mercato alla rottura di determinati livelli di prezzo (chiamati tecnicamente break out). Viene molto usato per uscire dalla posizione quando non risulta più conveniente, per poter così limitare le perdite.

Usare il conto demo per simulare ordini Forex

Per prendere dimestichezza con gli ordini Forex, si consiglia di utilizzare un conto demo. Costituito da capitale virtuale proprio per operare senza rischiare il proprio capitale reale.

Ovviamente, bisogna utilizzare il conto demo in modo serio, attento, non prendendolo come un gioco. Perché poi non si imparerà granché e il rischio è di continuare a operare in modo leggero anche quando si fa sul serio.

I due broker prima presentati offrono un conto demo limitato nel capitale disponibile ma non nel tempo utilizzato. Che ricapitoliamo di seguito.

Ordini Forex: video tutorial

Per concludere questa panoramica vi segnaliamo uno dei nostri video del canale YouTube in cui parliamo della piattaforma Metatrader, quella usata dai professionisti del Forex.

Nella parte centrale vengono spiegati a livello professionale cosa sono gli ordini Forex e come impostarli correttamente:

Piattaforma Metatrader : le funzioni di base
Scopriamo in questo video come funziona la piattaforma Metatrader 4 e tutte le sue funzionalità di base.📈 Vuoi provare il broker che uso per fare trading?Pu…
Piattaforma Metatrader : le funzioni di base

The video was uploaded on 30/7/2021.

You can view the video here.

The video lasts for 19 minutes and 48 seconds.

Ordini Forex: le domande frequenti

Cos’è un ordine forex?

Si tratta di transazioni che il trader inserisce nella piattaforma prescelta per investire sui cambi valute che avvengono sul Forex. Quindi, il trader non fa altro che impartire degli ordini al sistema.

Conviene aprire ordini forex?

Per operare sul forex, bisogna avere la giusta preparazione, teorica e pratica. La prima la forniscono letture di libri ed articoli, oltre che webinar e video on demand. La seconda, invece, il conto demo.
Oltre a ciò, occorre scegliere i migliori broker e capire se, economicamente e psicologicamente, il trading sul forex fa per noi.

Quali sono i migliori broker per aprire ordini forex?

Puoi provare con eToro e Capital.com.

Ordini Forex - Riepilogo

Conclusioni

Il mercato Forex è stato istituito nel 1971 per regolare gli scambi internazionali che avvengono tra valute diverse. A sua volta, ha sostituito i trattati di Bretton Woods, istituiti nel 1943 ma ormai non più adeguati alla mole di transazioni internazionali che avvengono tra gli stati.

Per investire sui cambi forex occorre aprire degli ordini Forex, che altro non sono che delle transazioni che il trader inserisce nella piattaforma prescelta per investire sui cambi valute che avvengono sul Forex.

I quali danno vita a dei valori numerici sui quali il trader cerca di indovinare il movimento, se al rialzo o al ribasso.

Per fare ciò occorre scegliere i migliori broker per non incappare in truffe.

Per iniziare al meglio investendo nel trading online conviene partire dalla pratica e da un buon conto demo. Vi lasciamo quindi con i collegamenti ufficiali alle migliori piattaforme con conto demo:

si tratta di piattaforme con licenza, regolarmente autorizzate e conti demo gratuiti ed illimitati.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here