Market Mover: cosa sono e come sfruttarli nel trading online

Con l’espressione Market Mover si intende quei fattori che muovono letteralmente il mercato. Incidendo sul prezzo degli asset ora al rialzo, ora al ribasso.

In virtù di ciò, conoscerli bene è importante nelle proprie analisi, soprattutto quella fondamentale, al fine di posizionarsi al meglio. Con il trading online tramite CFD, è possibile posizionarsi sia long che short. Quindi guadagnare sia sul rialzo che sul ribasso del prezzo degli asset.

In questa guida completa sui Market mover, vediamo tutto ciò che riguarda tali fattori e come sfruttarli al meglio.

Per fare trading in sicurezza è consigliabile utilizzare le piattaforme di trading CFD. Ad esempio si può utilizzare eToro per negoziare su vari asset finanziari grazie a servizi di copy trading e social trading.

Puoi aprire un conto demo su eToro cliccando qui.

Market Mover: cosa sono

Cosa sono i Market mover? Come anticipato nell’incipit, si tratta di quei fattori che “muovono” il marcato, influenzando ora positivamente, ora negativamente, i prezzi degli asset. In particolar modo, le azioni, gli indici azionari le materie prime e le valute forex.

Le criptovalute, invece, non hanno veri e propri market mover ben delineati, essendo asset altamente volatili.

Ad influenzarne il prezzo possono essere gli endorsement o le stroncature di qualche personaggio famoso (Elon Musk è un fulgido esempio). Oppure i furti su Exchange importanti. O l’inserimento o il delisting su piattaforme importanti. Le nuove collaborazioni con banche o comunque realtà dell’economia classica. Le leggi in favore o contro. Ecc.

Dunque, i market mover diventano importanti per prevedere cosa farà il prezzo di un asset. Ma non è detto che l’influenza si concretizzi davvero.

Piattaforme di trading con Market Mover

Prima di proseguire con la guida vi segnaliamo le migliori piattaforme per fare trading online con le commissioni più basse:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIRECENSIONE 
Funzioni demo
66% dei trader perde soldi
Social tradingRecensioneISCRIVITI
Spread contenutiPiattaforma WebTraderRecensioneISCRIVITI
Social tradingConto demo, trading automaticoRecensioneISCRIVITI
Sicurezza al massimoDeposito minimo, servizio CFDRecensioneISCRIVITI
Conti Zero spreadCommissioni basseRecensioneISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 67-78% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Market mover: Riepilogo

👍 Cosa sonoFattori che influenzano l’andamento del prezzo degli asset di mercato, o “muovono” il mercato.
✅ CaratteristicheIndicatori economici/ Fattori politici / Trends
💰ApplicazioniValute / Azioni / Materie prime
🥇Migliore piattaforma con conto demoeToro
🥇Miglior broker con formazioneOBRinvest

Market mover principali

Quali sono i principali Market mover? Cerchiamo di vederlo di seguito.

Indicatori economici

Gli indicatori economici sono un esempio classico di market mover, sempre tirato in ballo. Per essi si intendono dati statistici che definiscono la salute di uno Stato o di un settore specifico.

Si pensi ai dati su Pil, i dati sulla disoccupazione, sulle compravendite immobiliari, i dati sulla produzione manifatturiera, i dati sui consumi, ecc.

Indicatori finanziari

Per indicatori finanziari intendiamo invece i dati riguardanti una società quotata (dati di bilancio, i dati sui ricavi, i dati sul fatturato, ecc.). Ma anche le scelte e le indicazioni delle banche centrali, l’andamento dei tassi, l’inflazione.

Fattori geo-politici

Se i primi due market mover visti riguardano soprattutto le azioni e le valute Forex, i fattori geo-politici, legati cioè alle dinamiche politiche interne dei paesi o dei rapporti tra loro, riguardano soprattutto le materie prime. Poi le valute forex e anche le azioni. Visto che ci sono società quotate in borsa che si occupano proprio di materie prime (estrazione, lavorazione, distribuzione di gas, petrolio o metalli preziosi).

Quindi, dovrai anche stare attento a chi vince le elezioni, eventuali notizie di colpi di stato o di guerre tra paesi influenti. Del resto, casualmente molti dei paesi più ricchi di petrolio e gas o materie prime (vedi i diamanti) sono

politicamente instabili.

Ed in genere, quando si stabiliscono le dittature, non è mai una buona notizia per gli altri paesi, poiché i dittatori tendono ad essere meno disposti a vendere le risorse primarie a buon mercato (non a caso, in questi anni sono state attaccati diversi paesi del Medioriente).

Clima

Anche il clima è un market mover. Soprattutto per le materie prime soft, come i prodotti agricoli (caffè, cacao, mais, canna da zucchero, ecc.) in quanto un clima particolarmente favorevole può favorire anche un raccolto abbondante e quindi abbassarne il prezzo. Ma un clima ostile, può incidere negativamente sulle colture, facendolo lievitare.

Tendenze del settore

Ogni asset fa parte di un settore e un trader non può non prenderlo in considerazione per fare le sue valutazioni di trading.

Infatti, dovrà valutare come sta messa la concorrenza di una società se si tratta di azioni. Oppure valutare se un prodotto “tira” ancora o è stato sostituito da un altro.

Occhio poi alle nuove tecnologie, che possono rendere un’altra obsoleta, magari lentamente nel tempo o con effetti immediati.

Market mover: come sfruttarli per investire

I market mover possono essere programmabili e a sorpresa. Nel primo caso, ci si riferisce a quei fattori che hanno delle date ben precise nelle quali avvengono. Quindi principalmente gli annunci delle banche, i dati annuali sugli indicatori economici e finanziari, l’uscita di un nuovo prodotto, le elezioni, e così via.

Poi ci sono quelli a sorpresa, che capitano senza preavviso e non possono essere programmati. Come un colpo di stato, una improvvisa crisi diplomatica, un disastro naturale, una pandemia, ecc.

Cerca quindi di sfruttarne per quanto possibile le potenzialità in un verso o nell’altro, col trading CFD.

Per farlo, visiona il calendario economico e le breaking news che offrono i migliori broker. Quali sono? Te lo diciamo nel prossimo paragrafo.

Market mover e broker sicuri

Quali sono i broker sicuri per sfruttare i market mover? Eccoli di seguito.

eToro

Il broker eToro è molto sicuro perché prevede 3 licenze per operare. Vale a dire la licenza ASIC rilasciata in Australia, la CySEC rilasciata a Cipro e la FCA in Gran Bretagna.

Inoltre, eToro ha anche licenza per operare in Italia grazie alla Consob, l’autorità preposta al controllo sui mercati finanziari nel nostro Paese.

Il broker eToro offre notizie aggiornate sugli asset e ti consente anche di vedere cosa dicono e fanno sugli asset i migliori trader iscritti alla piattaforma e tutti gli altri. Provenienti da tutto il mondo. Ti basterà andare nella sezione Feed.

Inoltre, riceverai notifiche sugli asset che hai aggiunto nella sezione Preferiti.

Iscriviti subito su eToro cliccando qui e creando il tuo conto demo.
66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

OBRInvest

Il broker OBRinvest ha licenza CySEC per operare e anche il beneplacito Consob per farlo in Italia.

Il broker ti mette a conoscenza dei principali eventi in arrivo tramite un Calendario economico e il continuo aggiornamento di News.

Potrai anche farti aggiornare con sms tramite i segnali di trading di Trading central, che ti avviseranno quando il prezzo di un asset sta muovendo verso l’alto o verso il basso.

Un altro aiuto può arrivare dall’intelligenza artificiale del servizio Buzz.

Iscriviti subito su OBRinvest cliccando qui e creando il tuo conto demo.
78,15% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Capital.com

Il broker Capital.com ha un ottimo calendario economico continuamente aggiornato e ti fa visionare anche notizie sempre aggiornate. Così come aggiorna in real time il prezzo degli asset.

Anche qui parliamo di un broker con regolari licenze (CySEC e FCA), nonché col permesso di operare in Italia tramite la Consob.

Potrai anche farti aiutare con piattaforme già integrate con l’intelligenza artificiale.

Iscriviti subito su Capital.com cliccando qui e creando il tuo conto demo.
71.2% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Analisi fondamentale: cos’è

L’analisi fondamentale è proprio quella che prende in considerazione i market mover. In quanto analizza i fattori esterni al mercato finanziario.

Mentre l’analisi tecnica è squisitamente quantitativa e si basa su veri e propri calcoli sui prezzi degli asset nel tentativo di anticiparne i movimenti futuri. Utilizzando indicatori e oscillatori.

Quindi, in base al tipo di asset, dovrai prendere in considerazione i relativi market mover.

Ecco alcuni esempi:

  • Azioni: indicatori finanziari della società; date di uscita di nuovi prodotti; lo stato dell’arte della concorrenza; come sta messo il settore di riferimento in generale; i cambiamenti nelle abitudini dei consumatori; indicatori economici come acquisizioni di altre aziende; cessioni di rami d’azienda; i licenziamenti o le nuove assunzioni; tendenze del mercato; ecc.
  • Materie prime: clima; notizie geo-politiche; cambiamenti nelle abitudini dei consumatori; nuove scoperte tecnologiche; tendenze del mercato.
  • Valute Forex: indicatori economici degli stati; notizie geo-politiche; indicatori finanziari degli stati.
  • Indici azionari: notizie geo-politiche; indicatori finanziari ed economici degli stati.

Come usare i Market mover

Il modo migliore per farlo è innanzitutto capire quali sono i market mover che muovono questo o quell’asset. Altrimenti si brancola nel buio.

Dopodiché occorre scegliere un broker che ci consenta di prenderne visione per tempo, per sfruttarne le potenzialità rispetto ai cambi di prezzo.

Infine, occorre sapersi posizionare nel modo giusto cercando di formulare una previsione più vicina possibile alla realtà.

Per esempio, se nelle elezioni politiche in Venezuela viene dato per favorito un candidato con idee chaviste, si presuppone che, nel caso in cui vincerà, venderà cala la pelle rispetto al petrolio. Quindi il prezzo dovrebbe salire.

In tal caso, il trader deciderà di posizionarsi long sul petrolio per poter sfruttare al meglio questo aspetto.

Se invece il favorito è un candidato liberista e più vicino agli Usa, si presuppone che all’opposto il prezzo del petrolio calerà. Quindi andrò a posizionarmi short sul petrolio, cioè venderò indirettamente la materia prima in vista di un futuro calo dei prezzi.

Ed ancora, se in data 16 settembre Apple presenterà al mondo il nuovo iPhone, si presuppone che le azioni della multinazionale americana saliranno dal 17 settembre per alcuni giorni.

Quindi, mi posizionerò long cercando di sfruttare l’onda rialzista.

Naturalmente, parliamo sempre di ipotesi e previsioni e nulla è dato per scontato. Né le elezioni politiche in Venezuela né il successo sul mercato del nuovo iPhone.

Market mover e analisi tecnica?

Come detto, se l’analisi fondamentale che include la visione dei market mover, è di tipo qualitativo, l’analisi tecnica è di tipo quantitativo. Proprio perché prende in considerazione prettamente numeri e formule, espresse attraverso indicatori e oscillatori.

Questi ultimi non vanno utilizzati singolarmente ma come quadro d’insieme poiché ogni oscillatore ed ogni indicatore ti dice un dato preciso e va bene per questo o quell’asset.

Negli anni ne sono stati formulati tanti, al punto che se ne contano oggi oltre 100. Sebbene molti si somiglino e cambino per poche sfumature tra loro.

L’uso dell’analisi fondamentale ha preso sempre più piede a partire dagli anni ‘70, quando gli economisti hanno sempre più inteso il soggetto economico non solo un freddo calcolatore. Ma colui che si muove anche di istinto, seguendo i propri sentimenti, facendosi influenzare anche dagli altri o dalle notizie che gli arrivano.

Ecco perché analisi tecnica e analisi fondamentale (quindi market mover) vanno usate insieme e si muovono pari passo. Per avere un quadro complessivo più ampio possibile.

Market Mover: le domande frequenti

Cosa sono i market mover?

Si tratta di quei fattori che influenzano, al rialzo o al ribasso, i prezzi degli asset. Ogni asset ha propri market mover in base alla propria natura e vanno conosciuti per cercare di elaborare la migliore previsione futura.

Conviene usare i market mover?

Si perché ci aiutano nel formulare la migliore analisi fondamentale. Tuttavia, l’analisi fondamentale da sola non basta e va integrata con l’analisi tecnica. Proprio perché la prima è di tipo qualitativo e la seconda di tipo quantitativo.

Quali sono i migliori broker per sfruttare appieno i market mover?

Piattaforme come eToro, OBRinvest e Capital.com. Poiché ti mettono a disposizione gli strumenti ideali per valutarli, come un Calendario economico, breaking news, cosa fanno gli altri trader in merito.

Conclusioni

I market mover sono quell’insieme di fattori che possono muovere, in un senso o nell’altro, i prezzi di un asset.

Conoscere quali sono i market mover di ogni asset aiuta nella definizione del prezzo futuro. Sebbene sia ben chiaro che non si tratta di automatismi ma sempre di ipotesi.

Sfrutteremo i market mover nell’analisi fondamentale, che andrà affiancata a quella tecnica che è invece quantitativa e analizza i movimenti dei prezzi passati sui grafici tramite indicatori ed oscillatori.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here