Investire in criptovalute: guida per principianti per iniziare

In questa guida parliamo di uno degli argomenti del momento ovvero se conviene investire in criptovalute in questo momento.

Abbiamo visto negli ultimi anni una crescita di tutto il settore con Bitcoin che è arrivato nel 2021 a toccare il suo record storico. Subito dopo però nel 2022 abbiamo assistito ad un crollo del settore a causa anche della situazione finanziaria poco favorevole per tutti i mercati.

Molti si stanno chiedendo dunque se conviene investire in criptovalute o è un rischio da non correre. In questa guida cercheremo di vedere quali sono gli strumenti che servono per iniziare ad investire (anche da principianti) e perché questo mercato offre ancora grandi opportunità per gli investitori.

Cercheremo di capire anche quali sono le monete virtuali in circolazione, quali progetti potranno resistere al bear market e cosa conoscere per imparare come muoversi. Una delle poche certezze in questo mercato è infatti la mancanza di informazioni e formazione di molte persone che non comprendono il funzionamento delle criptovalute e pretendono comunque di investirci.

Dietro alle criptovalute non ci sono solo grandi opportunità di investimento ma anche delle tecnologie che probabilmente cambieranno le nostre vite.

Come vedremo tra poco, uno dei metodi più utilizzati dagli investitori per investire sulle criptovalute è il trading che può essere fatto su piattaforme regolamentate come ad esempio quella di eToro. Un altro metodo consiste nell’acquistare criptovalute tramite Exchange.

Poichè ci sono moltissime criptovalute quotate ed ogni giorno nascono nuovi progetti, è bene imparare a conoscere le crypto con i fondamentali più solidi e dai progetti più importanti.

Ma partiamo dalle basi.

Se ti interessa fare trading in modo sicuro puoi utilizzare le piattaforme regolamentate come ad esempio quella del broker eToro.

  1. Registrati su eToro
  2. Fai pratica con il conto demo
  3. Deposita denaro sul tuo account
  4. Prova il copy trading

Che cosa significa investire in criptovalute?

Quando si parla di “investire” generalmente si fa riferimento al lungo termine. Dunque la classica modalità di investimento crypto consiste nell’acquistare e vendere sfruttando le piattaforme Exchange aspettando che il prezzo aumenti di valore. Spesso questa non si rivela la modalità migliore.

Possiamo affermare quindi che investire in criptovalute significa acquistare monete virtuali sperando che il loro prezza cresca per poi rivenderle successivamente e realizzare un profitto.

Investire in criptovalute

In una prima modalità, dunque una volta scelto un Exhange di criptovalute sarà sufficiente depositare, fare le procedure di riconoscimento (KYC) e iniziare a comprare. Queste piattaforme hanno però il difetto di essere oggetto di hacking o truffe e dunque bisogna scegliere bene a chi affidare i propri soldi.

Ci sono stati inoltre casi di Exchange a corto di liquidità che hanno bloccato i prelievi. In quei casi abbiamo virtualmente le nostre criptovalute ma non possiamo prelevarle, né scambiarle né venderle. Quindi la scelta dell’exchange di criptovalute deve essere fatta con estrema attenzione..

Tutto questo funziona quando il mercato sale e quindi parte la cosiddetta bull run. Ma cosa accade quando invece tutto il mercato scende? Nel 2018 le criptovalute crollarono come quotazione e molti utenti si ritrovarono a vedere azzerati quasi del tutto i loro profitti.

Alcuni investitori intelligenti invece hanno fatto profitti anche nelle situazioni di mercato più difficili. Come hanno fatto ?

Semplicemente comprendono bene l’andamento dei mercati e conoscono anche altri strumenti alternativi. Ma sopratutto sanno che quella di comprare criptovalute non è l’unica alternativa a disposizione degli investitori.

Investire in criptovalute: riepilogo

👍 Cosa significaAttività di compravendita di criptovalute con l’obiettivo di realizzare un profitto.
✅ CaratteristicheTrading con CFD per sfruttare le oscillazioni di prezzo.
💰Modalità di investimentoCFD / Exchange
✅ StrategiePianificare una strategia di trading.
🥇Migliori piattaforma per fare trading su cryptoeToro / Trading 212
🥇Miglior exchange per comprare cryptoBinance


Migliori piattaforme per investire in criptovalute

Prima di vedere quelle che sono le caratteristiche principali degli investimenti in criptovalute vi segnaliamo alcune delle piattaforme regolamentate più utilizzate:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGIRECENSIONE 
Broker ideale per principiantiSocial e copy tradingRecensioneISCRIVITI
Spread contenutiPiattaforma WebTraderRecensioneISCRIVITI
Spread bassiPiattaforma professionaleRecensioneISCRIVITI
Deposito minimo
Servizio CFDRecensioneISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 67-78% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Come iniziare ad investire in criptovalute

Per iniziare ad investire in criptovalute bisogna partire da una piattaforma di investimento che consenta di fare operazioni sulle principali criptovalute.

In genere queste piattaforme consentono di comprare criptovalute per poi venderle quando il valore aumenta come prezzo oppure di vendere allo scoperto sfruttando i ribassi.

Per approfondimenti su questi temi vi consigliamo di seguire le nostre guide. Facendo trading con i CFD, ad esempio, è possibile negoziare sul prezzo operando anche nelle situazioni di mercato in cui le quotazioni scendono.

Oppure ci si può affidare agli Exchange. Vediamo come prima cosa un confronto tra le due modalità più usate:

Investire in criptovalute con CFDInvestire in criptovalute tramite Exchange
💸 Deposito minimo: 50€💸 Deposito minimo: nessuno richiesto
👍 Vantaggi: Copy trading👍 Svantaggi: commissioni elevate
📚 Sicurezza: molto sicure📚 Sicurezza: bassa
Piattaforme: eToro/ Capital.comPiattaforme: Binance / FTX

Dove investire in Criptovalute

Abbiamo visto che in generale gli Exchange sono più attaccabili ed hanno delle commissioni più elevate. In più aggiungiamo che spesso hanno sedi in paradisi fiscali, dunque se volete usarli almeno assicuratevi di iscrivervi su uno sicuro e con sede in Europa.

In generale non tutte le piattaforme per investire in criptovalute sono uguali. Ci sono alcune che hanno strumenti semplici da usare, conti demo e costi estremamente bassi.

Non possiamo dire la stessa cosa di tutte. Per questo motivo, poiché stiamo parlando di investimenti dedicati ai principianti, vi presentiamo alcune delle piattaforme più sicure da utilizzare e dai costi estremamente ridotti.

eToro

Il primo broker che vi presentiamo è eToro e rappresenta una delle migliori piattaforme per investire in criptovalute attualmente. E’ adatto ai principianti sopratutto perché da la possibilità di copiare le operazioni degli altri investitori.

Tutto questo è reso possibile grazie al copy trading, una modalità che permette a chi si iscrive di cercare, filtrare e selezionare quelli che sono i migliori investitori iscritti alla piattaforma.

Basta quindi analizzare le statistiche di un utente che guadagna (i cosiddetti Popular Investor) e seguirlo proprio come si fa sui social copiandone le operazioni o parte.

Grazie a queste funzioni molto comode anche i principianti possono cominciare subito ad investire e sopratutto ad imparare come si investe in criptovalute.

Puoi iscriverti su eToro cliccando qui.

Capital.com

Il broker Capital.com riceve spesso degli awards per i servizi che offre. Come l’Intelligenza artificiale integrata alla piattaforma, che ti consiglia passo dopo passo nelle operazioni di trading. Ma non manca la tradizionale piattaforma MT4.

Per quanti vogliono fare pratica senza rischiare il proprio capitale, Capital.com ha pensato di offrire una app apposita: Investmate.

Non manca poi una formazione teorica gratuita sul trading con pratici corsi e video sul trading, pieni di informazioni, webinar di trading realizzati da esperti del settore e un glossario dei termini di facile comprensione.

Troverai anche un conto demo, di 10mila euro virtuali. Il broker Capital.com offre in modo completamente gratuito i segnali di trading offerti da Refinitiv. Refinitiv è un fornitore globale di dati e infrastrutture dei mercati finanziari. La società è stata fondata nel 2018.

Per iscriverti su Capital.com vai qui.

Trading 212

Uno dei broker che sta diventando molto popolare per via del trading senza commissioni è sicuramente Trading 212.

Si tratta di una società con sede nel Regno Unito che offre due tipi di conti: uno speculativo di trading con i contratti per differenza (CFD) e l’altro per investimenti.

Trading 212 non è quindi solo un broker di trading online ma una piattaforma completa per investire anche a lungo termine.

Trading 212 offre infatti la possibilità anche di operare su ETF ed azioni anche in modo frazionato, cioè è possibile investire comprando porzioni di un titolo azionario senza necessariamente comprare il titolo per intero. Con questa piattaforma è dunque possibile negoziare sulle Borse e gestire un portafoglio investimenti anche con capitali minimi.

Puoi iniziare ad investire con Trading 212 cliccando qui.

Investire in criptovalute rischi

Chi pensa agli investimenti in criptovalute per il solo scopo speculativo probabilmente sta commettendo un errore.

Molti traders hanno iniziato a comprare Bitcoin, col solo scopo di guadagnare ma investire sulle criptovalute non vuol dire fare soldi facili. Bisogna infatti considerare che ci sono dei rischi, ovvero la possibilità di perdere il proprio capitale.

Partiamo da un assunto: non tutte le piattaforme di investimento sono uguali. La storia dimostra che in passato molte di queste hanno subito attacchi o alcune di esse hanno delle commissioni elevate che vanificano di fatto tutti gli investimenti.

Cerchiamo di provare tutte le piattaforme che proponiamo ai nostri lettori ed il requisito minimo deve essere quello di essere regolamentate ed avere dei costi accessibili.

Questo perché sulle crypto ed in particolare su Bitcoin ci sono molte truffe che vediamo ogni giorno, persino negli annunci pubblicitari. Se pensiamo ad esempio a siti come Bitcoin Code o Bitcoin Revolution per citarne due, capirete che molte piattaforme con sedi in paradiso fiscale approfittano dell’ingenuità degli investitori inesperti attirandoli in truffe nelle quali si finisce per perdere soldi.

Per evitare questi rischi dunque è sufficiente prendere delle contromisure:

  1. iscriversi ed utilizzare solo piattaforme regolamentate
  2. assicurarsi che il broker sia registrato sul sito della Consob che è l’autorità italiana di controllo dei mercati finanziari
  3. fare attenzione alle commissioni ed ai costi che le piattaforme hanno, leggete bene le condizioni

Per questi motivi chi investe in crypto su queste piattaforme può avere la certezza di non essere truffato ed iniziare ad operare col piede giusto.

Investire in criptovalute conviene?

Veniamo ora ad una delle domande più frequenti da parte degli investitori. Abbiamo visto che operando con piattaforme certificate si possono mitigare o eliminare in parte i rischi di truffe, che sono comunque sempre presenti.

Molto spesso la narrativa di questi anni andava nella direzione del Buy and hold, ovvero comprare una criptovaluta da tenere in portafoglio e custodirla aspettando che il prezzo salga.

Purtroppo non è più così, almeno in parte. La quotazione delle criptovalute può salire molto velocemente ma anche scendere altrettanto velocemente.

Nel momento in cui si vede il proprio investimento andare a zero scatta il panico che probabilmente porterà l’investitore a vendere in perdita.

Purtroppo anche i migliori investitori possono andare in panico vendendo in preda alle emozioni o al sentiment di mercato. Può accadere a tutti anche se un esperto difficilmente si farà sopraffare dalle emozioni.

Se volete investire in criptovalute dunque dovete adottare degli accorgimenti che fanno parte della base degli investimenti per limitare i rischi.

Ad esempio iniziate con una buona strategia di money management suddividendo il capitale e tenendo da parte sempre una parte del portafoglio liquido per occasioni che il mercato dovesse presentare.

Secondo punto da tenere a mente consiste nell’utilizzare gli strumenti di protezione delle proprie posizioni come lo stop loss, che permette di chiudere in anticipo posizioni in perdita.

Questi strumenti sono presenti in tutte le piattaforme di trading, ma molti principianti ne ignorano l’esistenza quindi finiscono per perdere denaro attribuendo poi la colpa al mercato.

Un buon consiglio è quello di partire da un buon corso di trading (qui trovate un ottimo corso gratuito) che spiega le basi degli investimenti.

Non possiamo dare consigli finanziari e quindi non possiamo dire se conviene investire in criptovalute.

Ricordate che nessuno può sapere quale sarà il momento migliore, quando il prezzo sarà arrivato al minimo o al massimo. Quindi fate le vostre valutazioni personali prima di investire in un qualunque asset.

Come investire in criptovalute: guida passo passo

Vediamo per i meno esperti come iniziare a investire operando passo dopo passo.

1. Apriamo come prima cosa un conto gratuito demo su una piattaforma (useremo eToro in quanto è una delle migliori come strumenti e deposito minimo – clicca qui per aprire subito un conto)

2. Una volta iscritti e confermati i dati abbiamo questa schermata che vedete qui sotto dove possiamo selezionare “Portafoglio Virtuale” per poter operare in demo

3. Nella barra laterale andiamo nella sezione “Cerca” e vediamo su quali mercati possiamo investire. Selezioniamo ad esempio Criptovalute e avremo un elenco delle crypto su cui poter investire.

4. Una volta selezionata la criptovaluta su cui vogliamo investire (ad esempio Bitocoin) vedremo una schermata simile a quella qui sotto col prezzo di Bitcoin e due voci “VENDI” o “ACQUISTA”. Scegliamo se vogliamo vendere o acquistare e clicchiamo su “Apri Posizione”.

5. Oppure possiamo scegliere “Ordine” invece di Investi nel menu a tendina e scegliere la quantità di Bitcoin da acquistare invece che l’importo. Il sistema ci calcolerà automaticamente l’importo che spenderemo in base al prezzo di BTC in quel momento:

6. Fatte queste semplici operazioni ed impostato un ordine di acquisto o vendita possiamo andare nella sezione “Portafoglio”, dove vedremo i nostri Bitcoin acquistati o in vendita. Naturalmente è possibile impostare degli stop loss per limitare le perdite nel caso in cui il prezzo vada nella direzione contraria a quello che avevamo previsto.

Bene abbiamo visto come fare queste operazioni nella modalità demo o virtuale. Potete provare ad investire in criptovalute passando ad un conto reale, oppure esercitarvi. Per la modalità reale bastano 50 euro per aprire subito un account su eToro.

Quanto investire in criptovalute

Ma quanto bisogna investire in criptovalute per cominciare? Ricordiamo a tutti i rischi che ci sono in quanto parliamo di un mercato in cui regna la volatilità.

E’ possibile operare facendo analisi tecnica e fondamentale ma tenendo bene a mente il fatto che siamo in un mercato “giovane” che esiste da pochi anni e le cui dinamiche non sono ancora chiare del tutto. Si tratta comunque di una opportunità per tutti che desta molto interesse e curiosità sopratutto per l’impatto che potrà avere negli investimenti.

La storia della finanza è piena di investitori di successo che hanno fatto moltissimi profitti anche con le criptovalute. Non bisogna però commettere l’errore di investire tutto il capitale su Bitcoin o sulle altcoin, in quanto la strategia migliore è sempre quella di diversificare.

Per questi motivi conviene sempre non investire mai più di una percentuale ragionevole del proprio patrimonio, ad esempio il 5-7%. Ricordiamo che investendo nei protocolli legati alla blockchain stiamo investendo in asset sperimentali che possono andare a zero in poco tempo oppure crescere in modo esponenziale.

Valutate bene le condizioni di mercato e fate le vostre analisi per decidere se è il momento di investire al rialzo o al ribasso.

Investire in criptovalute emergenti e carbon neutral

Le normative introdotte recentemente dall’Unione Europea col Mica (Market in Crypto Asset Regulation) mirano a regolamentare il settore sopratutto in materia di antiriclaccio e stablecoin.

Il dibattito è inoltre molto acceso sui temi della sostenibilità ambientale in merito ai meccanismi di consenso dei vari progetti blockchain. Pensiamo, come sapete, al dibattito sul consumo energetico di Bitcoin e sulla Proof of Work.

E’ dunque probabile che in futuro le criptovalute emergenti saranno quelle che rispettano i cosiddetti criteri ESG (environmental, social and governance) e dunque che sono già da oggi carbon neutral o le diventeranno.

Ci sono già oggi progetti molti interessanti che vanno in questa direzione. Vediamone alcuni:

Stellar (XLM)

La blockchain di Stellar è stata lanciata nel 2014. E’ una rete estremamente efficiente ed economica tanto da essere considerata una alternativa credibile a Paypal.

Stellar infatti consente trasferimenti instantanei e transazioni cross asset con costi molto bassi.

Il progetto esiste da qualche anno ma sta tornando di grande moda sopratutto tra gli operatori istituzionali. E’ un progetto gestito dalla Stellar Development Foundation che ha ricevuto numerosi finanziamenti anche da grossi fondi

Il token di Stellar, Lumens (XLM), può essere acquistato e venduto sui principali exchange. Attraverso la rete Stellar è possibile scambiare dollari, Bitcoin e qualsiasi valuta tradizionale. I token Lumen facilitano gli scambi con costi bassissimi che rendono questa rete carbon neutral.

Questo è resto possibile dal protocollo di consente SCP è open-source e si basa sull’autenticazione delle transazioni che avvengono attraverso un insieme di nodi affidabili piuttosto che sull’intero network.

stellar
Stellar (XLM)
Rank: 28
$ 0.085550
Price (BTC)
Ƀ0.00000500
Marketcap
$ 2.20 B
Volume
$ 39.40 M
24h Change
1.22%
Total Supply
50.00 B XLM

Algorand (ALGO)

Algorand è una blockchain proof-of-stake che consrnte lo sviluppo di contratti intelligenti in modo scalabile e sicuro.

Il progetto nasce nel 2019 ed ultimamente è diventato popolare anche grazie agli investimenti che ha ricevuto e alle partnership.

Uno dei fondatori di Algorand, Silvio Micali, è professore di informatica presso il Massachusetts Institute of Technology e vincitore del Premio Turing nel 2012. Si tratta dunque di una blockchain estremamente efficiente e scalabile in termini di performance.

Algorand non prevede il mining e la rete sta investendo molto in sostenibilità per creare una blockchain a emissioni zero. È stata progettata per essere efficiente dal punto di vista energetico fin dall’inizio e nel 2022 è diventata completamente neutrale rispetto al carbonio grazie a partnership con ClimateTrade.

Il token di governance è ALGO.

algorand
Algorand (ALGO)
Rank: 32
$ 0.225291
Price (BTC)
Ƀ0.00001300
Marketcap
$ 1.60 B
Volume
$ 55.42 M
24h Change
1.5%
Total Supply
7.35 B ALGO

Hedera Hashgraph (HBAR)

Un’altra blockchain molto promettente è quella di Hedera Hashgraph, una blockchain in grado di elaborare più di 100.000 TPS (transazioni per secondo) cosa che la renderebbe più efficiente di molte applicazioni in circolazione.

Per fare un esempio il circuito VISA supporta al massimo 40 mila transazioni al secondo. Il token della piattaforma è HBAR che è tipo Proof of Stake e dunque consuma poco a livello di energia.

Hedera Hashgraph è una rete pubblica open source utilizzata per i micro pagamenti ed ha delle commissioni basse. La rete funziona come un grafo piuttosto che come una vera blockchain e questo la rende estremamente efficiente dal punto di vista della scalabilità.

hedera-hashgraph
Hedera (HBAR)
Rank: 37
$ 0.048065
Price (BTC)
Ƀ0.00000300
Marketcap
$ 1.20 B
Volume
$ 12.76 M
24h Change
1.87%
Total Supply
50.00 B HBAR

Investire in criptovalute: le domande frequenti

Che cosa significa investire in criptovalute?

Significa sfruttare le oscillazioni dei prezzi delle quotazioni delle criptovalute per investire al rialzo o al ribasso.

Quali sono le modalità per investire in criptovalute

E’ possibile comprare direttamente le criptovalute su Exchange o fare trading sfruttando la flessibilità dei CFD per negoziare sul prezzo.

Quali sono le criptovalute su cui investire?

Molti investitori comprano le criptovalute più capitalizzate come Bitcoin ed Ethereum. Una buona scelta potrebbe essere quella di studiare anche le blockchain eco friendly che stanno attirando l’attenzione degli enti regolatori e degli investitori istituzionali.

Investire in criptovalute - Riepilogo

Conclusioni

Investire in criptovalute si può rivelare una attività vincente e redditizia se fatta con le dovute precauzioni. E’ essenziale utilizzare gli strumenti migliori e le piattaforme regolamentate con costi bassi.

Cercate di non vedere l’investimento in crypto solo come un mezzo per guadagnare o dal punto di vista speculativo. Le criptovalute hanno anche tanta tecnologia da offrire. E’ vero anche che ci sono molti investitori che si sono arrichiti con le crypto ed altri che probabilmente indovineranno il progetto del futuro su cui puntare.

Da un punto di vista degli investimenti, però, bisogna puntare alla formazione e all’utilizzo di piattaforme sicure per ridurre al minimo i rischi inevitabili e diversificare al massimo.

Per iniziare al meglio investendo nel trading online conviene partire dalla pratica e da un buon conto demo. Vi lasciamo quindi con i collegamenti ufficiali alle migliori piattaforme con conto demo:

si tratta di piattaforme con licenza, regolarmente autorizzate e conti demo gratuiti ed illimitati.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here