Comprare Polkadot (DOT)

Cos’è Polkadot (DOT)? Conviene investire in Polkadot (DOT)?

Il mercato delle criptovalute è tornato in fibrillazione da alcuni mesi e ce ne sono alcune che non si limitano ad essere asset digitali per i pagamenti, ma anche veri e propri sistemi funzionali per la Finanza decentralizzata o per il funzionamento delle stesse blockchain.

Molto interessante è il progetto alla base di Polkadot (DOT) già ritenuta una Ethereum killer.

Ecco una guida completa su Polkadot (DOT) per capirne di più.

La soluzione migliore per operare sulle criptovalute rimane quella dei CFD. Ricordiamo che le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo. Ad esempio OBRinvest (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori critptovalute in circolazione,sfruttando i segnali di trading.

Per saperne di più su questa piattaforma cliccate qui per visitare il sito ufficiale.

Polkadot: cos’è

Polkadot, oltre a prevedere un token, il DOT, è soprattutto una blockhain ideata per unificare tutte le altre reti di criptovalute.

Il nome più comune che gli viene attribuito è rete multi-chain, proprio per la sua capacità di unire altri network. Dunque, agisce come framework, un po’ come il linguaggio HTML mette in contatto siti, browser e server.

Polkadot punta ad ovviare il disordine e i costi eccessivi per i mining di criptovalute. Cosicché gli sviluppatori potranno concentrarsi sul creare dapp e smart-contract utili al sistema.

Migliori piattaforme per investire in criptovalute

Prima di proseguire con la guida vi segnaliamo i migliori broker per fare trading di criptovalute:

Broker Caratteristiche Vantaggi Recensione Apri un conto
Segnali gratuiti Conto demo da 100.000 € Recensione Iscriviti
Plus500 Sicurezza al massimo Deposito minimo, servizio CFD Recensione Iscriviti
eToro Broker ideale per principianti Social e copy trading Recensione Iscriviti
Spread contenuti Piattaforma WebTrader Recensione Iscriviti
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Il progetto di Polkadot

Polkadot

PolkaDot si propone come strumento di interoperabilità per il pieno controllo dei dati da parte dei possessori. Dato che si basa su tanti sistemi blockchain diversi.

La somiglianza con Ethereum non è casuale. A realizzarlo, infatti, è stato il co-fondatore di Ethereum, Gavin Wood. Coadiuvato da Robert Habermeier e Peter Czaban. Oltre ad essere aiutato dalla Web3 foundation. Tutti insieme appassionatamente per realizzatare un nuovo web, del tutto decentralizzato.

Il progetto Polkadot punta a far avvenire lo scambio di informazioni tra una serie di attori principali. Come:

  • blockchain private e pubbliche
  • permissionless
  • oracles
  • tecnologie future non ancora inventate

Mira alla realizzazione di dApp in modo più semplificato, facilitando lo scambio di qualsiasi tipo di dato e non solo token.

In questo modo, si verranno a creare marketplace e nuovi servizi offerti da diversi gestori. Restituendo la proprietà dei dati alle persone stesse, slegandole da ogni autorità centralizzata che potrebbe usarli a proprio comodo. Come del resto già avviene un po’ ovunque.

Anzi, il Manifesto di Polkadot spinge soprattutto sulla questione della protezione dei dati sensibili.

Inoltre, la decentralizzazione avviata con il Bitcoin, mira proprio a dare più potere ai singoli utenti. Inizialmente solo dal punto di vista economico, ma da qualche anno si sta dando peso anche ad altri tipi di decentralizzazioni.

Come appunto le opere dell’ingegno, i dati sensibili, ecc. Una sorta di “People have the power” 2.0.

In sintesi

🏆 Caratteristiche di Polkadot
Blockchain multi-chain Rivale di Ethereum
Criptovaluta DOT
Migliore piattaforma per tradare DOT eToro
Miglior broker con segnali OBRinvest

Polkadot alternativa a Ethereum

Polkadot è definito un Ethereum killer, perché di fatto ne è entrato in concorrenza.

Wood, forte dell’esperienza di Ethereum, ha realizzato una blockchain capace di portare a termine un numero maggiore di transazioni rispetto a quest’ultima.

Oltre a dare agli utenti maggiori possibilità di personalizzare l’utilizzo della piattaforma, creando delle catene di blocchi parallele che funzionano con le modifiche apportate dagli utenti.

Aspetti che generalmente richiedevano il ricorso alle Fork, che si chiamano Hard quando danno vita a criptovalute alternative, ex novo. I casi sono ormai tanti. Dalla prima Hard Fork di Bitcoin, Litecoin, a Bitcoin Cash, la stessa Etheum Classic, ecc.

Gavin Wood ha anche lavorato per Microsoft ed è stato lui a sviluppare il linguaggio che consente, tramite smart contract, di adoperare le applicazioni decentralizzate su Ethereum.

Polkadot consente la creazione di parachains, basate sulla blockchain principale, oltre all’interazione tra blockchain differenti e senza necessità di separarsi dalla blockchain madre di Polkadot per apportare modifiche.

Polkadot grazie a queste caratteristiche si candida per essere una protagonista della DeFi di cui tanto si parla e che in fondo è già realtà.

Polkadot, oltre a tutto questo, prevede anche un token: DOT. Importante anche per altri scopi:

  • assicurarne il funzionamento
  • finanziare i propri progetti
  • attrarre l’utenza tramite ricompense

Dot permette alla blockchain di funzionare in modo democratico e meritocratico. Proprio perché l’utente viene ricompensato per come contribuisce al progetto.

In principio, si erano previsti un numero di Dot totali di circa 10 milioni. Ma nel 2020 il tetto è stato fissato a un miliardo di tokens.

Gli utenti possono guadagnare non solo da eventuali incrementi, ma anche dal pagamento di interessi che arrivano fino al 12% all’anno.

Difficile comunque dire che Polkadot riuscirà a scavalcare Ethereum, visto che quest’ultima è diventata leader della DeFi grazie al linguaggio ERC-20. Oltre a permettere la realizzazione agevole di dApp.

Quindi, più che farsi concorrenza, i due progetti potrebbero finire per collaborare. In una sinergia che può solo favorire tutti.

Come funziona Polkadot

Polkadot mira come detto a mettere in contatto tra loro le blockchain, per consentire di lavorare in parallelo.

Alla base di ciò ci sono le “parachain” per accedere alla convalida proof-of-stake delle transazioni e della sicurezza della rete.

Nella “catena di inoltro” della rete gli indirizzi delle transazioni sono controllati e i dati standardizzati così che ogni sistema sia in grado di comprenderli.

Questa fase serve per mettere il sistema in sicurezza.

Le blockchain collegate a Polkadot possono utilizzare il proprio meccanismo PoS. Decidere quando e come aggiornare il proprio codice ed eseguire le dapps o i token che scelgono.

In questo modo, le reti possono preservare la propria sicurezza ed essere in grado di includere nuovi protocolli.

Polkadot punta a risolvere 2 problemi che affliggono le blockchain:

  1. scalabilità, vale a dire la frequenza delle transazioni che ogni secondo la rete può gestire
  2. governance, vale a dire in che modo la comunità gestisce gli aggiornamenti e le modifiche del protocollo

Piattaforme per investire su Polkadot

Se il progetto Polkadot già ti interessa e stai pensando a quale broker affidarti per sfruttarne le potenzialità, allora puoi provare le seguenti piattaforme di trading che ti enunciamo.

Comprare Polkadot su eToro

eToro si presenta sia come broker che come Exchange.

Nel primo caso, potrai effettuare il trading CFD, quindi comprare la criptovaluta Polkadot in modo indiretto e speculare anche se il prezzo cala. Nel secondo caso, lo possederai direttamente e usarlo come token laddove è possibile.

Con eToro opererai con una piattaforma con licenze, un sistema sempre aggiornato contro gli attacchi Hacker, con un deposito minimo di 200 euro. Commissioni e spread sono molto contenuti.

Puoi iniziare a investire in criptovalute con eToro partendo da qui.

66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Trading DOT su Plus500 con i CFD

Il broker Plus500 prevede invece un deposito minimo di soli 100 euro.

Qui troverai una piattaforma estremamente facile da usare, grafici personalizzabili e anche un sistema di alert mail che ti avvisa quando Polkadot sta compiendo movimenti di prezzo interessanti.

Se ti serve assistenza, puoi chiederla in Live chat, in 32 lingue diverse.

Se vuoi fare pratica senza correre rischi potrai contare su un Conto demo da 100mila euro virtuali.

Puoi iniziare a fare trading CFD sulle criptovalute con Plus500 partendo da qui.

72% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.

Comprare Polkadot su OBRinvest

OBRinvest ti aiuterà a capirne di più su Polkadot, grazie ad ebook da scaricare e webinar da seguire. Ovviamente gratis.

Potrai decidere quale account scegliere tra i 4 disponibili, ciascuno con propri servizi e opportunità.

La vera chicca di OBRinvest sono però i segnali di trading, inviati da un colosso del settore: Trading central. Ti saranno inviati via sms con tutte le indicazioni da seguire.

Puoi iniziare a fare trading CFD sulle criptovalute con OBRinvest partendo da qui.

78,15% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Investire su Polkadot con Capital.com

Il broker Capital.com prevede 3 account diversi, con un deposito minimo di 20 euro.

Sarai aiutato dall’intelligenza artificiale integrata nelle sue piattaforme e potrai esercitarti agevolmente con la app Investmate.

Se sei un tradizionalista e vuoi operare con MT4, Capital.com prevede anche questa.

Troverai tante delucidazioni sul trading girando nel sito e potrai confidare su oltre 70 indicatori ed oscillatori di trading.

Puoi iniziare a fare trading CFD sulle criptovalute con Capital.com partendo da qui.

71.2% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Dot: la criptovaluta di Polkadot

Il token DOT è il token nativo di PolkaDot e assolve 3 diversi compiti:

  1. governance: i proprietari del token hanno completo controllo sul protocollo
  2. staking: il meccanismo è simile a quello di Ethereum, con premi o penalità per incentivare gli utenti nella blockchain a comportarsi bene e disincentivare comportamenti scorretti.
  3. Bonding: per collegare nuove parachain al network è necessario bloccare i token con il processo di bonding.

Oltre a queste funzionalità interne, il token DOT è anche un asset digitale a tutti gli effetti. Di recente, oltretutto, è stato anche inserito nell’elenco di uno degli Exchange più importanti: Binance. E ciò a facilitato l’impennata dei prezzi.

Come investire su Polkadot (DOT)

Due sono le modalità di investimento su Polkadot, escludendo una attiva partecipazione alla blockchain prima accennata.

E’ possibile farlo tramite il trading CFD, quindi investendo con i Contract for difference. E ciò ti consentirà di investire in maniera indiretta sulla criptovaluta, quindi di poter speculare sia se è in rialzo che in ribasso.

Altrimenti, puoi investire con acquisto diretto sugli Exchange, ma in questo caso potrai solo sperare che la criptovaluta salga di prezzo, per utilizzarla ad un prezzo maggiorato.

Se utilizzi gli Exchange, ricorda anche di conservare sempre le criptovalute su wallet “freddi”, chiamati così perché non prevedono il collegamento ad internet per essere utilizzati. Quindi sono al riparo da attacchi Hacker.

Un esempio di wallet freddi sono:

  • wallet cartacei (con Qr code, simili agli scontrini)
  • S-Pen (simili alle comuni pen drive che usi per immagazzinare dati o ascoltare Mp3)
  • software per Pc

Se opti per il trading CFD, la raccomandazione è quella di scegliere broker con regolari licenze.

Blockchain di Polkadot e governance

Il token DOT garantisce a chi lo detiene anche diritti di governance. Rientrano in quest’ultima:

  • le fees ottenute per chi valida le transazioni
  • il diritto di votare le proposte di upgrade del sistema
  • l’aggiunta o la rimozione di Parachains

Una volta pronte, queste ultime saranno operative e gestite tramite il sistema di governance on chain. Nonché eventualmente modificate all’ocorrenza.

Di recente, sempre ai fini della piena governance del progetto da parte degli utenti, è stato lanciato il sistema Kusama. Dove avvengono inizialmente le aste di slot.

Si tratta di un ambiente in cui i progetti vengono testati e sono ottimizzati dagli sviluppatori con regole di consenso e governance proprie.

Quotazione Polkadot in tempo reale

Ecco il grafico della quotazione in tempo reale di Polkadot:

Previsioni Polkadot

Quali sono le previsioni riguardo Polkadot? La criptovaluta ha toccato il suo massimo storico a maggio 2021, quota 47 dollari. Tuttavia, nel corso dello stesse mese il prezzo è più che dimezzato, finendo a 21 dollari.

Secondo diversi analisti, comunque, Polkadot dovrebbe raggiungere i $ 50,00 entro la fine dell’anno.

Bisognerà vedere se il prezzo sarà in grado di compiere un altro rally come quello innescato da gennaio 2021, quando era intorno a quota 9 dollari ed è aumentato di 5 volte in 5 mesi. Forse anche della spinta più generale di tutte le criptovalute.

Con le criptovalute non si possono fare previsioni, ma nel caso di Polkadot parliamo di un progetto che va oltre il semplice asset digitale. E che potrà beneficiare del più generale sviluppo della DeFi.

Riguardo gli altri target price di questi anni, la maggior parte degli analisti danno Polkadot in netto rialzo:

  • 2022: 70 USD
  • 2023: 100 USD
  • 2025: 150 USD

Prendete queste previsioni con le molle e ricordate che uno dei vantaggi del trading CFD è proprio quello che potete investire anche sul ribasso di un asset.

Polkadot: le domande frequenti

Cos’è Polkadot (DOT)?

Si tratta di una criptovaluta la cui Blockchain mira a mettere in connessione le blockchain tra di loro e a superare quelli che sono i problemi tipici del mondo delle criptovalute. Come la scalabilità.

Conviene investire in Polkadot (DOT)?

Il progetto viene dato in forte ascesa, anche se è difficile che prenda il posto di Ethereum. Tuttavia, le prospettive future sono buone e inoltre investendo col trading CFD è possibile guadagnare anche sul ribasso delle criptovalute.

Dove comprare Polkadot (DOT)?

Su broker come eToro e OBRinvest per il trading CFD.

Mentre per l’acquisto diretto puoi provare Exchange come Binance o lo stesso eToro.

Come comprare Polkadot

Conclusioni

Polkadot (DOT) rientra tra quelle criptovalute che punta a migliorare questo mondo, attraverso, in questo caso, il miglioramento della comunicazione tra blockchain diverse.

Polkadot prevede anche il token Dot, che oltre ad essere funzionale per il sistema, è anche una valuta digitale a tutti gli effetti.

Le prospettive riguardo Polkadot sono molto buone ed è un progetto che va seguito costantemente.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.