Piattaforme di trading CFD

Quali sono le cose da considerare quando si sceglie una piattaforma di trading CFD ? I contratti per differenza sono diventati gli strumenti finanziari più scambiati al mondo.

Per fare chiarezza possiamo dire che con un CFD si fa trading sul prezzo di un determinato prodotto o asset che può essere un titolo azionario in borsa, il tasso di cambio di due valute o una materia prima, persino gli indici della Borsa. La variazione di prezzo determina come poter negoziare cercando di prevedere quale direzione prenderà il mercato in un intervallo di tempo prefissato. Queste operazioni di compravendita avvengono tra il trader ed un broker che offre una piattaforma di trading con cui fare le proprie operazioni. Generalmente molti broker offrono anche altri strumenti, tuttavia ci concentriamo oggi su questo strumento che viene utilizzato ormai anche dalle banche italiane. Ecco un elenco delle migliori piattaforme CFD del mercato:

Broker Caratteristiche Vantaggi Recensione Apri un conto
Plus500 Sicurezza al massimo Deposito minimo, servizio CFD Recensione Iscriviti
Markets App e tutorial Trading mobile Recensione Iscriviti
24Option Rendimenti elevati Webinar gratuiti Recensione Iscriviti
Xm broker Conti Zero spread Commissioni basse Recensione Iscriviti
eToro Broker ideale per principianti Social e copy trading Recensione Iscriviti
iqoption Broker con deposito minimo CFD su forex, azioni, criptovalute Recensione Iscriviti
itrader Broker in ascesa CFD e guide trading Recensione Iscriviti
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Come funziona un CFD?

E' importante capire cosa è un CFD e come funziona prima di impegnare il nostro denaro. In generale un contratto di questo tipo replica esattamente il prezzo di un prodotto. Non ci sono restrizioni di tempo nel senso che si può tenere il contratto per il tempo opportuno. Il broker generalmente offre associata anche una leva finanziaria che consente di aumentare potenzialmente i propri profitti utilizzando solo una minima quantità del capitale a disposizione. Il lato negativo è dato dal fatto che ci sono anche rischi di subire perdite.

Ma facciamo un esempio. Se un asset viene valutato ad esempio 25 Euro ed un trader acquista 100 CFD l'operazione totale avrebbe un costo di 2.500 euro. Se il broker offrisse un margine del 50% tramite la leva il trader sarebbe costretto a coprire la metà dell'investimento. Se invece il margine offerto fosse del 5% questa operazione costerebbe solo 125 euro.

Questo esempio vuole chiarire un concetto. La maggior parte dei broker CFD macinano profitti grazie al concetto dello spread ovvero la differenza tra prezzo di vendita ed acquista. Nel momento in cui si apre una posizione vincente ciò significa che i contratti possono essere venduti facendo un profitto e nel giro di poco tempo si può guadagnare denaro con un investimento tutto sommato contenuto.

Trading con i CFD

Piattaforme di trading con i CFD

Per negoziare con i CFD è dunque sufficiente aprire un account presso uno dei broker che abbiamo segnalato ed effettuare il primo deposito. Fatto questo è possibile sfruttare tutte le potenzialità della piattaforma operando su tantissimi asset finanziari.

Per saperne di più su Plus500 clicca qui.

*Attenzione, il tuo capitale è a rischio.

Uno dei vantaggi di questo modo di lavorare sui mercati consiste nella possibilità di negoziare in leva. Come detto questo può essere anche uno svantaggio, tuttavia il vostro compito non è quello di scommettere ma di operare con intelligenza sfruttando gli strumenti a disposizione.

In generale i broker offrono una leva a seconda del tipo di strumenti che si intende negoziare con un margine richiesto che può arrivare fino al 20 per cento. Requisiti più onerosi significano che ci vuole più capitale per fare trading e dunque maggiori rischi.

Un ulteriore vantaggio sta nella globalità di applicazione. Con un broker CFD infatti potete negoziare su azioni di vari paesi, anche quelli del NASDAQ e non solo della borsa italiana. Anzi conviene utilizzare molti titoli conosciuti come quelli tecnologici perchè su di loro in rete ci sono molte più informazioni e dunque maggiori spunti sull'andamento che potranno avere. Ci sono poi asset universali come il petrolio e l'oro che potete comunque utilizzare.

Ma veniamo alla fase di trading vera e propria.

Di solito quando un trader acquista un contratto di dice che apre una posizione long (andare lungo). Questo significa che l'operatore spera di realizzare un profitto con la vendita se il prezzo aumento. Se invece vi aspettate che il prezzo diminuisca si va short.

Facciamo un esempio. Supponiamo di aver previsto che il prezzo di un asset scenda del 10% e che sia attualmente scambiato a 100 Euro. In questo caso apriremmo una posizione di vendita sul mercato per venderla a 100. In caso si diminuzione potremmo riacquistare a 90 realizzando così un profitto di 10 euro.

Questo esempio semplice serve ad evidenziare una cosa : con il trading CFD è possibile guadagnare in ogni situazione di mercato, anche da quelle negative.

La scelta di un Broker CFD

Abbiamo visto nell'elenco ad inizio pagina quali sono i siti migliori in Italia. Ma come capire quando abbiamo a che fare con un broker affidabile ?

Come prima cosa dobbiamo selezionare un sito regolato dalla CONSOB perchè in Italia è l'ente che controlla le società finanziarie. Cercate dunque il numero di licenza sul sito e verificatene anche la reputazione. Basta fare qualche ricerca in rete per capire se abbiamo a che fare con una società seria.

Valutate con cura le recensioni. Come potete vedere cerchiamo sul nostro sito di evidenziare pro e contro di ogni broker quindi non fate affidamento a recensioni che contengono pareri ed opinioni troppo positive. Altro aspetto da valutare è quello della tipologia di sito. Ci sono infatti società che operano in dealing desk cioè con buona probabilità manipola i prezzi dei CFD. E' conveniente usare siti che offrono quotazioni e prezzi con la massima trasparenza. In generale basta controllare che non vengano applicati ulteriori costi e commissioni.

Come vengono gestiti i vostri fondi ? Verificate poi che il denaro sia custodito in conti in banche sicure e separati. Alcuni utilizzano conti comuni ed investono in altre attività mettendo in pericolo gli account. Un sito serio dovrebbe invece consentire sempre di prelevare in ogni momento tutti i soldi versati sul conto di trading.

Da quanto tempo il broker è in attività? I migliori siti operano da anni nel settore. Voi affidereste mai il vostro denaro ad una società sconosciuta? Ovviamente la risposta è no quindi verificate da quanti anni è n attività e se ha un numero elevato di clienti, basta questo per capire se si tratta di piattaforme affidabili e sicure.

Conclusioni

Oggi tutti possono iniziare a fare trading con una piattaforma CFD. Tuttavia abbiamo visto quali sono le domande da porsi per selezionare un broker conveniente che sia di qualità ed affidabile. Ad esempio molti siti mettono a disposizione dei manager che vi assistono in tutto il percorso, ve ne elenchiamo alcuni fra i più noti:

  • Plus500 : il miglior sito italiano per fare trading via CFD su valute, azioni, materie prime ed indici. *Attenzione, il tuo capitale è a rischio..
  • Markets: piattaforma con molte guide da scaricare e servizio di segnali
  • XM.com : è uno dei più corretti. Ottima piattaforma di qualità e seminari di trading per tutti.

Fate la vostra scelta affidandovi a broker onesti. Tramite la gestione del denaro ed il controllo del rischio potrete mettere a punto una strategia di trading che vi possa far guadagnare in modo costante.