Indice -Nikkei sui massimi plurimensili: analisti scommettono sulla borsa giapponese

Reduce da una settimana positiva (+2,55%), il principale listino azionario della borsa di Tokio ha terminato la prima seduta di questa nuova ottava in calo dello 0,26% a 23.558 punti.

Indice Nikkei che comunque si conferma in tenuta, vicino ai massimi degli ultimi 7 mesi, toccati lo scorso Venerdì 9 Ottobre a quota 23.725 punti. La performance dal primo Gennaio di quest’anno fa segnare un pareggio, mentre dai minimi dello scorso Marzo toccati in area 16.000 punti è tuttora in corso un rally del 45%.

Dai dati diffusi dal Ministero delle Finanze nipponico è emerso che nella settimana terminata lo scorso 2 Ottobre gli investitori stranieri hanno comprato azioni giapponesi per un controvalore di 530,9 miliardi di yen, ovvero per quasi 5 miliardi di dollari. Si è trattato del quantitativo più elevato dell’ultimo anno.

Gli analisti di numerose case d’affari e fondi d’investimento stanno suggerendo di puntare sulla borsa giapponese, in quanto ritengono che l’economia del Paese del Sol Levante sarà tra le prime a reagire nel corso del futuro scenario post-Covid-19.

Va inoltre sottolineato anche che l’attuale realtà dei contagi da coronavirus in Giappone è decisamente più leggera rispetto agli altri Paesi. Il numero dei nuovi positivi non ha mai superato le 1.000 unità giornaliere.

Timidi segnali di ripresa si sono evidenziati con la stima migliore delle attese degli ordini di macchinari nel mese di Agosto, con la componente core in aumento dello 0,2% su base mensile, mentre gli analisti sia spettavano un calo dell’1%. Tuttavia, la suddetta lettura ha rilevato una frenata rispetto al +6,3% di Luglio. Su base annua, invece, gli ordinativi di macchinari, sempre ad Agosto, hanno mostrato una contrazione del 15,2%, facendo meglio del calo del 15,6% del consensus e della flessione del 16,2% registrata a Luglio.

Stenta ancora a decollare l’inflazione misurata dall’indice dei prezzi alla produzione, che a Settembre è scesa dello 0,8% su base annua, facendo peggio del -0,5% delle attese e che corrispondeva anche alla precedente stima di Agosto. La lettura su base mensile ha invece rivelato una contrazione dello 0,2%, in peggioramento rispetto al +0,2% della precedente stima e rispetto al dato invariato espresso dal consensus degli analisti.

Nonostante la politica espansiva della Bank Of Japan, sull’economia giapponese aleggia ancora lo spettro della deflazione, ma al momento, come anticipato, gli investitori stanno scommettendo su uno scenario espansivo.

Quale momento migliore per investire su questo indice? Molti trader stranno sfruttando le piattaforme CFD per negoziare sul prezzo. L’aspetto che ci preme sottolineare è dato dal fatto che bisogna usare solo e SOLTANTO piattaforme regolate. Un esempio può essere Forex TB che è uno dei siti più usati in Italia. Per visitare il sito ufficiale clicca qui.

Andamento Indice Nikkei sul Breve-Medio Periodo

Il quadro tecnico di breve-medio periodo dell’indice Nikkei, al momento, è saldamente impostato al rialzo. Le quotazioni, una manciata di sedute fa, hanno reagito dopo aver toccato l’importante supporto rappresentato dalla media mobile a 50 giorni ( la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico con time-frame giornaliero).

Tuttavia, non si escludono ulteriori pull-back di conferma sui primi sostegni di brevissimo che si collocano sulle EMA minori, a 10 e 25 giorni ( rispettivamente la prima linea dall’alto verso il basso e la linea mediana sul grafico). I due supporti transitano in ordine a quota 23.445 e 23.328 punti.

Soltanto in caso di eventuale discesa sotto EMA 50, il quadro tecnico potrebbe volgere in negativo, con prime possibili proiezioni ribassiste in area 22.250-22.000 punti.

L’eventuale break-out della forte area di resistenza che passa tra 23.700 e 24.000 punti, invece, potrebbe attivare un target rialzista con primo obiettivo in area 24.800-25.000 punti.

Ti potrebbe interessare anche: Trading automatico: le migliori strategie.

Pattern di Trading Indice Nikkei – Valido da 1 a 5 Giorni

Il pattern di trading rialzista si attiva con close oraria maggiore di 23.620 punti e pronostica i primi due target price in area 23.710 e 23.856 punti; stop loss in caso di discesa sotto 23.475 punti in close orario.

Mantenere o incrementare le operazioni al rialzo in caso di allungo oltre 23.856 punti in chiusura oraria o giornaliera, per sfruttare eventuali estensioni al rialzo prima a 24.004 punti e successivamente a 24.152 punti; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto 23.532 punti in chiusura di oraria o di giornata.

Insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di 24.152 punti, per cercare di prendere profitto in area 24.301 e 24.542 punti, estesa a 24.788 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 23.856 punti in chiusura di candela oraria.

Long sulla debolezza in caso di affondo in area 22.550 punti, per sfruttare eventuali rimbalzi a 22.778 e 22.920 punti, estesi a 23.151 punti; stop loss in caso di ulteriori avvitamenti sotto la soglia dei 22.325 punti in chiusura daily.

Il pattern ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria sotto 23.475 punti, e fissa i primi due obiettivi in area 23.385 e 23.240 punti; stop loss in caso di chiusura oraria oltre 23.620 punti.

Mantenere o incrementare le operazioni Short in caso di discesa sotto 23.240 punti in chiusura di candela oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in prima battuta a 23.151 punti e successivamente a 23.063 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di quota 23.532 punti in chiusura oraria o daily.

Lecito attivare nuove posizioni corte con chiusura oraria minore di 23.063 punti, per sfruttare eventuali flessioni in area 22.920 e 22.778 punti, estesi a 22.550 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 23.385 punti in chiusura oraria.

Short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 24.788 punti, in ottica di veloci pull-back a 24.542 e 24.301 punti, estesi a 24.152 punti; stop loss in caso di allungo oltre 25.035 punti in chiusura di giornata.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *