Prezzo Oro vola sui massimi dal 2011 oltre i 1.800 dollari l’oncia

Continua a mantenersi elevato l’interesse degli investitori sull’oro, in un periodo in cui l’incertezza sul futuro degli altri asseti, azioni e petrolio su tutti, causa pandemia da Covid-19, rimane molto elevata. Le quotazioni del metallo giallo, spingendosi fino ad un top intraday a 1.807,70 dollari si sono portate sui livelli più alti dal 2011.

Oro giù dai massimi di periodo appena indicati dopo che il mercato del lavoro USA, sotto forma di Non-Farm Payrolls ha lanciato un deciso segnale di risveglio. Il numero delle nuove buste paga nei settori non agricoli degli Stati Uniti, a Giugno, sono aumentate di 4,8 milioni di unità, in netta crescita dalle +2,699 milioni di unità del dato finale di Maggio (rivisto al rialzo da +2,509 milioni della prima comunicazione). Decisamente battuti anche i pronostici degli analisti, che invece avevano indicato un valore pari a +3,23 milioni di unità.

In miglioramento anche il tasso di disoccupazione, sceso all’11,1% dal 13,3% della precedente stima mensile. Superate le aspettative degli analisti, che indicavano un valore pari al 12,5%.

Il Dipartimento per il Lavoro a stelle e strisce ha inoltre reso noto che i salari medi orari, sempre lo scorso mese, hanno subito una contrazione dell’1,2%, facendo seguito al calo dell’1% registrato a Maggio. La variazione su base annua ha invece mostrato un incremento del 5% (attese +5,3%), ma tuttavia in lieve frenata rispetto al +6,6% di Maggio.

Nonostante l’ottima lettura delle NFP, le richieste settimanali di sussidio di disoccupazione, nell’ottava terminata il 27 Giugno, sono aumentate di 1,427 milioni di unità, in lieve flessione rispetto a +1,482 milioni di unità della precedente stima. Gli analisti invece si aspettavano un risultato pari a +1,35 milioni di unità.

Il totale dei richiedenti sussidio rimane su livelli molto elevati a +19,29 milioni di unità, mentre gli analisti si aspettavano una flessione a 19 milioni di unità.

Incoraggiante il dato sugli ordinativi di fabbrica, aumentati dell’8% su base mensile, a Maggio, in netta ripresa dal-13,5% di Aprile. Confermata in forte crescita la lettura finale degli ordinativi di beni durevoli nel mese di Maggio, balzati del 15,7%, in linea con stima flash ed attese degli analisti, in entrambi i casi pari a +15,8%.

In peggioramento, invece, il saldo della bilancia commerciale degli Stati Uniti del mese di Maggio, in rosso per 54,6 miliardi di dollari, contro il deficit di 49,8 miliardi di dollari di Aprile. Lettura lievemente peggiore anche delle attese degli analisti, che indicavano un disavanzo di 53,6 miliardi di dollari.

Attualmente la soluzione migliore per fare trading sulle materie prime è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker ForexTB. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento Quotazioni Oro sul Breve-Medio Periodo


Dopo aver rinnovato i propri massimi pluriennali oltre area 1.800 dollari, il prezzo dell’oro ha chiuso la scorsa ottava a 1.787,60 dollari.

L’impostazione di brevissimo e breve-medio periodo rimane decisamente rialzista, ma i prezzi fanno ancora fatica a lasciarsi definitivamente alle spalle le tre medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni, che hanno da supporti.

A poca distanza dagli attuali valori, a quota 1.778 dollari, circa, si colloca la media mobile a 10 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico giornaliero, in alto).

Il primo sostegno daily, rappresentato da EMA 25 (la linea mediana sul grafico), passa invece in area 1.758 dollari; mentre il fondamentale supporto multiday transita su EMA 50 (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), in area 1.735 dollari.

Con un deciso break-out di area 1.800 dollari l’obiettivo di breve periodo si colloca in area 1.900 dollari.

Modello di Trading sull’Oro – Valido da 1 a 5 Giorni

Il modello di trading Long si attiva con chiusura oraria oltre quota 1.295,05$ e consiglia di prendere i primi profitti a quota 1.299,25 e 1806,10 dollari; stop loss in caso di discesa sotto quota 1.282,10$.

Mantenere o sovrappesare le operazioni rialziste in caso di break-out orario di quota 1.806,10$, per cercare di approfittare di eventuali allunghi in prima battuta a quota 1.813$ e successivamente a quota 1.824,20$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto 1.787,60$ in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni Long in caso di estensioni al rialzo sopra quota 1.824,20$ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori balzi in area 1.835,45 e 1.853,80 dollari, estesi in area 1.872,35$; stop loss in caso di ritorno sotto 1.804$ in close orario.

Suggeriti acquisti sulla debolezza in caso di affondo in area 1.729,80$, per tentare di sfruttare eventuali rimbalzi in area 1.740,56 e 1.751,38 dollari, estesi in area 1.766,30$; stop loss in caso di possibili flessioni sotto quota 1.710$ in chiusura daily.

Il modello di trading Short, invece, prende forma con chiusura oraria minore di quota 1.782,10$ e fissa i primi due obiettivi in area 1.774,17 e 1.771,17 dollari; stop loss in caso di recupero sopra 1.795,05$ in chiusura oraria.

Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di discesa sotto quota 1.771,17$ in chiusura di candela oraria, per tentare di ricoprirsi in primo luogo a quota 1.766,30$ e successivamente a quota 1.758,10$; stoppare le operazioni in caso di ritorno sopra quota 1.787,60$ in close orario.

Si consiglia insistere con nuove posizioni Short in caso di flessione sotto quota 1.758,10,$ in chiusura di candela oraria, per sfruttare eventuali cali in area 1.751,38 e 1.740,56 dollari, estesi in area 1.729,80$; stoppare le operazioni in caso di recupero oltre quota 1.777,17$ in close orario.

Short speculativi in caso di allungo in area 1.872,35$, per approfittare di eventuali prese di profitto in area 1.853,80 e 1.835,45 dollari, estese in area 1.824,20$; stop loss con close daily sopra quota 1.891$.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *