Il Cambio EUR-USD Si Riporta sui Massimi dallo Scorso Marzo Sopra Area 1,11

Il cross Euro-Dollaro rompe con decisione la forte resistenza tecnica rappresentata da area 1,10-1,102. Mentre scriviamo il rapporto di cambio tra la moneta unica europea ed il biglietto verde sta facendo segnare un incremento dello 0,24% a 1,1124, non lontano dai massimi intraday toccati a 1,1153. La coppia di valute più scambiata sul mercato del Forex, grazie al balzo di oggi, si è riportata sui valori di metà Marzo.

Dollaro giù sull’Euro nonostante le tensioni politiche internazionali, soprattutto sul fronte USA-Cina, rimangono ancora molto alte. Trump ha graziato Pechino evitando rompere la tregua sui dazi, come ritorsione contro le nuove leggi imposte ad Hong Kong. Il governo cinese, da parte sua, invece, sembra non essere intenzionato a tollerare ingerenze statunitensi nella propria politica interna, e sarebbe pronta ad ordinare alle proprie aziende il blocco dell’import di soia e suini dagli Stati Uniti.

Sotto l’aspetto macro, i primi dati arrivati dall’Eurozona hanno visto l’indice IHS Markit PMI settore Manifatturiero del mese di Maggio assestarsi a 39,4 punti. Il suddetto indicatore si trova ancora abbondantemente sotto la soglia di espansione dei 50 punti, ma in buona ripresa dai minimi a 33,4 punti segnati ad Aprile. La riapertura di gran parte delle attività ha generato il deciso rimbalzo appena indicato e gli analisti rimangono fiduciosi che il recupero verso la normalità possa proseguire anche a Giugno.

Negli USA, invece, l’attività manifatturiera misurata dall’Institute for Supply Management (ISM), lo scorso mese, si è assestata a 43,1 punti, in lieve ripresa dai 41,5 punti di Aprile. Gli analisti, tuttavia, si aspettavano un miglioramento lievemente più elevato, a 43,8 punti.

La lettura finale dell’indicatore PMI Manifatturiero elaborata da Markit ha mostrato un risultato pari a 39,8 punti, in linea con il consensus e la stima preliminare(40 punti). Il dato è stato superiore a quello registrato ad Aprile, pari a 36,1 punti.

Entrambe le stime relative all’attività manifatturiera made in USA, nonostante il miglioramento rispetto al mese precedente rimangono sotto la soglia di espansione dei 50 punti.

Molti analisti stanno utilizzando le piattaforme di trading CFD per approfittare di questa situazione . Ad esempio si può utilizzare eToro (trovi qui il sito ufficiale) per negoziare grazie agli utili servizi di copy trading e social trading. Per saperne di più sui servizi del broker eToro clicca qui.

Andamento Cross EUR-USD sul Breve-Medio Periodo

Quadro tecnico di brevissimo e breve-medio periodo positivo per la coppia Euro-Dollaro che, come ben visibile sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, si è riportata al di sopra delle medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni.

L’accelerazione rialzista è arrivata con il break-out del forte ostacolo in area 1,10-1,102. Sotto l’aspetto tecnico, inoltre, è stato fondamentale il movimento dell’EMA 10 (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico) che ha tagliato al rialzo le EMA a 25 e 50 giorni (rispettivamente la linea mediana e la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico).

A questo punto, le quotazioni potrebbero dirigersi rapidamente verso il primo obiettivo di brevissimo posto in area 1,12-1,125. In caso di break-out settimanale dei livelli appena indicati, possibili accelerazioni in area 1,14. Tuttavia, non si esclude un possibile pull-back di conferma sul primo supporto, che cade su EMA 10, poco sopra area 1,10.

Allarme rosso soltanto in caso di discesa, in chiusura daily, al di sotto delle EMA maggiori, a 25 e 50 periodi, che si collocano rispettivamente in area 1,094-1,093. Persi i supporti appena indicati , possibili accelerazioni al ribasso verso area 1,085-1,08.

Modello di Trading sul Cambio Dollaro-Yen – Valido da 1 a 5 Giorni

Il modello di trading rialzista prende forma in caso di ritorno sopra quota 1,1148 in close orario e fissa i primi due obiettivi in area 1,1175 e 1,1217; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,1106 in chiusura oraria.

Mantenere o incrementare le posizioni Long in caso di allungo oltre quota 1,1217 in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 1,1244 e successivamente a quota 1,1286; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,1153 in close orario.

Lecito insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di quota 1,1286 per approfittare di possibili allunghi in area 1,1313 e 1,1356, estesi a quota 1,14; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 1,1175 in chiusura oraria.

Consigliata l’apertura di Long sulla debolezza in caso di affondo in area 1,086 per sfruttare eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 1,091 e in un secondo momento a quota 1,0943, estesi a quota 1,097; stop loss in caso di discesa sotto quota 1,079 in close giornaliero.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria minore di quota 1,1106 e prevede i primi due target price in area 1,1079 e 1,1037; stop loss in caso di close orario sopra quota 1,1148.

Mantenere o aumentare l’esposizione ribassista in caso di close orario sotto quota 1,1037 per cercare di prendere profitto in primo luogo a quota 1,1011 e successivamente a quota 1,097;stop loss in caso di recupero sopra quota 1,1106 in chiusura oraria.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di rottura oraria di quota 1,097, per cercare di ricoprirsi in area 1,0943 e 1,091, estesa a quota 1,086; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,1037 in close orario

Suggerita l’apertura di Short speculativi in caso di approdo in area 1,14, per approfittare di eventuali storni in prima battuta a quota 1,1356 e successivamente a quota 1,1313, estesi a quota 1,1244; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 1,147 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *