L’Indice Ftse Mib Guadagna il 2% Trainato da Titoli Petroliferi e Intesa SanPaolo

Ritornano gli acquisti a Piazza Affari, dove l’indice Ftse Mib ha strappato un rialzo del 2,06%, chiudendo la sessione di Martedì 5 Maggio a 17.387 punti.

Il listino delle Blue Chips italiane è salita al traino degli indici di Wall Street, rinvigoriti dopo due giorni di cali. Il buon vento sulle principali borse mondiali è arrivato con il susseguirsi dell’allentamento delle misure di contenimento sociale in molte nazioni, tra cui l’Italia, dove, da ieri, sono ritornate a lavoro 4,5 milioni di persone.

Il lento processo di ritorno verso la normalità che si sta avviando in questi giorni alimenta inoltre le speranze di un ritorno ai consumi di petrolio, un’aspettativa che ha rimesso le ali ai titoli del comparto OIL del Ftse Mib. Eni ha messo a segno un incremento del 5%, balzo del 5% per Tenaris, mentre Saipem è cresciuta dell’1%.

Pioggia di acquisti anche sul titolo Intesa Sanpaolo, in ascesa del 5,7%, in scia ad una brillante trimestrale, nonostante il mese di Marzo sia stato influenzato dagli effetti negativi legati alla pandemia da Covid-19. I conti dell’istituto di credito guidato dall’AD Messina hanno mostrato un utile prima delle tasse in rialzo del 7% su base annua, pa ri a 1,92 milioni di euro, decisamente superiore alle attese degli analisti. L’ottimo risultato ha principalmente beneficiato dall’aumento dei ricavi derivanti da operazioni da trading.

Bene anche FCA, in aumento dell’1,4%, nonostante il crollo del 96% delle vendite di auto in Italia, fatto registrare ad Aprile. La casa automobilistica italo-americana ha inoltre reso noto i conti relativi al primo trimestre, che hanno evidenziato un fatturato pari a 20,6 miliardi di euro, lievemente inferiore alle aspettative, per 500 milioni di euro. L’AD del gruppo, Mike Manley ha ribadito che l’aggregazione con Peugeot andrà avanti sia nei termini che nei tempi stabiliti.

Miglior titolo del Ftse Mib, Prysmian, in rally dell’8%, grazie all’arrivo della notizia di una vincita di una commessa del valore di 500 milioni di euro per la produzione e la relativa posa e manutenzione di un elettrodotto nella Germania meridionale.

Quale momento migliore per investire su questo indice? Molti trader stranno sfruttando le piattaforme CFD per negoziare sul prezzo. L’aspetto che ci preme sottolineare è dato dal fatto che bisogna usare solo e SOLTANTO piattaforme regolate. Un esempio può essere Forex TB che è uno dei siti più usati in Italia. Per visitare il sito ufficiale clicca qui.

Andamento Future Indice Ftse Mib sul Breve-Medio Periodo


Seduta decisamente positiva anche per il FIB, che mentre scriviamo sta guadagnando l’1,75% a 17.215 punti. Il derivato dell’indice Ftse Mib con scadenza a Giugno 2020 sta tuttavia indietreggiando dai top intraday toccati a 17.285 punti.

Come in evidenza sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, le quotazioni, sul finire della scorsa ottava sono state respinte dalla forte resistenza che si colloca sulla media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico).

Sul brevissimo, il quadro tecnico è estremamente in bilico. Le medie mobili minori, a 10 e 25 giorni (rispettivamente la linea di colore azzurro e la linea rossa sul grafico), si sono ristrette e passano sui livelli attuali, nell’ordine a 17.220e 17.290 punti. L’uscita da un lato piuttosto che dall’altro determinerà la direzione delle prossime 1-2 settimane.

Oltre EMA 50, che transita in area 18.260 punti, attesi allunghi in area 18.800-19.200 punti; sotto area 16.900 punti, invece, pericolo di ulteriori ribassi con primo target in area 16.200-16.000 punti ed obiettivo successivo ben più profondo, verso area 15.500 punti.

Pattern di Trading Future Indice Nasdaq – Valido da 1 a 5 Giorni

Il pattern di trading rialzista prende forma con close oraria maggiore di 17.290 punti e pronostica i primi due target price in area 17.355 e 17.460 punti; stop loss in caso di discesa sotto 17.175 punti in close orario.

Mantenere o incrementare le operazioni al rialzo in caso di allungo oltre 17.460 punti in chiusura oraria o giornaliera, per sfruttare eventuali estensioni al rialzo prima a 17.570 punti e successivamente a 17.635 punti; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto 17.290 punti in chiusura di oraria o di giornata.

Insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di 17.635 punti, per cercare di prendere profitto in area 17.925 e 18.100 punti, estesa a 18.395 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 17.355 punti in chiusura di candela oraria.

Long sulla debolezza in caso di affondo in area 16.235 punti, per sfruttare eventuali rimbalzi in primo luogo a 16.395 punti e successivamente a 16.500 punti, estesi a 16.730 punti; stop loss in caso di ulteriori avvitamenti sotto la soglia dei 15.970 punti in chiusura daily.

Il pattern ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria sotto 17.175 punti, e fissa i primi due obiettivi in area 17.105 e 17.005 punti; stop loss in caso di chiusura oraria oltre 17.290 punti.

Mantenere o incrementare le operazioni Short in caso di discesa sotto 17.005 punti in chiusura di candela oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in prima battuta a 16.900 punti e successivamente a 16.730 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di quota 17.215 punti in chiusura oraria o daily.

Lecito attivare nuove posizioni corte con chiusura oraria minore di 16.730 punti, per sfruttare eventuali flessioni in area 16.500 e 16.395 punti, estesi a 16.235 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 17.005 punti in chiusura oraria.

Short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 18.395 punti, in ottica di veloci pull-back di prezzo prima a 18.100 punti e successivamente a 17.925 punti, estesi a 17.635 punti; stop loss in caso di allungo oltre 18.700 punti in chiusura di giornata.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *