Euro poco mosso sul Dollaro in attese di meeting Fed e Bce

La coppia EUR-USD lotta da ormai più di una settimana per rimanere agganciata all’importante soglia di supporto di breve-medio periodo individuata in area 1,08. Da oltre un’ottava, infatti, le quotazioni si muovono in uno stretto trading-range con estremi a 1,092 ed 1,072, con quota 1,08 a fare da pivot centrale. La fuoriuscita da un lato piuttosto che dall’altro della congestione appena segnalata potrebbe dettare il futuro andamento del rapporto di cambio tra Euro e biglietto verde.

Cross EUR-USD che ha trovato recentemente supporto nel parziale “sì“ di Bruxelles ai cosiddetti “Recovery Fund “, ovvero il fondo per far fronte all’emergenza coronavirus che sta mettendo a dura prova le economie di tutti i Paesi dell’Eurozona. La palla adesso passerà alla Commissione Europea che dovrà far nascere questo nuovo strumento che per la prima volta prevede la condivisione del debito tra gli stati UE. Rimangono però gli scetticismi del Paesi nordici del Vecchio Continente, capitanati da Germania ed Olanda, restii ad avere manica larga con paesi altamente indebitati come Italia, Spagna e la stessa Francia, che negli ultimi anni aveva stretto un’alleanza granitica con Berlino sul fronte finanziario. Evidentemente il Covid-19 è riuscito anche a spostare gli equilibri politico-economici, che fino a qualche mese fa sembravano destinati a durare per sempre, con gli dell’area mediterranea messi sempre all’angolo.

La coppia EUR-USD grazie al parziale accordo sul Recovery Fund è riuscita quindi a neutralizzare i pessimi dati macro arrivati negli ultimi giorni, tra cui la lettura preliminare dell’indice di fiducia dei consumatori dell’Eurozona del mese di Aprile. La suddetta stima ha evidenziato un crollo a -22,7 punti, facendo peggio dei -20 punti delle attese e dei -11,6 punti di Febbraio.

L’attenzione degli operatori del mercato del Forex nelle prossime ore sarà quasi esclusivamente rivolta ai meeting della Federal Reserve e della Banca Centrale Europea, ma anche alla diffusione dei dati sul PIL USA del primo trimestre, sia negli USA che nell’Eurozona.

Molti analisti stanno utilizzando le piattaforme di trading CFD per approfittare di questa situazione . Ad esempio si può utilizzare eToro (trovi qui il sito ufficiale) per negoziare grazie agli utili servizi di copy trading e social trading. Per saperne di più sui servizi del broker eToro clicca qui.

Andamento cross EUR-USD sul Breve-Medio Periodo


Mentre scriviamo la coppia Euro-Dollaro viene scambiata sulla parità, in area 1,082. Come in evidenza sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, il tentativo di recupero odierno, dopo un massimo intraday in area 1,06, ha dovuto fare i conti con la media mobile a 10 giorni ( la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico ) EMA 10, pertanto, rappresenta il primo ostacolo di brevissimo, che se superato potrebbe favorire un allungo delle quotazioni verso la resistenza successiva, che passa sulla media mobile a 25 giorni ( la linea mediana sul grafico ), che si colloca in area 1,089.

L’impostazione tecnica di breve-medio periodo, tuttavia, rimarrà ribassista finché le quotazioni si manterranno al di sotto della media mobile a 50 giorni ( la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico), che transita in area 1,0935.

L’eventuale break-out di EMA 50, in chiusura daily o meglio ancora settimanale, potrebbe favorire un possibile ritorno in area 1,10, in prima battuta, per poi puntare ad un’ulteriore estensione al rialzo in area 1,12, con step intermedio in area 1,11.

Il mancato superamento delle EMA minori e l’eventuale discesa sotto area 1,07, invece, potrebbe causare ulteriori affondi con target in area 1,06-1,055 o nel peggiore dei casi in area 1,04.

Modello di Trading sul cambio Euro-Dollaro – Valido da 1 a 5 Giorni

Il modello di trading rialzista prende forma in caso di ritorno sopra quota 1,0861 in close orario e fissa i primi due obiettivi in area 1,0887 e 1,0929; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,0821 in chiusura oraria.

Mantenere o incrementare le posizioni Long in caso di allungo oltre quota 1,0929 in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 1,0955 e successivamente a quota 1,0997; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,0853 in close orario.

Lecito insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di quota 1,0997 per approfittare di possibili allunghi in area 1,1039 e 1,1107, estesi a quota 1,1176; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 1,0929 in chiusura oraria.

Consigliata l’apertura di Long sulla debolezza in caso di affondo in area 1,054 per sfruttare eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 1,0647 e in un secondo momento a quota 1,0687, estesi a quota 1,0754; stop loss in caso di discesa sotto quota 1,0475 in close giornaliero.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria minore di quota 1,0821 e prevede i primi due target price in area 1,0795 e 1,0754; stop loss in caso di close orario sopra quota 1,0861.

Mantenere o aumentare l’esposizione ribassista in caso di close orario sotto quota 1,0754 per cercare di prendere profitto in primo luogo a quota 1,0728 e successivamente a quota 1,0687;stop loss in caso di recupero sopra quota 1,0821 in chiusura oraria.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di rottura oraria di quota 1,0687, per cercare di ricoprirsi in area 1,0647 e 1,0581, estesa a quota 1,054; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,0754 in close orario

Suggerita l’apertura di Short speculativi in caso di approdo in area 1,1176, per approfittare di eventuali storni in prima battuta a quota 1,1107 e successivamente a quota 1,1039, estesi a quota 1,0997; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 1,1222 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *