L’euro precipita ai minimi pluriennali sul dollaro: QE illimitato da FED a sostegno economia USA

La forte avversione al rischio verso il mercato azionario ed al tempo stesso delle materie prime ha ridato forte vigore al biglietto verde. Di conseguenza ne ha fatte le spese il cambio EUR-USD. Il rapporto di cambio tra la moneta unica europea ed il biglietto verde ha terminato la scorsa ottava con un bilancio a 5 sedute pari a-3,7%. La coppia ha infatti terminato gli scambi a 1,0695, vicino ai minimi da Aprile 2017, toccati a quota 1,0637.

Mentre scriviamo il cambio Euro-Dollaro guadagna poco più di mezzo punto percentuale, scambiando in area 1,075, ma tuttavia in flessione rispetto al top intraday raggiunto a quota 1,0827. Le quotazioni si sono impennate dopo l’annuncio di QE illimitato da parte della FED, che per scongiurare una forte crisi finanziaria intende comprare bond governativi e bond emessi da altri soggetti pubblici, come i municipi, “per l’ammontare necessario al fluido funzionamento del mercato”. Il segretario al tesoro statunitense, Steven Mnuchin, ha inoltre reso noto l’ emissione di numerosi bond a lunga e lunghissima scadenza, principalmente trentennali. In settimana il piano piano dovrebbe essere sottoposto ad approvazione al Congresso, e prevede anche la possibilità per il Tesoro di comprare quote di aziende, senza però arrivare ad una nazionalizzazione.

Continua a regnare la volatilità anche sul mercato del Forex, dove la coppia di valute più scambiata nel giro di una decina di sedute ha lasciato sul terreno ben otto figure e mezzo. Il cross EUR-USD., infatti, soltanto il 9 Marzo si era spinto fino ad un top intraday a quota 1,1494, che ha rappresentato il picco da Gennaio 2019. In circa due settimane, pertanto, l’escursione massimo minimo del periodo in esame ha superato quella di un intero anno. Nel 2019, infatti, lo spread tra il massimo ed il minimo a 12 mesi era stato infatti di poco superiore alle 8 figure.

Dalle sale operative broker ed analisti fanno notare che la richiesta del biglietto verde rimane molto alta. Il biglietto verde viene infatti concepito come un asset 2 safe haven “ in un contesto di mercato che rimane caratterizzato da condizioni di stress. L’offerta della divisa statunitense è rimasta debole rispetto alla domanda, nonostante gli interventi coordinati della Federal Reserve e degli altri principali istituti di credito centrali.

Molti analisti stanno utilizzando le piattaforme di trading CFD per approfittare di questa situazione . Ad esempio si può utilizzare eToro (trovi qui il sito ufficiale) per negoziare grazie agli utili servizi di copy trading e social trading. Per saperne di più sui servizi del broker eToro clicca qui.

Andamento cross EUR-USD sul breve-medio periodo

Quadro tecnico di brevissimo e breve-medio periodo estremamente debole per la coppia Euro-dollaro che, come in evidenza sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, si è portata abbondantemente sotto le tre medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 periodi.

Area 1,07-1,065, tuttavia, potrebbe rappresentare un valido supporto da cui quantomeno imbastire un timido rimbalzo tecnico. La prima resistenza di brevissimo si colloca sull’EMA a 10 periodi ( la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico ), che transita in area 1,0933.

La pressione ribassista può invece allentarsi in caso di recupero sopra area 1,10-1,102 livello su cui passano le medie mobili a 25 e 50 giorni. Oltre l’area appena indicata aumentano le possibilità di allungare nuovamente verso quota 1,12-1,125, con step intermedio in area 1,11.

L’eventuale ritorno sotto area 1,07-1,068 con molte probabilità può causare un nuovo test dei recenti minimi a quota 1,0637, persi i quali aumentano le chance di ulteriori flessioni in area 1,05 o nel peggiore dei casi a quota 1,04.

Modello di trading sul cambio euro-dollaro valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista prende forma in caso di ritorno sopra quota 1,0786 in close oraria e fissa i primi due obiettivi in area 1,0811 e 1,0852; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,0742 in chiusura oraria.

Mantenere o incrementare le posizioni Long in caso di allungo oltre quota 1,0852 in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 1,0919 e successivamente a quota 1,0961; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,0779 in close oraria.

Lecito insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di quota 1,0961 per approfittare di possibili allunghi in area 1,1029 e 1,1097, estesi a quota 1,1166; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 1,0919 in chiusura oraria.

Consigliata l’apertura di Long sulla debolezza in caso di affondo in area 1,0479 per sfruttare eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 1,0544 e in un secondo momento a quota 1,0609, esteso a quota 1,0675; stop loss in caso di discesa sotto quota 1,04 in close giornaliera.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria minore di quota 1,0742 e prevede i primi due target price in area 1,0716 e 1,0675; stop loss in caso di close oraria sopra quota 1,0786.

Mantenere o aumentare l’esposizione ribassista in caso di close oraria sotto quota 1,0675 per cercare di prendere profitto in primo luogo a quota 1,065 e successivamente a quota 1,0609;stop loss in caso di recupero sopra quota 1,0742 in chiusura oraria.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di rottura oraria di quota 1,0609, per cercare di ricoprirsi in area 1,0584 e 1,0544, estesa a quota 1,0479; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,0675 in close oraria.

Suggerita l’apertura di Short speculativi in caso di approdo in area 1,1166, per approfittare di eventuali storni in prima battuta a quota 1,1097e successivamente a quota 1,1029, estesi a quota 1,0961; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 1,1235 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *