La coppia bitcoin-dollaro sfonda area 10.000

Come era stato ampiamente pronosticato nelle scorse settimane, il cross BTC-USD ha raggiunto e sfondato area 10.000. Rotta al rialzo la forte resistenza tecnica e psicologica, il rapporto di cambio tra la regina delle criptovalute ed il biglietto verde ha toccato un top a 10.489, un livello che non si vedeva dallo scorso Settembre.

Aldilà dei fattori tecnici la coppia BTC-USD ha beneficiato dell’apertura al mondo delle criptovalute arrivata dalla Federal Reserve. Il governatore della FED, Jerome Powell, intervenendo all’House Financial Services Committee ha dichiarato che l’istituto centrale statunitense sta pensando seriamente alla crescita dei cryptoasset, studiando la possibilità di lanciare una sorta di “Fedcoin“, una stablecoin ufficiale. Powell ha inoltre affermato che il settore delle criptovalute necessita di privacy e l’eventuale utilizzo di un registro in cui si conoscono i pagamenti di tutti non sarebbe qualcosa di particolarmente attraente nel contesto degli Stati Uniti.

Intanto insieme all’aumento delle quotazioni del BTC si sono impennate anche le transazioni, che hanno superato la soglia delle 500 milioni complessive, con la media giornaliera che si sta assestando intorno alle 350 mila.

C’è fermento anche nel mondo delle opzioni con sottostante il Bitcoin. Le transazioni di derivati su Deribit, una tra le tante piattaforme che offrono futures su Bitcoin, insieme ad istituti come CME Group e BAKKT, nel mese di Gennaio hanno superato 1,5 miliardi di dollari di controvalore.

In questi giorni è inoltre circolato un report pubblicato dalla società di investimenti e gestione VanEck, che consiglia agli investitori istituzionali di collocare una piccola parte del proprio capitale in BTC. Secondo gli analisti di VanEck, una modesta parte di Bitcoin nei portafogli degli istituzionali potrebbe far migliorare in modo significativo i loro rendimenti complessivi.

Superata area 10.000, secondo le analisi più ottimistiche la coppia BTC-USD potrebbe volare, entro la fine del primo semestre 2020 a quota 16.000, con un intervallo intermedio tra 12.000 e 14.000. Le attese per la fine dell’anno, invece, sono per un ritorno sui massimi di sempre a ridosso di area 20.000. Entro il 2021, invece, gli analisti più fiduciosi prevedono un’esplosione del BTC verso i 100 mila dollari.

Attualmente il metodo migliore per fare profitti con Bitcoin, più in generale con tutte le criptovalute, consiste nello sfruttare le oscillazioni di prezzo. Ad esempio piattaforme regolamentate come Investous (qui trovi il sito ufficiale) offrono la possibilità di negoziare sull’andamento del prezzo delle principali criptovalute in maniera semplice e veloce

Non a caso molti investitori stanno sfruttando il servizio gratuito di segnali di questa piattaforma (trovi i dettagli qui) per ricevere spunti e consigli sul momento migliore in cui fare i profitti traendo vantaggio dal movimento del prezzo di Bitcoin.

Andamento cross BTC-USD sul breve-medio periodo


Mentre scriviamo il cambio Bitcoin-Dollaro retrocede dai massimi di periodo in area 10.500. La coppia scambia infatti in area 10.170, facendo registrare una contrazione superiore al punto e mezzo percentuale.

Sul brevissimo, il primo sostegno passa sulla media mobile a 10 periodi (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), che nel corso della settimana, già in due occasione ha fatto da sostegno. Sul giornaliero, invece, il supporto principale transita sulla media mobile a 25 periodi (la linea mediana sul grafico), che si colloca in area 9.430.

Allarme rosso, invece, in caso di chiusura daily o peggio ancora settimanale sotto la media mobile a 50 periodi (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che al momento passa in area 9.100 e che sostiene la struttura rialzista di breve-medio periodo.

Oltre area 10.500, in chiusura giornaliera o meglio ancora settimanale, attesi allunghi verso area 11.000, in prima battuta e successivamente verso area 11.800-12.000.

Modello di trading cambio BTCUSD valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 10.287 in chiusura di candela oraria o daily e consiglia di prendere profitto in area 10.454 e 10.623; stop loss in caso di ritorno sotto quota 10.124 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori estensioni oltre quota 10.623 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 10.795 e successivamente a quota 10.969; stop loss in caso di close orario minore di quota 10.454.

Suggeriti ulteriori Long in caso di nuovi acquisti oltre quota 10.969 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 11.147 e 11.439, estesa a quota 11.738; stop loss in caso di ritorno sotto quota 10.623 in chiusura giornaliera Comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 8.940, per approfittare di eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 9.180 e successivamente a quota 9.332, con possibili estensioni verso quota 9.484; stop loss con discesa sotto area 8.705 in close daily.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva con discesa sotto quota 10.124 in chiusura oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 9.960 e 9.800; stop loss in caso di recupero oltre quota 10.287 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 9.800, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 9.640 e in seconda battuta a quota 9.484; stop loss in caso di ritorno sopra quota 10.124 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 9.484 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in un primo momento a quota 9.332 e successivamente a quota 9.180, estesa a quota 8.940; stop loss in caso di recupero sopra quota 9.740 in close daily.

Short speculativi in caso di allungo in area 11.738, per sfruttare eventuali storni prima a quota 11.439 e in un secondo momento a quota 11.147, estesi a quota 10.969; stop loss in caso di ulteriori allunghi oltre quota 12.050 in chiusura daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *