Indice Ftse Mib tocca massimi a 19 mesi a 24.000 punti, ma poi si sgonfia


L’indice Ftse Mib arriva alla pausa natalizia in calo dello 0,44%, a 22.898 punti, in ripiegamento dai nuovi massimi dell’anno toccati a quota 24.003 punti. Il principale listino azionario della borsa italiana, aveva sfondato, seppur per una manciata di punti, area 24.000, un evento che non si verificava dal lontano Maggio 2018.

Difficilmente un livello dalla tanta rilevanza tecnica e psicologica come area 24.000 punti poteva essere superata in prima battuta, e pertanto, puntuali, sono arrivate le prese di beneficio, che hanno zavorrato le quotazioni del Ftse Mib su un minimo intraday a 23.845 punti, vicino alla chiusura giornaliera del 23 Dicembre. Il clima pre-festivo ed i conseguenti scambi sottili hanno contribuito, senza ombra di dubbio, a mettere in atto le prese di beneficio descritte in precedenza. In salita lo Spread tra BTP e BUND assestatosi sopra i 170 punti base, con il rendimento sul decennale sui massimi di periodo, oltre l’1,50%.

Il titolo Atlantia si è distinto per il maggior calo fatto registrare tra le 40 Blue Chips che compongono l’indice, lasciando sul terreno il 4,85%. Le vendite sulla Holding che fa capo alla famiglia Benetton sono state scatenate dopo l’approvazione “ salvo intese “ del decreto che consente al governo di rivedere le concessioni autostradali e rende meno onerosa per le casse statali l’eventuale revoca. I vertici di Atlantia hanno fatto sapere che l’eventuale revoca delle concessioni alla controllata Autostrade per l’Italia senza un indennizzo significherebbe il fallimento per la stessa ASPI, in quanto verrebbero mancherebbero le coperture per il pagamento di circa 10,8 miliardi di debito.

E’invece continuata a brillare Nexi, tra i migliori titoli dell’indice, in rialzo dell’1,52% a quota 11,85 euro, dopo aver testato un nuovo massimo storico a 12,04 euro. La società che opera nel campo dei pagamenti elettronici, dopo aver siglato una partnership con Intesa San Paolo, è sempre più che mai pronta all’aggregazione con SIA, l’azienda che delle infrastrutture tecnologiche per i sistemi di pagamento e la monetica controllata dalla Cassa Depositi e Prestiti.

Quale momento migliore per investire su questo indice? Molti trader stranno sfruttando le piattaforme CFD per negoziare sul prezzo. L’aspetto che ci preme sottolineare è dato dal fatto che bisogna usare solo e SOLTANTO piattaforme regolate. Un esempio può essere Investous che è uno dei siti più usati in Italia. Per visitare il sito ufficiale clicca qui.

Andamento future indice Ftse mib sul breve-medio periodo


Anche il derivato dell’indice Ftse Mib ha ritoccato al rialzo i massimi dell’anno, spingendosi fino ad un top a 23.980 punti, ed anche per il FIB si sono trattati dei top da Maggio 2018.

L’ultima seduta prima del lungo ponte festivo è terminata a 23.825 punti, in calo dello 0,52%. L’eventuale break-out dei massimi di periodo appena indicati, se confermata in chiusura daily o meglio ancora settimanale, potrebbe favorire un allungo, il cui target naturale potrebbe essere individuato in area 24.500 punti.

Oltre quest’ultimo livello gli obiettivi diventano più ambiziosi, verso area 24.800-25.000 punti. Il primo supporto di brevissimo, invece, passa sulla media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), in area 23.590 punti; mentre il primo sostegno daily si colloca a quota 23.365 punti, area di transito della media mobile a 25 giorni (la linea rossa sul grafico). Impostazione di breve-medio periodo rialzista finché le quotazioni stazioneranno al di sopra della media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che al momento passa in area 23.050 punti.

Pattern di trading future indice ftse mib (fib) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista si attiva con chiusura oraria oltre 23.945 punti e pronostica i primi due target price in area 24.035 e 24.125 punti; stop loss in caso di discesa sotto 23.800 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni Long in caso di chiusura oraria oltre 24.125 punti, per cercare di prendere profitto in primo luogo a 24.200 punti e successivamente a 24.290 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 23.945 punti in close orario.

Nuove posizioni Long in caso di break-out orario o daily di 24.290 punti, per sfruttare eventuali allunghi in area 24.335 e 24.485 punti, estesi a 24.540 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 24.035 punti in chiusura oraria o daily. Long speculativi in caso di affondo in area 23.055 punti,per approfittare di eventuali rimbalzi a 23.335 punti e 23.505 punti, estesi a 23.650 punti; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 22.890 punti in chiusura di giornata.

Il pattern di trading ribassista, invece, prende forma con discesa sotto 23.800 punti in chiusura di candela oraria e fissa i primi due obiettivi in area 23.710 e 23.650 punti; stop loss in caso di close orario maggiore di 23.945 punti. Mantenere o aumentare l’esposizione Short in caso di rottura del supporto orario a 23.650 punti, per cercare di prendere profitto in prima battuta a 23.585 e successivamente a 23.505; stop loss in caso di recupero oltre 23.845 punti in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni corte in caso di discesa sotto 23.505 punti in chiusura di candela oraria o daily, per tentare di ricoprirsi in area 23.415 e 23.335 punti, estesa a 23.055 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di 23.740 punti in chiusura oraria o giornaliera. Short speculativi in caso di ulteriori allunghi in area 24.540 punti, per sfruttare possibili correzioni a 24.335 punti e 24.200 punti, estesi a 24.035 punti; stop loss con close daily oltre 24.700 punti.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *