Indice DAX 30: Germania in recessione e PIL tedesco in negativo


Con la Germania sull’orlo della recessione dopo la contrazione del PIL tedesco nel secondo trimestre dell’anno, l’indice DAX 30 ha fatto registrare la terza settimana consecutiva in calo. La stima preliminare del Prodotto Interno Lordo della locomotiva economica europea, del periodo Aprile-Giugno, ha infatti rivelato un calo dello 0,1%, facendo scivolare il principale listino azionario della borsa di Francoforte su un minimo a circa 11.266 punti.

Il DAX 30, dopo aver toccato il valore più basso a quasi cinque mesi, è tuttavia riuscito a rimbalzare, limitando la performance negativa settimanale a -1,1%, grazie ad un close di ottava in rialzo dell’1,30% a 11.562 punti.

La contrazione del PIL tedesco è stata principalmente causata dal rallentamento delle esportazioni, oltre che dal clima ombroso creatosi con il conflitto internazionale sui dazi ed i crescenti timori per una Brexit scomposta. Per correre ai ripari ed evitare un avvitamento della crescita anche nel terzo trimestre, gli analisti suppongono che il governo tedesco potrebbe vedersi costretto a rinunciare al pareggio di bilancio, divenuta ormai una sorta di regola fissa dal 2014. La cancelliera Angela Merkel ha tuttavia già fatto sapere che non c’è alcuna necessità di creare un nuovo pacchetto di stimoli, attraverso la creazione di debito, per frenare il rallentamento economico e che il delicato momento verrà superato mantenendo elevato il livello degli investimenti pubblici.

Intanto, un ulteriore campanello d’allarme è arrivato con la diffusione del saldo della bilancia commerciale tedesca del mese di Giugno, il cui surplus si è assestato a 16,8 miliardi di euro, in rallentamento rispetto all’avanzo di 20,6 miliardi di euro registrato a Maggio. La suddetta lettura, rilasciata da Destatis, l’ufficio federale di statistica, è stata inoltre inferiore alle attese degli analisti, che invece avevano pronosticato una minor frenata, a +19,5 miliardi di euro.

E’ una situazione molto favorevole per fare trading sulla quotazione dell’indice DAX 30, per farlo utilizzeremo una piattaforma regolamentata molto facile da usare, 24option (qui trovi il sito ufficiale). Grazie al servizio di segnali gratuiti offerto dagli esperti è possibile sapere quali sono i momenti migliori per fare trading sul prezzo, vai qui per saperne di più sul servizio di segnali di 24option.

Andamento indice Dax 30 sul breve-medio periodo


Sentiment tecnico di breve-medio periodo estremamente debole per l’indice DAX 30, che come anticipato tra le righe del precedente paragrafo, scendendo sotto area 11.300 punti, è piombato sui valori più bassi dalla fine dello scorso Marzo. Dai minimi in area 11.266 punti sembra tuttavia scattata una prima reazione che sul brevissimo potrebbe attivare un rimbalzo verso la media mobile a 10 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico con time-frame giornaliero, in alto ), che passa in area 11.680 punti. L’eventuale recupero, dettato dall’ipervenduto di brevissimo, potrebbe diventare qualcosa di più duraturo nel caso in cui la rimonta dovesse spingersi fino alla media mobile a 25 giorni (la linea mediana sul grafico),che al momento della scrittura transita in area 11.920 punti.

Per sperare in un’inversione tecnica di breve-medio periodo, invece, le quotazioni dovrebbero riportarsi al di sopra della media mobile a 50 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico ), in chiusura daily o meglio ancora settimanale.

La situazione ritornerebbe invece a complicarsi in caso di flessione sotto area 11.250 punti, in quanto le quotazioni potrebbero scavare ulteriori minimi di periodo con primo target in area 11.000 punti e secondo obiettivo in area 10.800 punti.

Pattern di trading sull’indice Dax 30 valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista si attiva in caso di chiusura oraria maggiore di 11.582 punti e pronostica i primi due target price in area 11.626 e 11.660 punti; stop loss in caso di discesa sotto 11.555 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni Long in caso di chiusura oraria oltre 11.660 punti, per cercare di prendere profitto in primo luogo a 11.697 punti e successivamente a 11.721 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 11.582 punti in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni Long in caso di break-out orario o daily di 11.721 punti, per sfruttare eventuali allunghi in area 11.770 e 11.815 punti, estesi a 11.874 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 21.430 punti in chiusura oraria o daily. Suggeriti Long speculativi in caso di affondo in area 11.178 punti, per approfittare di eventuali veloci rimbalzi prima a 11.247 ed in un secondo momento a 11.360 punti, estesi a 11.405 punti; stop loss in caso di close daily sotto 11.065 punti.

Il pattern di trading ribassista, invece, prende forma in caso di discesa sotto 11.555 punti in chiusura di candela oraria e fissa i primi due obiettivi in area 11.510 e 11.465 punti; stop loss in caso di close orario maggiore di 11.582 punti. Mantenere o aumentare l’esposizione Short in caso di rottura del supporto orario 11.465 punti, per cercare di prendere profitto in prima battuta a 11.405 punti e successivamente a 11.360 punti; stop loss in caso di recupero oltre 11.563 punti in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni corte nel caso in cui la pressione delle vendite dovesse spingersi anche sotto 11.360 punti in chiusura di candela oraria o daily, per tentare di ricoprirsi in area 11.317 e 11.247 punti, estesa a 11.178 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di 11.465 punti in chiusura oraria o giornaliera. Consigliati Short speculativi in caso di ulteriori allunghi in area 11.874 punti, per sfruttare possibili correzioni in prima battuta a 11.815 punti e successivamente 11.770 punti, estese a 11.697 punti; stop loss con close giornaliero oltre 11.948 punti.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *