L’indice Ftse Mib prova a recuperare la soglia dei 22.000 sostenuto dai titoli del comparto industriale

L’indice Ftse Mib è ritornato a farsi un giro sopra area 22.000 punti, chiudendo tuttavia gli scambi della seduta di Martedì 23 Luglio (22.955 punti) al di sotto dell’importante soglia tecnica e psicologica appena segnalata, ma evidenziando un rialzo giornaliero dell’1%.

Il principale listino azionario di Piazza Affari si è accodato alla buona intonazione delle principali borse europee e mondiali. Brillante il comparto industriale, dove si sono messi in mostra i titoli: Pirelli in rialzo di 8 punti percentuali; Prysmian in crescita del 5,85%; FCA in progresso del 3,08% e Leonardo in aumento del 3,1%.

Le azioni del produttore di pneumatici hanno beneficiato della performance della rivale tedesca Continental, ben acquistata nonostante conti peggiori delle attese. Il titolo Prysmian è stato sostenuto da una commessa del valore di 700 milioni di euro, che il gruppo leader nella produzione di cavi per applicazioni nel settore dell’energia e delle telecomunicazioni e di fibre ottiche si è aggiudicato a sorpresa. Mentre FCA ha beneficiato della promozione a “ Buy “ che alcune principali banche d’affari hanno esteso alle azioni dei concorrenti tedeschi Daimler e BMW. Leonardo è stata invece acquistata in attese dei conti trimestrali che secondo le stime degli analisti dovrebbero evidenziare risultati in crescita.

I titoli del settore bancario hanno invece evidenziato delle performance miste, a causa dell‘altalena dello Spread tra BTP e BUND, che ha fatto su e giù intorno ai 200 punti base, a causa delle tensioni che sono scoppiate in seno al governo, dopo che l’alleanza tra Lega e M5S è stata nuovamente messa a dura prova.

Intanto, il Fondo Monetario Internazionale ha confermato le proprie stime sulla crescita italiana, ribadendo la modesta previsione pari a +0,1% per il 2019, a causa delle incertezze sulle scelte di politica economica adottate dal governo Conte. L’FMI, aggiornando il rapporto del World Economic Outlook ha inoltre limato lievemente al ribasso le aspettative di crescita tricolore per il 2020, portandola allo 0,8% dallo 0,9% del precedente rapporto, risalente a tre mesi fa.

Quale momento migliore per investire su questo indice? Molti trader stranno sfruttando le piattaforme CFD per negoziare sul prezzo. L’aspetto che ci preme sottolineare è dato dal fatto che bisogna usare solo e SOLTANTO piattaforme regolate. Un esempio può essere 24option che è uno dei siti più usati in Italia. Per visitare il sito ufficiale clicca qui.

Anadamento future Indice Ftse mib sul breve-medio periodo


La due giorni di rialzi del future dell’indice Ftse Mib, ben visibile sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, ha ricondotto le quotazioni al di sopra della prima resistenza di brevissimo, nonché ex supporto, rappresentata dalla media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico), che transita in area 21.880 punti. Nelle sedute precedenti, invece, la media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico) aveva fatto da supporto, respingendo le forze ribassiste.

L’eventuale conferma della tenuta di EMA 10, accompagnato da un’eventuale break-out di area 22.000 punti, confermato in chiusura settimanale, potrebbe favorire ulteriori allunghi con primo target in area 22.400-22.600 punti ed obiettivo successivo in area 22.800 punti.

Al ribasso, prestare ancora attenzione al primo sostegno daily rappresentato da EMA 25, che transita in area 21.660 punti. Perso il supporto appena segnalato, attese ulteriori accelerazioni verso il principale supporto di breve-medio periodo, rappresentato dall’EMA a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che si colloca in area 21.300 punti.

Pattern di trading sul future indice Ftse mib (FIB)valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 21.970 punti in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 22.050 e 22.105 punti; stop loss in caso di discesa sotto 21.835 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni Long in caso di chiusura oraria oltre 22.105 punti, per cercare di prendere profitto in primo luogo a 22.240 punti e successivamente a 22.410 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 21.960 punti in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni Long in caso di break-out orario o daily di 22.410 punti, per sfruttare eventuali allunghi in area 22.495 e 22.635 punti, estesi a 22.775 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 22.200 punti in chiusura oraria o daily. Long speculativi in caso di affondo in area 21.080 punti, per approfittare di eventuali veloci rimbalzi prima a 21.210 punti ed in un secondo momento a 21.345 punti, estesi a 21.510 punti; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 20.870 punti in chiusura oraria o di giornata.

Il pattern di trading ribassista, invece, prende forma in caso di discesa sotto 21.835 punti in chiusura di candela oraria e fissa i primi due obiettivi in area 21.750 e 21.620 punti; stop loss in caso di close orario maggiore di 21.970 punti. Mantenere o aumentare l’esposizione Short in caso di rottura del supporto orario a 21.620 punti, per cercare di prendere profitto in prima battuta a 21.510 e successivamente a 21.425; stop loss in caso di recupero oltre 21.835 punti in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni corte nel caso in cui la pressione delle vendite dovesse spingersi sotto 21.425 punti in chiusura di candela oraria o daily, per tentare di ricoprirsi in area 21.345 e 21.210 punti, estesa a 21.080 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di 21.640 punti in chiusura oraria o giornaliera. Short speculativi in caso di ulteriori allunghi in area 22.775 punti, per sfruttare possibili correzioni in primo luogo a 22.635 punti ed in un secondo momento a 22.420 punti, estesi a 22.210 punti; stop loss con close daily oltre 23.005 punti.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *