Il cross EUR-USD consolida in area 1,12: fari puntati sulle Banche centrali

Il cambio Euro-Dollaro viaggia sulla parità, mantenendosi al di sopra di area 1,12, in attesa che BCE e FED svelino le loro intenzioni in ambito di politica monetaria.

Mentre per l’istituto centrale statunitense le attese del mercato sono per un taglio dei tassi d’interesse, le aspettative sulle intenzioni della banca centrale guidata da Mario Draghi riguardano sostanzialmente la forward guidance, in quanto non sono ancora maturi i tempi per una sforbiciata ai tassi. Dopo le ultime dichiarazioni di alcuni influenti membri della Federal Reserve e dopo il pressing asfissiante della Casa Bianca sul governatore Jerome Powell, si potrebbe assistere ad un deciso ribasso di ben 50 punti base.

Le prime indicazioni macro arrivate dagli States hanno visto l’indice del distretto federale di Chicago scendere a -0,02 punti nel mese di Giugno. Per il cosiddetto indicatore CFNAI si è trattato di un peggioramento rispetto ai -0,03 punti di Maggio ( lettura corretta al rialzo dai -0,05 punti della stim flash ). Delusi i pronostici degli analisti che invece avevano indicato un risultato compreso tra +0,08 punti e +0,10 punti. L’indice si trova ininterrottamente in territorio negativo da Dicembre 2018.

La rivelazione del Chicago Fed National Activity Index è molto seguita poiché traccia le attività economiche generali e le relative pressioni inflazionistiche. Il risultato ha pertanto una certa rilevanza anche in ambito nazionale e consiste nel frutto della media ponderata di ben 85 diversi indicatori macro. Da ulteriori dettagli è inoltre emerso che degli 85 indicatori, 36 hanno espresso un miglioramento, mentre 49 sono peggiorati.

Una lettura dell’indice CFNAI pari o sopra la soglia dello zero indica che l’economia si sta espandendo ad un tasso di velocità in linea o superiore alla media storica; mentre un valore di indice positivo è sinonimo di crescita superiore alla media storica.

Molti analisti stanno utilizzando le piattaforme di trading CFD per approfittare di questa situazione . Ad esempio si può utilizzare 24option (trovi qui il sito ufficiale) per negoziare grazie agli utili segnali di trading. Per ricevere i segnali gratis clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Andamento cross EUR-USD sul breve-medio periodo

Come anticipato tra le righe del precedente paragrafo, il rapporto di cambio tra la moneta unica europea ed il biglietto verde staziona in area 1,12, un livello di rilevanza molto importante sia per quanto riguarda l’aspetto tecnico che per quello psicologico.

Il quadro tecnico di brevissimo e di breve-medio periodo risulta al momento vincolato al ribasso, poiché le quotazioni si trovano al di sotto delle tre medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni ( rispettivamente la linea di colore azzurro, la linea rossa e la linea verde sul grafico con time-frame giornaliero, in alto ).

Le tre EMA appena indicate si collocano inoltre in uno strettissimo trading range compreso tra quota 1,1236 ( EMA 10 ) e quota 1,1253 ( EMA 25 ); in mezzo, a quota 1,1248, passa invece l’EMA 50. La fuoriuscita da un lato piuttosto che dall’altro della congestione appena indicata potrebbe determinare l’andamento della coppia EUR-USD nelle prossime settimane. Il break-out della parte alta del trading range potrebbe favorire un primo allungo in area 1,13-1,135 ed una successiva estensione fino ad area 1,145-1,15.

La rottura del sostegno in area 1,12, in chiusura daily o peggio ancora settimanale potrebbe invece causare un primo affondo in area 1,11 ed un possibile crollo sul supporto di medio-lungo periodo individuato in area 1,10.

Modello di trading sul cambio euro-dollaro validita’1-5 giorni

Il modello di trading rialzista prende forma in caso di ritorno sopra quota 1,1236 in close orario e fissa i primi due obiettivi in area 1,1262 e 1,1305; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,1193 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni Long in caso di allungo oltre quota 1,1305 in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 1,1331 e successivamente a quota 1,1375; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,1236 in close orario.

Insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di quota 1,1375 per approfittare di possibili allunghi in area 1,1401 e 1,1445, estesi a quota 1,1516; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 1,1305 in chiusura oraria. Long sulla debolezza in caso di affondo in area 1,0961 per sfruttare eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 1,103 ed in un secondo momento a quota 1,1055 esteso a quota 1,1123; stop loss in caso di discesa sotto quota 1,09 in close orario o giornaliero.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria minore di quota 1,1193 e prevede i primi due target price in area 1,1166 e 1,1123; stop loss in caso di close orario sopra quota 1,1236. Mantenere o aumentare l’esposizione ribassista in caso di close orario sotto quota 1,1123 per cercare di prendere profitto in primo luogo a quota 1,1097 e successivamente a quota 1,1055; stop loss in caso di recupero sopra quota 1,1193 in chiusura oraria.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di rottura oraria di quota 1,1055 per cercare di ricoprirsi in area 1,103 e 1,098, estesa a quota 1,0961; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,1123 in close orario. Short speculativi in caso di approdo in area 1,1516, per approfittare di eventuali storni in prima battuta a quota 1,1445 e successivamente a quota 1,1401, estesi a quota 1,1375; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 1,159 in chiusura di candela oraria o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *