Titolo Banco Bpm rimbalza: migliora rating Moody’s


Primi segnali di reazione per il titolo Banco BPM, che termina la seduta di Mercoledì 29 Maggio in rialzo dello 0,90%, a 1,641 euro, a fronte di una giornata in cui il Ftse Mib ha lasciato sul terrenol’1,29%. Le quotazioni delle azioni dell’istituto di credito guidato dall’Amministratore Delegato Giuseppe Castagna hanno invertito rotta, rimbalzando dal minimo da Novembre 2018 a quota 1,584 euro.

Il mercato ha apprezzato le parole dello stesso AD, il quale ha dichiarato che ben presto arriveranno delle soddisfazioni per i propri azionisti, non solo in termini di dividendo. Castagna infatti ha auspicato che anche il valore del titolo possa ritornare a crescere. Il top manager di Banco BPM ha tuttavia precisato che l’eventuale pagamento del dividendo dipenderà dal raggiungimento della redditività prevista dal piano strategico e dalla pressione della vigilanza della Banca Centrale Europea che ancora continua ad essere tutt’altro che leggera.

Alla domanda di un giornalista su come l’ex popolare di Milano considera la partecipazione in SIA, società attiva nel segmento dei pagamenti elettronici, al centro di ipotesi di M&A, Castagna ha risposto che la quota in SIA è e rimarrà strategica, ma che prima di un’eventuale quotazione quest’ultima dovrebbe espandersi ulteriormente all’estero.

Un supporto al rimbalzo dai nuovi minimi ad un anno e mezzo segnalati in precedenza è arrivato con il miglioramento del rating di lungo termine sui depositi di Banco BPM da parte di Moody’s. L’agenzia di rating statunitense ha infatti alzato la propria valutazione a Ba1 da Baa3, migliorandola ad Investiment Grade. L’upgrade di Moody’s ha tenuto in considerazione i risultati ottenuti dal processo di riduzione dei crediti deteriorati in pancia al gruppo, scesi a 11,7 miliardi di euro alla fine del primo trimestre di quest’anno, dai 24,6 miliardi di euro del primo trimestre del 2018. L’ammontare dei Non Performing Loans detenuti da Banco BPM rimane tuttavia superiore alla media europea, ha inoltre fatto notare Moody’s.

Andamento azioni Banco Bpm sul breve-medio periodo


Reduce da tre settimane disastrose, come evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, in cui le quotazioni sono colate a picco, le azioni Banco Bpm hanno fatto registrare una candela di inversione di brevissimo, che tuttavia necessita di conferme nel corso delle prossime sedute. Le quotazioni potrebbero pertanto testare la prima resistenza di brevissimo che si colloca sulla media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico), che transita a ridosso di area 1,69 euro. L’eventuale break-out di EMA 10, in chiusura daily, potrebbe allentare la pressione ribassista, favorendo un ulteriore recupero verso l’ostacolo successivo, che si colloca sulla media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico), posizionata in area 1,79 euro.

Per un’eventuale inversione rialzista anche sul breve-medio periodo, invece, il prezzo dovrebbe necessariamente risalire al di sopra della media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico), che al momento transita poco sopra area 1,86. La violazione dei recenti minimi, in area 1,58 euro, invece, potrebbe innescare ulteriori ribassi, con primo target atteso in area 1,54-1,53 euro e secondo obiettivo in area 1,50-1,49 euro.

Pattern di trading sul titolo Banco bpm (BAMI.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long si attiva in caso di allungo oltre 1,652€ in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 1,662 e 1,68 euro; stop loss in caso di discesa sotto 1,626€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 1,68€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 1,692€ e successivamente a 1,71€; stop loss in caso di ritorno sotto 1,641€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 1,71€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 1,721 e 1,736 euro, estesi a 1,754€; stop loss in caso di ritorno sotto 1,68€ in close orario o giornaliero. Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 1,53€, in ottica di rimbalzo, in primo luogo a 1,55€ ed in seconda battuta a 1,56€, estesi a 1,58€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 1,505€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern di trading Short, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 1,626€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 1,616 e 1,60 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 1,652€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 1,60€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 1,58€ e successivamente a 1,57€; stop loss in caso di ritorno sopra 1,626€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 1,57€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 1,56 e 1,55 euro, estesa a 1,53€ ;stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 1,60€ in close orario o daily. Suggeriti short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 1,754€ ,per sfruttare eventuali correzioni prima a 1,736€ e successivamente a 1,721€, estese a 1,71€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 1,771€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *