Ftse mib rimbalza (+1,45%) ed annulla la seduta negativa precedente

L’indice Ftse Mib centra il rimbalzo, annullando tutto il calo registrato nella prima seduta della settimana (-1,35%). La sessione di Martedì 14 Maggio è infatti terminata in rialzo dell’1,45% a circa 20.893 punti. Piazza Affari, come il resto delle principali borse mondiali, ha beneficiato dell’allentamento delle tensioni internazionali legate al braccio di ferro tra USA e Cina in materia di dazi sulle reciproche importazioni.

Ancora una giornata “no“, invece sull’obbligazionario con il rendimento sul decennale sui massimi dallo scorso Febbraio al 2,75%, a causa della nuova impennata dello Spread tra BTP e BUND, che ha consolidato sopra area 280pb. Pesano come un macigno le affermazioni del vice-premier Matteo Salvini, che si è detto pronto, se necessario, a promuovere lo sforamento dei vincoli UE sul deficit al 3%.

Tra le singole storie dei titoli che compongono il listino principale della borsa milanese si è messo in evidenza Prysmian con un balzo del 7,2% circa, in scia agli ottimi conti trimestrali, che hanno mostrato ricavi e margini in crescita.Forti acquisti anche su STM (+6,67%) dopo le indicazioni positive rilasciate dal management del gruppo nel corso del Capital Markets Day in svolgimento a Londra.

Protagonista in negativo invece il titolo Unicredit, che ha ceduto l’1,69%, dopo che l’agenzia di stampa Reuters ha tirato nuovamente in ballo l’istituto di credito italiano per un possibile interessamento alla banca tedesca Commerzbank. Male anche Telecom Italia, giù di quasi un punto percentuale, influenzata negativamente dalla forte perdita registrata dal competitor Vodafone, che ha chiuso l’anno fiscale 2018-2019 con un rosso di 7,6 miliardi di euro. I conti trimestrali dell’operatore telefonico italiano sonoattesi per Lunedi 20 Maggio.

Le prime indicazioni macro hanno visto il Leading Indicator Ocse scendere a 99,1 punti nel mese di Marzo, rallentando rispetto ai 99,2 punti della precedente stima di Febbraio. L’indicatore elaborato dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo anticipa le tendenze economiche su un orizzonte temporale compreso tra i sei ed i nove mesi successivi all’uscita del dato.

Andamento future indice Ftse mib sul breve-medio periodo

Figura tecnica di real body anche per il derivato dell’indice Ftse Mib, con il Fib che grazie ad un rialzo dell’1,38% a 20.465 punti ha annullato tutta la discesa della seduta precedente. Sul brevissimo, pertanto, la situazione è incerta, mentre nel breve periodo, l’impostazione tecnica, al momento, risulta essere ribassista, in quanto le quotazioni sono scese al di sotto delle medie mobili di riferimento a 50 e 25 giorni (rispettivamente la linea di colore verde e la linea rossa sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), che nell’ordine si collocano in area 20.800 punti e 20.920 punti. Un ulteriore segnale Short è arrivato con la media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico) che ha tagliato dall’alto verso il basso le due medie mobili maggiori.

Tuttavia, anche in caso di conferma ribassista, non si esclude un possibile pull-back su EMA 10, che transita in area 20.720 punti. Soltanto in caso di stabile recupero oltre 21.000 punti lo scenario pessimista potrebbe essere definitivamente accantonato. La rottura dei recenti minimi in area 20.200-20.100 punti potrebbe invece provocare ulteriori affondi con target in area 19.800-19.600 punti.

Pattern di trading future indice Ftse mib (FIB) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 20.530 punti in chiusura oraria e pronostica i primi due target price in area 20.650 e 20.720 punti; stop loss in caso di discesa sotto 20.400 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni Long in caso di chiusura oraria oltre 20.720 punti, per cercare di prendere profitto in primo luogo a 20.835 punti e successivamente a 20.915 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 20.465 punti in close orario.

Si consiglia di attivare nuove posizioni Long in caso di break-out orario o daily di 20.915 punti, per sfruttare eventuali allunghi in area 21.040 e 21.170 punti, estesi a 21.300 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 20.720 punti in chiusura oraria o daily.Long speculativi in caso di affondo in area 19.750 punti, per approfittare di eventuali veloci rimbalzi prima a 19.825 e 19.925 punti, estesi a 20.045 punti; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 19.600 punti in chiusura oraria o di giornata.

Il pattern ribassista, invece, prende forma in caso di discesa sotto 20.400 punti in chiusura di candela oraria e fissa i primi due obiettivi in area 20.320 e 20.275 punti; stop loss in caso di close orario maggiore di 20.530 punti.Mantenere o aumentare l’esposizione Short in caso di rottura del supporto orario a 20.275 punti, per cercare di prendere profitto in prima battuta a 20.150 e successivamente a 20.045; stop loss in caso di recupero oltre 20.400 punti in chiusura oraria.

Insistere con nuove posizioni corte nel caso in cui la pressione delle vendite dovesse spingersi sotto 20.045 punti in chiusura di candela oraria o daily, per tentare di ricoprirsi in area 19.925 e 19.825 punti, estesa a 19.750 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di 20.275 punti in chiusura oraria o giornaliera. Short speculativi in caso di ulteriori allunghi in area 21.300 punti, per sfruttare possibili correzioni a 21.170 punti e 21.040 punti, estesi a 20.915 punti; stop loss con close daily oltre i 21.515 punti.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *