EUR-USD si allontana da area 1,12: stima vendite migliore delle attese


Prove tecniche di recupero per la coppia Euro-Dollaro dopo lo scivolone della scorsa ottava che ha fatto scendere nuovamente le quotazioni in prossimità dell’importante supporto tecnico che passa in area 1,12.

Il rapporto di cambio tra la moneta unica europea ed il biglietto verde è infatti piombato su un minimo intraday a quota 1,1226, dopo il balzo decisamente superiore alle attese fatto registrare dalle vendite al dettaglio negli Stati Uniti. Secondo il Dipartimento per il Commercio a stelle e strisce, infatti, lo scorso mese le vendite al dettaglio hanno messo a segno un incremento dell’1,6% (+1% consensus; -0,2% lettura Febbraio), evidenziando la miglior variazione positiva da Settembre 2017. L’ottimo dato appena indicato ha ridato ossigeno al dollaro, che ha rimbalzato con veemenza nei confronti delle principali valute mondiali, pertanto anche in rapporto con l’Euro.

Preso atto dell’impennata delle vendite al dettaglio, strettamente correlate ai consumi, la banca d’affari JP Morgan Chase, non ha perso tempo a rivedere al rialzo le proprie aspettative sul Prodotto Interno Lordo USA per il primo trimestre dell’anno in corso, portandole al 2,9% dal precedente 2,1%. JPM ha motivato la propria decisione citando le vendite al dettaglio migliori delle attese. Va ricordato che i consumi interni negli Stati Uniti contribuiscono al 70% per la formazione del PIL.

Andamento cross EUR-USD sul breve-medio periodo


Come in evidenza sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, le quotazioni del cambio Euro-Dollaro hanno trovato un forte supporto da cui rimbalzare, nella media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), che passa proprio in corrispondenza dei minimi fatti segnare la scorsa ottava in area 1,1227.

La reazione appena indicata ha condotto le quotazioni a contatto con la prima resistenza sul daily, nonché ex supporto, rappresentato dalla media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico), che transita in area 1,1258. Al momento della scrittura, la coppia viene scambiata in area 1,125 (-0,05%), ed un’eventuale chiusura giornaliera oltre EMA 10 potrebbe favorire un ulteriore allungo verso l’ostacolo successivo, individuato sulla media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico), che si colloca in area 1,1268.

L’eventuale uscita rialzista oltre EMA 25, confermata sia in chiusura giornaliera o meglio ancora settimanale, potrebbe fornire ulteriore benzina per tentare un nuovo attacco alla resistenza statica posta in area 1,13-1,132, oltre la quale si potrebbe assistere ad ulteriori estensioni al rialzo con primo target verso quota 1,14 e secondo obiettivo in area 1,145-1,15.

Al ribasso, invece, la violazione di area 1,12, in chiusura giornaliera o nella peggiore delle ipotesi in close settimanale, potrebbe invece causare ulteriori affondi con primo obiettivo verso il sostegno statico che cade in area 1,11, la cui mancata tenuta potrebbe provocare ulteriori crolli con target verso il supporto di medio-lungo periodo che passa in area 1,10.

Modello di trading cambio euro-dollaro valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista prende forma in caso di close orario maggiore di quota 1,1268 e fissa i primi due obiettivi in area 1,1294 e 1,1337; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,1226 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni Long in caso di allungo oltre quota 1,1337 in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 1,1364 e successivamente a quota 1,1408; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,1268 in close orario.

Insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di quota 1,1408 per approfittare di possibili allunghi in area 1,1435 e 1,1478, estesa a quota 1,1549; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 1,1337 in chiusura oraria. Suggerita l’apertura di posizioni Long sulla debolezza in caso di affondo in area 1,0993 per sfruttare eventuali rimbalzi prima a quota 1,102 ed in seconda battuta a quota 1,1087, estesi a quota 1,113 stop loss in caso di discesa sotto quota 1,095 in close orario o giornaliero.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria minore di quota 1,1226 e prevede i primi due target price in area 1,1199 e 1,1156; stop loss in caso di close orario sopra quota 1,1268. Mantenere o aumentare l’esposizione ribassista in caso di close orario sotto quota 1,1156 per cercare di prendere profitto in primo luogo a quota 1,113 e successivamente a quota 1,1087; stop loss in caso di recupero sopra quota 1,1226 in chiusura oraria.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di rottura oraria di quota 1,1087 per cercare di ricoprirsi in area 1,1062 e 1,102, estesa a quota 1,0993; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,1156 in close orario. Consigliata l’apertura di operazioni Short speculative in caso di balzo in area 1,1549 per approfittare di eventuali storni in primo luogo a quota 1,1478 e successivamente a quota 1,1435, estesi a quota 1,1408; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 1,16 in chiusura di candela oraria o daily

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *