Cross sterlina-dollaro trova base in area 1,30 in attesa di disgelo su brexit


Il cambio GBP-USD ,dopo le prese di beneficio che hanno caratterizzato il finale d’ottava precedente, sembra aver trovato un buon sostegno in area 1,30. Al momento della scrittura la coppia scambia a 1,308, in rialzo dello 0,15%.

Sulla Sterlina tuttavia continua ad incombere l’incognita Brexit, con la UE impegnata in un summit straordinario per sciogliere il difficile nodo sull’uscita della Gran Bretagna dall’unione. Gli incontri avuti dal primo ministro britannico, Theresa May, in Francia e Germania non sono serviti ad incassare l’approvazione di un rinvio al 30 Giugno. Tuttavia, i vertici di Bruxelles faranno di tutto per evitare una Hard Brexit. Il Biglietto verde, invece, è stato a sua volta frenato dalla nuova minaccia del presidente Trump, di aumentare i dazi sulle importazioni USA provenienti dall’Unione Europea.

Valuta britannica supportata dall’incremento dello 0,6% fatto registrare dalla produzione industriale nel Regno Unito a Febbraio. Battute le attese degli analisti, ferma al +0,1%. Corretta al rialzo la precedente stima mensile, che da +0,6% è stata portata a +0,7%. La suddetta lettura, su base annua, ha invece mostrato un incremento dello 0,1%, evidenziando anche in questo caso una lettura migliore delle attese degli analisti, che invece avevano indicato un calo dello 0,9%. Corretta al rialzo anche la stima di Gennaio su base annua, passata da -0,9% a -0,3%.

Balzo in avanti anche per la produzione manifatturiera UK, che sempre a Febbraio ha mostrato un incremento dello 0,9% su base mensile, superando i pronostici degli analisti, che invece avevano indicato un aumento contenuto a +0,2%. La precedente lettura di Gennaio è stata rivista al rialzo e portata a +1,1% da +0,8%. La produzione manifatturiera su base annua, ovvero rispetto a Febbraio 2018, si è invece assestata a +0,6%, battendo nettamente le attese degli analisti, che invece avevano pronosticato una calo dello 0,6%. La precedente stima mensile è stata aumentata da -0,7% da -1,1% della precedente rivelazione mensile.

In lieve miglioramento la bilancia commerciale del Regno Unito, che a Febbraio ha evidenziato un disavanzo di 4,9 miliardi di Sterline, a dispetto dei -5,3 miliardi di euro della precedente stima mensile, corretta da un deficit inizialmente comunicato pari a 3,8 miliardi di Sterline. Si è tuttavia trattato di un dato peggiore delle attese degli analisti, che invece avevano indicato un disavanzo di 3,8 miliardi di Sterline.

Andamento cross GBP-USD sul breve-medio periodo


Il timido tentativo di recupero in corso ha riportato le quotazioni della coppia GBP-USD a ridosso delle medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni (rispettivamente la linea di colore azzurro, la linea rossa e la linea verde sul grafico con time-frame giornaliero, in alto).

Le tre EMA appena indicate, inoltre, si sono appiattite e si collocano su un r trading range molto ristretto, compreso tra 1,3069 ( EMA 50 ) ed 1,3107 ( EMA 25 ); in mezzo a quota 1,3069, invece, transita l’EMA 25. L’eventuale conferma in chiusura settimanale sotto l’EMA a 50 giorni potrebbe attivare un modello di trading ribassista con target in area 1,28-5-1,28; mentre l’eventuale ritorno in chiusura settimanale oltre l’EMA 25 potrebbe scongiurare lo scenario ribassista appena indicato, favorendo il possibile ritorno in area 1,33-1,335.

Modello di trading cambio sterlina-dollaro valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista prende forma in caso di ritorno sopra quota 1,3084 in close orario e fissa i primi due obiettivi in area 1,3115 e 1,3165; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,3034 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni Long in caso di allungo oltre quota 1,3165 in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 1,3196 e successivamente a quota 1,3246; stop loss in caso di ritorno sotto quota 1,3084 in close orario.

Insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di quota 1,3246 per approfittare di possibili allunghi in area 1,3277 e 1,3328, estesa a quota 1,3359; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 1,3165 in chiusura oraria. Long sulla debolezza in caso di affondo in area 1,2745 per sfruttare eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 1,2843 ed in un secondo momento a quota 1,2873, estesi a quota 1,2953; stop loss in caso di discesa sotto quota 1,2695 in close orario o giornaliero.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria minore di quota 1,3034 e prevede i primi due target price in area 1,30 e 1,2953; stop loss in caso di close orario sopra quota 1,3084. Mantenere o aumentare l’esposizione ribassista in caso di close orario sotto quota 1,2953 per cercare di prendere profitto in primo luogo a quota 1,2922 e successivamente a quota 1,2873; stop loss in caso di recupero sopra quota 1,3034 in chiusura oraria. Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di rottura oraria del supporto a quota 1,2873, per cercare di ricoprirsi in area 1,2843 e 1,2794, estese a quota 1,2745; stop loss in caso di ritorno sopra quota 1,2953 in close orario. Short speculativi in caso di balzo in area 1,3359 per approfittare di eventuali storni in prima battuta a quota 1,3328 e successivamente a quota 1,3277, estesi a quota 1,3196; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 1,341 in chiusura di candela oraria o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *