Coppia dollaro-yen respinta da resistenza statica in area 112-112,20


Seduta poco movimentata per il cross USD-JPY, nonostante l’importante lettura del National Employment Report elaborato da ADP. Al momento della scrittura la coppia fa segnare un calo dello 0,15%, passando di mano a quota 111,72, dopo aver toccato un massimo ed un minimo intraday rispettivamente pari a 111,61 e 111,92. Sotto l’aspetto tecnico, invece, le quotazioni hanno risentito del mancato superamento della forte area di resistenza individuata in area 112-112,20.

Il saldo dei nuovi occupati nei settori privati statunitensi, secondo il consueto report curato da Automatic Data Processing (ADP), il gruppo statunitense che fornisce servizi di amministrazione e gestione risorse umane in tutto il mondo, a Febbraio, si è assestato a +183 mila unità, in flessione dalle +213 mila unità della precedente rivelazione mensile, ed in lieve calo rispetto alle +190 mila unità pronosticate dagli analisti. ADP in collaborazione con Moody’ s Analytics, come consueto, anticipa la lettura delle cosiddette Non-Farm Payrolls, ovvero il saldo delle buste paga nei settori non agricoli degli USA. Il dato ADP viene elaborato su un campione di circa mezzo milione di aziende statunitensi, coprendo circa il 20% dell’occupazione privata non agricola.

Ulteriore peggioramento per la bilancia commerciale degli Stati Uniti, che a Dicembre, ha evidenziato un aumento del deficit del 18,8%. Il disavanzo commerciale è pertanto lievitato a -59,8 miliardi di dollari, dai -50,3 miliardi di dollari di Novembre, portandosi sui massimi degli ultimi 10 anni. Gli analisti avevano stimato un aumento del rosso più contenuto, a -57,9 miliardi di dollari. Il disavanzo dell’intero 2018 è stato il più profondo dal 2008, facendo registrare un gap di 552,3 miliardi di dollari rispetto all’intera bilancia del 2017. La deludente lettura della bilancia commerciale statunitense dimostra il fallimento della politica commerciale protezionista messa in campo da Trump.

Andamento cross USD-JPY sul breve-medio periodo


Sentiment di breve-medio periodo positivo per la coppia Dollaro-Yen, che come ben evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, si trova al di sopra delle tre medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni. Come anticipato, le quotazioni sono state più volte respinte dal forte ostacolo tecnico individuato in area 112-112,20. Pertanto, non si esclude un possibile pull-back sul primo sostegno di brevissimo che passa sulla media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico), in area 111,33. Lo scenario rialzista in atto, pone invece le propria fondamenta sull’area di supporto che transita a 110,70-110,75, zona su cui poggiano le medie mobili a 25 e 50 giorni (rispettivamente la linea di colore rosso e la linea verde sul grafico). L’eventuale perdita del livello supportivo appena rivelato, in chiusura daily o peggio ancora settimanale, potrebbe causare un ulteriore accelerazione verso il basso, con target in area 109,50-109.

Il break-out di area 112-112,20, se confermato in chiusura giornaliera o meglio ancora settimanale, potrebbe invece attivare un modello di trading con obiettivo finale in area 114-114,50 e step intermedio a quota 113,40.

Modello di trading cambio dollaro-yen valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista prende forma in caso di ritorno sopra quota 112,02 in close orario e fissa i primi due obiettivi in area 112,28 e 112,70 ; stop loss in caso di ritorno sotto quota 111,59 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni Long in caso di allungo oltre quota 112,70 in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto in prima battuta a quota 112,97 e successivamente a quota 113,40; stop loss in caso di ritorno sotto quota 112,02 in close orario.

Insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di quota 113,40 per approfittare di possibili allunghi in area 113,67 e 114,11 estesa a quota 114,54; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto quota 112,70 in chiusura oraria. Long sulla debolezza in caso di affondo in area 109,10 per sfruttare eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 109,53 ed in un secondo momento a quota 109,95, estesi a quota 110,64; stop loss in caso di discesa sotto quota 108,70 in close orario o giornaliero.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva con chiusura oraria minore di quota 111,59 e prevede i primi due target price in area 111,33 e 110,90; stop loss in caso di close orario sopra quota 112,02. Mantenere o aumentare l’esposizione ribassista in caso di close orario sotto quota 110,90 per cercare di prendere profitto in primo luogo a quota 110,64 e successivamente a quota 110,20; stop loss in caso di recupero sopra quota 111,33 in chiusura oraria. Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di rottura oraria del supporto a quota 110,20, per cercare di ricoprirsi in area 109,95 e 109,53, estese a quota 109,10; stop loss in caso di ritorno sopra quota 110,90 in close orario. Short speculativi in caso di balzo in area 114,54 per approfittare di eventuali storni in prima battuta a quota 114,11 e successivamente a quota 113,67, estesi a quota 113,40; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 115 in chiusura di candela oraria o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *