Indice Ftse 100 frena su rimbalzo sterlina


L’indice Ftse 100 ha appena archiviato la seconda settimana all’insegna delle prese di beneficio, per effetto principalmente del balzo della Sterlina nei confronti delle principali valute mondiali. Il rally della divisa locale è stato favorito dal calo dei timori di una possibile BREXIT senza accordo.

Nel corso della precedente ottava il premier britannico ha annunciato un piano di votazioni in Parlamento basato su tre tappe, che prevede un voto su un eventuale piano rinegoziato con l’Unione Europea entro il 12 Marzo, un voto in caso di “no deal“ il 13 Marzo, ed in caso di nulla di fatto la richiesta di estensione entro i due mesi della data dell’effettiva uscita dall’unione, prevista per il 29 Marzo. Tra il 21 ed il 22 Marzo è invece in calendario il vertice UE per ratificare o meno la decisione assunta dal parlamento del regno Unito.

Intanto si susseguono i segnali di rallentamento dell’economia UK. L’istituto di ricerche ed analisi finanziarie IHS Markit ha reso noto che a Febbraio l’indice PMI manifatturiero UK è sceso a 52 punti, in calo dai 52,6 punti della stima di Gennaio, a sua volta rivista al ribasso dai 52,8 punti della prima comunicazione.

Lettura negativa per l’indice che misura la fiducia dei consumatori in Gran Bretagna, assestatosi a -13 punti, ma tuttavia in miglioramento rispetto ai -14 punti della precedente lettura mensile. Battute anche le attese degli analisti, che invece si aspettavano una contrazione più marcata, a -15 punti. La suddetta indagine è stata elaborata basandosi sul sondaggio condotto dal gruppo di ricerche di mercato GfK su un campione di circa 2.000 cittadini.

Segnali positivi sono invece giunti dal mercato immobiliare UK, dove dal consueto rapporto mensile curato dalla Banca d’Inghilterra è emerso che il saldo dei mutui approvati da banche ed istituti finanziari del Regno Unito è cresciuto a 66.800 unità, in aumento dalle 64.500 unità della precedente stima mensile (rivista da 63.800 unità della prima comunicazione). Superate le aspettative degli analisti, che invece avevano ipotizzato un calo a 63.400 unità

Andamento indice Ftse 100 sul breve-medio periodo


Al momento della scrittura, dopo circa un ‘ora di scambi le quotazioni del principale listino azionario londinese fanno registrare un rialzo dello 0,25%, a quota 7.125 punti, premendo sulla resistenza che si colloca ai margini della media mobile a 10 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), che transita 7.134 punti. Nelle ultime sedute, come ben evidente sul grafico i prezzi, dopo aver bucato momentaneamente la media mobile a 25 giorni (la linea mediana sul grafico) hanno trovato un buon sostegno da cui reagire, nella media mobile a 50 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che passa in area 7.040 circa.

Pertanto l’eventuale perdita di EMA 50, in chiusura daily o peggio ancora settimanale, potrebbe provocare ulteriori accelerazioni ribassiste con primo target in area 6.900 punti. ed obiettivo successivo in area 6.700 punti. L’eventuale recupero di EMA 10, in chiusura giornaliera, potrebbe invece favorire un primo allungo verso quota 7.200 punti ed un ulteriore estensione rialzista verso area 7.300-7.350 punti.

Pattern di trading indice Ftse 100 valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista suggerisce spunti operativi Long in caso di chiusura oraria maggiore di 7.135 punti e fissa i primi due target price in area 7.157 e 7.172 punti; stop loss in caso di discesa sotto 7.107 punti in close orario. Lecito aprire nuove operazioni Long in caso di break-out orario o daily di 7.172 punti, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 7.210 punti e successivamente a 7.239 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 7.135 punti in close orario o giornaliero.

Lecito attivare nuove posizioni rialziste in caso di allungo oltre 7.239 punti in chiusura oraria, per approfittare di possibili allunghi in area 7.256 e 7.295 punti, estesa a 7.231 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 7.172 punti in close orario. Suggeriti acquisti speculativi in caso di affondo in area 6.878 punti, in ottica di rimbalzo in primo luogo a 6.920 punti ed in seconda battuta a 6.975 punti, esteso a 7.003; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 6.830 punti in close orario o giornaliero.

Il pattern di trading ribassista, invece, si attiva in caso di discesa sotto 7.107 punti in close orario e suggerisce di prendere profitto sui primi due obiettivi pronosticati in area 7.080 e 7.042 punti; stop loss in caso di recupero di 7.135 punti in close orario. Mantenere o aumentare le posizioni corte in caso di discesa sotto 7.042 punti per tentare di ricoprirsi in primo luogo a 7.003 punti ed in un secondo momento a 6.975 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 7.107 punti in close orario.

Ed ancora, Short in caso di flessione sotto 6.975 punti in close orario o daily, per cercare di sfruttare la pressione ribassista fino ad area 6.958 e 6.920 punti, estesa a 6.878 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 7.042 punti in close orario. Short speculativi in caso di allungo a 7.321 punti, per tentare di trarre profitto su eventuali storni prima a 7.295 punti e successivamente a 7.256 punti, estesi a 7.239 punti; stop loss in caso di ulteriori estensioni al rialzo oltre 7.400 punti in close orario o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *