Il cambio BTC-USD ristagna sui minimi di periodo in area 3.400-3.500


Ancora un’ottava debole per la coppia Bitcoin-Dollaro, che per la seconda settimana consecutiva staziona sui minimi di periodo, in area 3.500-3.400. La performance delle ultime sette sedute sta invece evidenziando una contrazione di poco più del 2%, a fronte di un valore corrente pari a 3.450 (+0,11%).

Dietro la debolezza del cambio Bitcoin-Dollaro è emerso che gli scambi sulla coppia, a Gennaio, hanno fatto registrare i volumi più bassi di sempre, toccando i minimi raggiunti nel 2017. Lo ha rivelato un’indagine condotta dalla società di ricerca Diar, tra i maggiori exchange di criptovalute. Il volume di scambio su Binance, il più importante exchange di criptovalute al mondo, lo scorso mese, si è ridotto del 40%.

Sulla debolezza del cross BTC-USD ha influito anche il report della società d’investimento Fundstrat, specializzata in criptovalute, secondo cui il per il Bitcoin ed altri asset di valute digitali i ribassi non sarebbero ancora finiti.

Per il Global Market Strategist di JPMorgan, Nikolaos Panigirtzoglou, intervistato dalla CNBC potrebbe essere Wall Street a guidare la rinascita del Bitcoin, ovvero quando gli istituzionali, messo da parte lo scetticismo, entreranno nel mondo delle criptovalute. Panigirtzoglou ha tuttavia ammesso che potrebbero passare anche degli anni perché ciò avvenga, a causa della lentezza degli organi di regolamentazione, che al momento ha costretto colossi del calibro della JPM, o come Goldman Sachs, Morgan Stanley e Citigroup a mettere da parte i propri progetti legati alle valute digitali, spaventati dal crollo delle quotazioni.

Un possibile assist per futuri rialzi è stato lanciato dal cofondatore e CEO di Twitter, Jack Dorsey, il quale ha dichiarato che il Bitcoin è l’unica valuta digitale in suo possesso, essendo convinto che il BTC sarà l’asset valutario più utilizzato e scambiato su internet.

Andamento cross bitcoin-dollaro sul breve medio periodo


Quadro tecnico di breve-medio periodo debole per la coppia BTC-USD, che come evidente sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), si trova al di sotto di tutte le medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 giorni. Il tentativo di recupero, come è possibile notare, è stato più volte “murato“ dalla resistenza di brevissimo, che passa sulla media mobile a 10 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), in area 3.495-3.500.

L’eventuale break-out di EMA 10, in chiusura oraria o meglio ancora daily, potrebbe favorire l’allungo verso l’ostacolo di brevissimo successivo, individuato in area 3.580-3.600, livello su cui transita la media mobile a 25 giorni (la linea mediana sul grafico).

Tuttavia, soltanto un’eventuale chiusura giornaliera o meglio ancora settimanale oltre la forte resistenza multiday che passa sulla media mobile a 50 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico),che si colloca in area 3.760-3.800, potrebbe decretare un’inversione rialzista di breve-medio periodo, con target primario in area 4.000-4.200 ed obiettivo secondario in area 4.500-4.600.

Andamento cambio ETH-USD sul breve-medio periodo

Andamento piatto anche per la coppia ETH-USD che scambia non molto lontana dal supporto tecnico e psicologico rappresentato da area 100.

Al momento della scrittura il cambio Ethereum-Dollaro cede infatti lo 0,15%, a quota 106,50.

Pattern di trading sul cambio BTC-USD valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 3.495 in chiusura di candela oraria o daily e consiglia di prendere profitto in area 3.550 e 3.609; stop loss in caso di ritorno sotto quota 3.404 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori estensioni oltre quota 3.609 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 3.667 e successivamente a quota 3.726; stop loss in caso di close orario minore di quota 3.495.

Suggeriti ulteriori Long in caso di nuovi acquisti oltre quota 3.726 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 3.787 e 3.886, estesa a quota 4.987; stop loss in caso di ritorno sotto quota 3.667 in chiusura giornaliera Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 2.975, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi a quota 3.055 e 3.137, con eventuali estensioni verso quota 3.189; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 2.895 in chiusura giornaliera.

Il pattern di trading ribassista, invece, si attiva in caso di discesa sotto quota 3.404 in chiusura di candela oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 3.348 e 3.295; stop loss in caso di recupero oltre quota 3.495 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 3.295, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 3.240 ed in seconda battuta a quota 3.189; stop loss in caso di ritorno sopra quota 3.404 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 3.189 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in un primo momento a quota 3.137 e successivamente a quota 3.055, estesa a quota 2.975; stop loss in caso di recupero sopra quota 3.240 in close daily. Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 3.987, per sfruttare eventuali storni a quota 3.886 e 3.787, con possibili estensioni a quota 3.726; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 4.100 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *