Banco BPM vicino ad un quasi azzeramento delle sofferenze: titolo in rally dai minimi di periodo


Ancora denaro sulle azioni Banco BPM, in crescita del 4,39% a quota 2,104 euro. Il recupero delle quotazioni della banca milanese dai minimi toccati appena un mese fa a quota 1,52 euro è stato prorompente, così come a dire il vero lo era stato il crollo. La performance del titolo nelle ultime quattro settimane sta pertanto registrando un progresso superiore al 35%.

Ad impattare positivamente sulle quotazioni del titolo dell’istituto bancario guidato dall’AD Giuseppe Castagna ha indubbiamente influito il ritorno dello Spread tra BTP e BUND al di sotto della soglia pericolosa dei 300 punti. Un eccessivo valor di differenziale tra le obbligazioni italiane e quelle tedesche, infatti, ha un impatto molto negativo sui conti delle banche. Banco BPM ha inoltre brillato in seguito ad alcune indiscrezioni circolate sulla stampa nazionale che vedono in dirittura d’arrivo la cessione di un cospicuo pacchetto di sofferenze, in linea con il piano strategico che mira ad un de-risking totale, ovvero al completo azzeramento di crediti NPL. I rumors parlano che il valore della vendita delle sofferenze sia di una cifra vicina agli 8 miliardi di euro. Il titolo è letteralmente volato dopo l’entrata nel capitale del colosso statunitense Morgan Stanley con una potenziale partecipazione di quasi il 7,56%.

Positivi anche gli ultimi report rilasciati dagli analisti, che hanno rilasciato dei target price di gran lunga superiori alle quotazioni attuali, alla luce dei buoni conti emersi nei primi nove mesi dell’anno. L’utile netto conseguito dal gruppo bancario, 30 Settembre, ammonta a 524,5 milioni di euro. Il margine d’interesse nel periodo in esame è salito a 1,738 miliardi di euro e le commissioni nette sono cresciute del 6,7% a 1,379 miliardi di euro. Il risultato netto finanziario è aumentato del 38,1%, assestandosi a 156,3 milioni di euro. Buona anche la qualità del capitale, che ha evidenziato un CET 1 ratio “IFRS 9 phased-in” al 13,2%; ed un valore “IFRS 9 fully phased” all’11,2%.

Andamento azioni Banco Bpm sul breve-medio periodo


Grazie alla forte spinta rialzista delle ultime tre sedute, le azioni Banco BPM si sono riportate sopra le resistenze, rappresentate dalle medie mobili di riferimento, a 10-25 e 50 punti. Sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, si nota inoltre come le tre EMA si siano incrociate tra di esse, dal basso verso l’alto, tracciando un forte segnale rialzista di breve-medio periodo. Tuttavia, sul brevissimo, le quotazioni appaiono un po’ troppo tirate, a tal punto che appaiono i primi accenni di ipervenduto. Pertanto, in un contesto che rimane positivo, non si escludono eventuali pull-back di conferma sulle EMA che da ex resistenze sono diventate supporti.

I primi sostegni degni di nota, al momento si trovano a debita distanza, in area 1,91-1,90, zona su cui si collocano le medie mobili a 10 e 50 giorni (rispettivamente la linea di colore azzurro e la linea verde sul grafico). L’impostazione invece rimarrà improntata al rialzo finché le quotazioni si troveranno al di sopra della media mobile a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico) che transita in area 1,85 euro. Il break-out di area 2,16-2,18, invece, potrebbe favorire ulteriori allunghi in area 2,30-2,32 euro

Pattern di trading titolo banco Bpm (BAMI.MI) validoda 1 a 5 giorni

Il pattern di trading Long si attiva in caso di chiusura oraria oltre 2,124 e pronostica i primi due target price in area 2,136 e 2,156 euro; stop loss in caso di discesa sotto 2,09€ in close orario. Mantenere o aumentare l’esposizione Long nel caso in cui gli acquisti si spingano oltre 2,156€ in chiusura oraria, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 2,18€ e successivamente a 2,214€; stop loss in caso di ritorno sotto 2,104€ in close orario o giornaliero.

Lecito aprire nuove posizioni lunghe in caso di close orario o daily maggiore di 2,214€, per cercare di sfruttare ulteriori slanci in area 2,236 e 2,258 euro, estesi a 2,294€; stop loss in caso di ritorno sotto 2,156€ in close orario o giornaliero. Ed ancora, Long sulla debolezza in caso di affondo a quota 1,918€, in ottica di rimbalzo a 1,962€ e 1,982€, esteso a 2,002€; stop loss in caso di ulteriori flessioni sotto 1,886€ in chiusura oraria o daily.

Il pattern di trading Short, invece, prende forma nel caso in cui si registri un close orario minore 2,09€ e consiglia di prendere i primi profitti in area 2,068 e 2,042 euro; stop loss in caso di ritorno oltre 2,124€ in chiusura oraria. Mantenere o aumentare le operazioni Short in caso discesa sotto 2,042€ in chiusura di candela oraria, per cercare di sfruttare ulteriori cali in un primo momento a 2,022€ e successivamente a 2,002€; stop loss in caso di ritorno sopra 2,076€ in close orario.

Lecito aprire nuove posizioni corte in caso di flessione sotto 2,022€ in close orario o giornaliero, con l’intento di ricoprirsi in area 1,982 e 1,962 euro, estesa a 1,918€ ;stoppare le operazioni in caso di recupero oltre 2,068€ in close orario o daily. Suggeriti short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 2,294€, per sfruttare eventuali correzioni 2,258€ e 2,236€, estese a 2,214€; stop loss in caso di ulteriori allunghi sopra 2,322€ in chiusura di candela oraria o giornaliera.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *