Ritorna il denaro a Wall Street dopo passo indietro di Trump su dazi importazioni acciaio ed alluminio


Il tema dei dazi doganali sulle importazioni di acciaio ed alluminio proposti dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump tiene ancora banco a Wall Street. Tuttavia le posizioni del numero 1 della Casa Bianca sono più morbide rispetto a quelle esternate sul finire della scorsa ottava.

Nella tarda mattinata statunitense, Trump, ha twittato di essere pronto a non attuare alcun dazio sulle importazioni di metalli in caso di revisione dell’accordo NAFTA (North American Free Trade Agreement). Il presidente americano pretende la firma di un nuovo accordo, più equo, di quello che ha per oggetto il libero scambio tra Stati Uniti, Canada e Messico.

In seguito al mezzo passo indietro di Trump, il derivato dell’indice S&P 500, insieme agli altri due listini principali della borsa newyorkese, ha invertito rotta rispetto alla debole apertura di scambi settimanali. Il paniere dei 500 titoli più capitalizzati al momento della scrittura sta facendo registrare un deciso rialzo, pari a +0,80%, a 2.712 punti.

Dal punto di vista macro, le quotazioni dell’S&P 500 hanno beneficiato della convalida della crescita evidenziata dall’indice PMI servizi, che confermando la stima preliminare, nel mese di Febbraio ha evidenziato un progresso a 55,9 punti, dai 53,3 punti della rilevazione mensile precedente. Il dato composito, frutto della media tra PMI servizi e PMI manifatturiero, invece, ha subito una lieve contrazione rispetto, assestandosi a 55,8 punti, dai 55,9 punti della stima flash, tuttavia in deciso aumento rispetto ai 53,8 punti della lettura di Gennaio.

Lievemente sopra i pronostici degli analisti, invece, la rilevazione dell’indice ISM non manifatturiero del mese di Febbraio, assestatosi a 59,5 punti, dai 59 punti attesi, ma in calo dai 59,9 punti della stima finale del mese precedente. La voce relativa all’attività delle imprese è aumentata da 59,8 punti a 62,8 punti, mentre i nuovi ordinativi hanno evidenziato un progresso da 62,7 punti a 64,8 punti, volando sui valori più elevati da Agosto 2005.

Andamento future indice S&P 500 sul breve-medio periodo


Come è ben visibile sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, il derivato dell’indice S&P 500, dopo la formazione del potente pattern ribassista, caratterizzato da tre forti ribassi consecutivi, denominato three black crows (tre corvi neri), che ha prodotto un minimo a 2.647 punti, sta mettendo a segno il classico movimento di rimbalzo sulle medie mobili, che da ex supporti sono diventate resistenze. Le quotazioni al momento hanno raggiunto un top intraday a quota 2.716 punti, di poco superiore alla zona su cui transitano le EMA a 10 e 50 gg (rispettivamente la prima linea dal basso verso l’alto e la linea mediana sul grafico), per poi scendere sui valori attuali (2.712 punti).

Il modello ribassista descritto in precedenza si annullerebbe soltanto in caso di definitivo recupero al di sopra della media mobile a 25 gg ( la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico ),che transita in area 2.721 punti. Al ribasso, invece, in caso di mancato break-out dell’EMA 25, il primo supporto daily cade in area 2.690 punti, perso il quale le quotazioni potrebbero rapidamente scivolare in area 2.620-2.600 punti.

Pattern di trading sul future S&P 500 valido da 1 a 5 giorni

Il pattern rialzista suggerisce spunti operativi Long in caso di chiusura oraria maggiore di 2.719,80 punti e fissa i primi due target price in area 2.726,25 e 2.736,50 punti; stop loss in caso di discesa sotto 2.703 punti in close orario. Lecito aprire nuove operazioni Long in caso di break-out orario o daily di 2.736,50 punti, per cercare di prendere profitto in un primo momento a 2.746,95 punti e successivamente a 2.753,45 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 2.716 punti in close orario o giornaliero.

Lecito attivare nuove posizioni rialziste in caso di allungo oltre 2.753,45 punti in chiusura oraria, per approfittare di possibili allunghi in area 2.763,50 e 2.774 punti, estesa a 2.791,20 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 2.736,50 punti in close orario. Suggeriti acquisti speculativi in caso di affondo in area 2.627,50 punti, in ottica di rimbalzo in primo luogo a 2.644 punti ed in seconda battuta a 2.667,95 punti; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 2.600 punti in close orario o giornaliero.

Il pattern ribassista, invece, si attiva in caso di discesa sotto 2.703 punti in close orario e suggerisce di prendere profitto sui primi due obiettivi pronosticati in area 2.692,65 e 2.682,35 punti; stop loss in caso di recupero di 2.719,80 punti in close orario. Mantenere o aumentare le posizioni corte in caso di discesa sotto 2.682,35 punti per tentare di ricoprirsi in primo luogo a 2.676,05 punti ed in un secondo momento a 2.667,95 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 2.703 punti in close orario.

Ed ancora, Short in caso di flessione sotto 2.667,95 punti in close orario o daily, per cercare di sfruttare la pressione ribassista fino ad area 2.657,75 e 2.644 punti, estesa a 2.627,50 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 2.692,65 punti in close orario. Short speculativi in caso di allungo a 2.817 punti, per tentare di trarre profitto su eventuali storni prima a 2.791,20 punti e successivamente a 2.774 punti; stop loss in caso di ulteriori estensioni al rialzo oltre 2.846 punti in close orario o daily.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *