Investitori cauti sull’indice S&P 500 dopo momentano shutdown negli USA


A qualche ora dall’apertura ufficiale degli indici di Wall Street, il Future dell’indice S&P 500 con scadenza a Marzo 2018, sta facendo registrare una lieve flessione dello 0,10%, a 2.808,75 punti.

La scorsa ottava si è invece conclusa con un bilancio settimanale pari a +1% circa, con l’ultimo scambio di Venerdì 19 Gennaio a quota 2.811 punti, una manciata di punti al di sotto del nuovo record storico fatto registrare dal derivato dei 500 titoli più capitalizzati della borsa statunitense, a quota 2.815 punti.

Tra gli investitori sta comunque prevalendo la cautela, ci si interroga su quale potrebbe essere la reazione del mercato dopo che dalle 12 di Sabato 20 Gennaio è iniziato il cosiddetto Shutdown, ovvero lo stop alle attività amministrative federali, non essenziali, negli USA. La proposta di legge di finanziamento per il proseguo delle suddette attività, approvata dalla Camera non ha invece incassato il via libera del Senato. Il nuovo voto per tentare

Un nuovo voto per un’approvazione temporanea del budget federale, fino al prossimo 8 Febbraio è prevista per le 12:00, ora locale (le 18:00 in Italia), un nuovo stop potrebbe tradursi in una parentesi negativa per l’S&P, almeno nel brevissimo termine, una reazione del tutto lecita, considerando anche il rialzo di 5 punti percentuali messo a segno da inizio anno. Al tempo stesso non ci stupiremmo che una nuova bocciatura del bilancio federale non scalfisse il trend consolidato dell’indice guida di Wall Street.

Andamento future indice S&P 500 sul breve-medio periodo


Dopo essere volato su un nuovo massimo storico che, come anticipato in precedenza, si è spinto a quota 2.815 punti, il derivato dell’indice S&P500, potrebbe, usiamo il condizionale, accusare una fase di stanca di brevissimo respiro, molto utile a scaricare l’evidente ipercomprato sia sui time-frame minori che su quelli di grado superiore.

In caso di storno dai livelli attuali, il primo supporto degno di nota si colloca sulla media mobile a 10 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico giornaliero, in alto) che passa in area 2.784 punti, circa. Il primo sostegno daily, in caso di flessione sotto l’EMA a 10 periodi, si colloca in area 2.740 punti circa, dove transita la media mobile a 25 gg (la linea mediana sul grafico).

In caso di discesa sull’EMA a 25 periodi potrebbero scattare le prime ricoperture sulle posizioni Short, eventualmente aperte dagli attuali livelli o in seguito alla rottura del sostegno di brevissimo rappresentato dalla media mobile a 10 periodi. Sentiment di breve-medio periodo che continuerà ad essere improntato al rialzo, finché le quotazioni del Future S&P 500 si manterranno al di sopra della media mobile a 50 gg (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico) , al momento individuata in area 2.700-2.690 punti. Il superamento dei recenti massimi oltre area 2.815 punti, invece, potrebbe accendere delineare una nuova gamba rialzista con target in area 2.840-2.850 punti, in prima battuta e successivamente spingersi fino ad area 2.860 punti.

Pattern di trading future indice S&P 500 valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista prende forma in caso di chiusura oraria maggiore di 2.816 punti e pronostica i primi due target price in area 2.822 e 2.826,75 punti; stop loss in caso di discesa sotto 2.805 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni Long in caso di chiusura oraria oltre 2.826,75 punti, per cercare di prendere profitto in primo luogo a 2.830,15 punti e successivamente a 2.837,50 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 2.811 punti in close orario.

Lecito attivare nuove posizioni Long in caso di break-out orario o daily di area 2.837,50 punti, per sfruttare eventuali allunghi in area 2.844,20 e 2.850 punti, estesi a 2.861,70 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 2.822 punti in chiusura oraria o daily. Suggeriti Long speculativi in caso di affondo in area 2.751 punti approfittare di eventuali veloci rimbalzi in primo luogo a 2.757 e 2.768 punti ed in un secondo momento estesi a 2.775 punti; stop loss in caso di ulteriori cali sotto area 2.740 punti in chiusura oraria o giornaliera.

Il pattern di trading ribassista, invece, si attiva in caso di discesa sotto 2.805 punti in chiusura di candela oraria e fissa i primi due obiettivi in area 2.798,55 e 2.792,02 punti; stop loss in caso di close orario maggiore di 2.816 punti. Mantenere o aumentare l’esposizione Short in caso di rottura del supporto orario 2.792,02 punti, per cercare di prendere profitto in prima battuta a 2.785 punti ed in un secondo momento a 2.775 punti; stop loss in caso di recupero oltre 2.811 punti in chiusura oraria.

Lecito insistere con nuove posizioni corte nel caso in cui la pressione delle vendite dovesse spingersi sotto 2.775 punti in chiusura di candela oraria o daily, per tentare di ricoprirsi in area 2.768 e 2.757 punti, estesa a 2.751 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di 2.792,02 punti in chiusura oraria o giornaliera. Consigliati Short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 2.861,70 punti, per sfruttare possibili correzioni prima a 2.850 punti e successivamente a 2.844 punti, estese a 2.837,50 punti; stop loss con close daily oltre area 2.872 punti.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *