Indice Dow Jones piatto dopo un apertura incerta, nuovo piano di riforme fiscali USA


Avvio di ottava fiacco a Wall Street, dove il mancato corposo taglio delle tasse promesso dal Presidente Trump ormai da un anno, inizia ad ingrigire gli umori degli investitori. Dopo essere scivolato momentaneamente sotto quota 23.300 punti (minimo intraday 23.288,50 punti), il derivato dell’indice dei 30 titoli a maggiore capitalizzazione della borsa americana, si è riportato in territorio lievemente positivo.

La riforma fiscale arrivata la scorsa settimana al Senato USA, infatti, risulta essere alquanto annacquata rispetto alle aspettative e molti analisti iniziano ormai a credere che difficilmente verrà approvata entro la fine di quest’anno. L’amministrazione USA, infatti, sarà chiamata a togliere altre castagne dal fuoco: budget 2018 ed innalzamento del tetto del debito. Per assistere alla netta riduzione delle imposte sugli utili aziendali si dovrà aspettare il 2019. Da mesi ormai i listini azionari di oltreoceano rinnovano con cadenza settimanale i propri massimi storici, sulle promesse in campo fiscale fatte dall’inquilino della Casa Bianca.

Dow Jones appesantito anche dalla brutta performance daily di uno degli storici titoli presenti sul paniere General Electric. Il colosso statunitense della tecnologia e dei servizi, specializzato nella sicurezza, al momento della scrittura cede oltre 5 punti percentuali, dopo che il management dell’azienda ha comunicato annunciato un dimezzamento del dividendo trimestrale, da 0,24 a 0,12 dollari.

Andamento futures Indice Dow Jones sul breve-medio periodo


Quadro grafico di breve-medio periodo che inizia a scricchiolare per il derivato dell’indice Dow Jones che da un paio di giorni è stato messo sotto pressione, con le quotazioni che in più di una occasione sono scese sotto la media mobile a 10 periodi (la linea prima linea dall’alto verso il basso sul grafico con time-frame giornaliero in alto, transitante in area 23.400 punti circa. L’EMA a 10 gg, rappresenta il primo supporto di brevissimo (5-7 giorni borsa) ed una eventuale discesa sotto tale livello, potrebbe innescare ulteriori prese di beneficio con target in area 23.200 punti, a contatto con la media mobile a 25 gg (la linea mediana sul grafico).

Per una possibile inversione ribassista più marcata, invece, le quotazioni dovrebbero scendere sotto la media mobile a 50 periodi (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico) in chiusura daily o peggio ancora settimanale. Rotta l’EMA a 50 gg transitante in area 22.850 punti attesi decisi affondi in area 22.000-21.800 punti, sui livelli di fine Settembre di quest’anno.

Modello di trading sull’indice Dow Jones valido da 1 a 5 giorni

Il modello di trading rialzista suggerisce l’apertura di posizioni Long nel caso in cui si registri una chiusura oraria maggiore di 23.405 punti e pronostica i primi due target price in area 23.450 e 23.492 punti; stop loss in caso di discesa sotto 23.342 punti in close orario. Mantenere o incrementare le operazioni Long in caso di allungo oltre 23.492 punti in chiusura oraria o giornaliera, per sfruttare eventuali estensioni al rialzo prima a 23.532 punti e successivamente a 23.589 punti; stoppare le operazioni in caso di ritorno sotto 23.398 punti in chiusura di giornata.

Insistere con nuove posizioni rialziste in caso di break-out orario di 23.589 punti, per cercare di prendere profitto in area 23.639 e 23.694 punti, estesa a 23.785 punti; stop loss in caso di ritorno sotto 23.492 punti in chiusura di candela oraria. Long sulla debolezza in caso di affondo in area 22.735 punti, per sfruttare eventuali rimbalzi in primo luogo a 22.964 punti ed in seconda battuta a 23.027 punti; stop loss in caso di ulteriori avvitamenti sotto la soglia dei 22.595 punti in chiusura daily.

Il modello di trading ribassista, invece, consiglia l’apertura di posizioni Short in caso di close orario minore di 23.342 punti e fissa i primi due obiettivi in area 23.260 e 23.205 punti; stop loss in caso di chiusura oraria oltre 23.405 punti. Mantenere o incrementare le operazioni Short in caso di discesa sotto 23.205 punti in chiusura di candela oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in prima battuta a 23.116 punti ed in un secondo momento a 23.027 punti; stoppare le operazioni in caso di recupero di quota 23.342 punti in chiusura di giornata.

Lecito attivare nuove posizioni corte in caso di close orario minore di 23.037 punti, per sfruttare eventuali flessioni in area 22.964 e 22.876 punti, estesa a 22.735 punti; stop loss in caso di ritorno sopra 23.260 punti in chiusura oraria. Short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 23.785 punti, in ottica di veloci pull-back di prezzo prima a 23.694 punti e successivamente a 23.589 punti; stop loss in caso di allungo oltre 24.000 punti in chiusura di giornata.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *