Comprare azioni ENI

Come probabilmente già saprai, ENI è una multinazionale italiana impegnata nel settore del gas e del petrolio in tutte le sue fasi. Dalla estrazione alla lavorazione fino alla distribuzione.

Ma essendo anche quotata in Borsa, è anche un asset molto interessante su cui investire. Ed il modo migliore per farlo è tramite i CFD, poiché, rispetto a diventare un azionista diretto di ENI (cosa tra l’altro tutt’altro che facile), ti permette di guadagnare sulle azioni ENI anche quando esse sono al ribasso.

In questo articolo ti forniamo una guida completa su come comprare azioni ENI, al fine di investire al meglio su di esse tramite il trading CFD. Quindi, vedremo la storia di questo colosso degli idrocarburi, se conviene investire effettivamente sulle azioni ENI e i migliori broker per farlo senza rischi e in modo conveniente.

Molti trader stanno utilizzando le piattaforme di trading CFD per fare trading sulle azioni. Ad esempio si può usare la piattaforma di eToro per investire sull'andamento delle principali azioni grazie agli utili servizi di copy trading e social trading. Puoi registrarti gratuitamente su eToro cliccando qui.

Eni: Chi è

Chi è ENI? Acronimo di Ente Nazionale Idrocarburi, è nata nel 1953 inizialmente come ente pubblico sotto la presidenza di Enrico Mattei fino al 1962. Anno della sua morte causa incidente aereo, ma avvolta ancora in un fitto mistero. Si pensa infatti ad un sabotamento dell’aereo su cui volava poiché erano troppe le pressioni intorno alla società.

Pressioni verso le quali Mattei si è sempre opposto.

ENI diventa società per azioni nel 1992 ed è oggi presente in 66 Stati, vantando oltre 32mila dipendenti. Si occupa di:

  • petrolio
  • gas naturale
  • chimica
  • chimica verde
  • produzione e commercializzazione di energia elettrica e di quella rinnovabile

Nel 2018 risulta essere l’ottavo gruppo petrolifero al Mondo per volume d’affari. Nella classifica Fortune 500, che posiziona le aziende per fatturato, Eni si colloca 113ma.

Tra la seconda metà degli anni ‘90 ed inizio 2000, avviene un importante smembramento di ENI da parte dello Stato in 5 fasi. Mantenendo comunque la Golden share del 30 percento. Inoltre, il Ministero dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministero dello sviluppo economico, ha preservato una serie di poteri decisionali speciali. Per effetto di una legge del 1974.

Nel febbraio 2006 rivela Snamprogetti tramite la controllata Saipem, allargando così il proprio posizionamento nel settore petrolifero.

L’anno seguente arriva un importante accordo di scambio tra ENI e Gazprom, mediante il quale la prima può sviluppare progetti di ricerca ed estrazione di idrocarburi in Siberia. Mentre la seconda può continuare a rifornire gas in Italia.

Nel maggio 2008 ha invece rilevato la società belga Distrigas S.A., la quale commercia gas naturale in Belgio, Francia, Germania, Paesi Bassi e Lussemburgo. Per poi lanciare un'OPA obbligatoria sulle restanti azioni Distrigas, di fatto completamente acquisita nel marzo 2009. Questa operazione ha allargato la sua posizione nel mercato europeo del gas naturale.

Nel 2012 arriva lo scorporo della Snam, che resta comunque in ambito pubblico essendo finita in gestione della Cassa depositi e prestiti. Che ha anche rilevato le azioni detenute dal Ministero del tesoro.

Nel 2017 ha ceduto le attività Gas&Power retail in Belgio. L’anno seguente si è invece dotata del sofisticatissimo supercalcolatore HPC4, tra i primi 10 al mondo, ma primo se si escludono i governi.

Nel 2017 nasce anche la società ENI Gas e luce, scorporata da ENI.

ENI è quotata alla New York Stock Exchange (NYSE) e alFTSE MIB della Borsa di Milano.

Migliori broker per comprare azioni ENI

Broker Caratteristiche Vantaggi Recensione Apri un conto
eToro CFD azioni e CopyPortfolios Social e copy trading Recensione Iscriviti
Plus500 CFD su azioni e indici Deposito minimo, servizio CFD Recensione Iscriviti
Segnali gratuiti CFD sulle principali azioni Recensione Iscriviti
Spread contenuti Piattaforma WebTrader Recensione Iscriviti
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Azioni Eni: storia

Comprare azioni ENI

Dopo aver visto le operazioni più recenti di ENI, vediamone le origini e i primi passi.

ENI nacque nel 1953 tramite apposita legge. Prima della sua nascita, la gestione degli idrocarburi in Italia era affidata a AGIP prima, ANIC poi e SNAM dopo. Tutte poi controllate, insieme ad altre società minori, dall’ENI.

L’obiettivo era dunque quello di creare un grande colosso societario nazionale dedito al settore petrolifero e del gas naturale. Che fosse però anche di respiro internazionale, anche perché l’Italia non si mostrava particolarmente ricca in tal senso.

Enrico Mattei fu nominato presidente dell'ENI. Il quale dovette fin da subito combattere contro le resistenze dei privati, che di fatto venivano estromessi da buona parte della gestione dell’idrocarburi in Italia (in primis Confindustria).

Mattei morì misteriosamente nel 1963 in un incidente aereo nei pressi di Bascapé, nei pressi di Pavia. I dubbi sulla sua morte sono sempre stati tanti, in virtù degli interessi politici, mafiosi e delle lobby intorno ad ENI.

A succederlo fu Marcello Boldrini, ma di fatto il vero controllore fu Eugenio Cefis, dirigente con la maggior autorità. In quegli anni, ENI cerco di riequilibrare la propria situazione finanziaria, nonché migliorare i rapporti con gli altri stati che erano avversi alla figura di Mattei. Definiti le “Sette sorelle”.

In questi anni, anche alla luce dei flop in Iran ed Egitto, ENI preferì stipulare contratti di fornitura di petrolio, anziché dedicarsi a ricerca ed estrazione. Inoltre, particolare attenzione fu data al settore chimico, con l’apertura di nuovi stabilimenti.

Investimenti però di fatto ingenti e rischiosi, che garantivano un ritorno solo nel lungo periodo. Inoltre, provocava tensioni con altre società dedite al settore, su tutte la Montedison.

La crisi petrolifera del 1973 colpì ovviamente anche ENI, che finì per la prima volta in perdita. Il suo ruolo fu soprattutto quello di salvare società in difficoltà. Ma negli anni ‘70 arrivarono anche altri allargamenti a livello internazionale, come la realizzazione nel 1974 di gasdotti per l'importazione di metano dai Paesi Bassi e dall'URSS.

Gli anni ‘80 si caratterizzarono per un maggior ingresso dei privati, che rilevarono le società gestite da ENI. Anche per effetto di un maggior peso del Partito socialista italiano in grande ascesa grazie alla figura di Bettino Craxi, che tolse parte del potere gestionale detenuto dalla DC fino alla fine degli anni ‘70.

Tra gli eventi più rilevanti di questo periodo, si ricorda la nascita di ENIMONT nel 1989, anche se l’anno seguente fu ENI ad aggiudicarsi tutte le azioni.

Negli anni ‘90 anche ENI fu coinvolta dalle inchieste di Mani pulite, che portarono tra le altre cose, al disimpegno nel settore chimico.

Nel 1995 arriva lo sbarco sulle borse di Milano e New York, con lo Stato che mantiene la Golden share del 30%.

Gli anni 2000 sono stati segnati soprattutto dalla svolta green della multinazionale. Anche per rispondere alla sempre crescente sensibilità e consapevolezza rispetto all’importanza delle energie rinnovabili, in luogo degli inquinanti petrolio e gas.

Negli ultimi anni, si ricorda:

  • 2017: nasce la direzione Eni New Energy
  • 2018: viene inaugurato il primo impianto fotovoltaico in Sardegna
  • 2019: viene avviata la costruzione del secondo impianto fotovoltaico a Porto Torres
  • 2019: viene avviata l’attività di bioraffineria di Gela
  • 2020: Eni si riconferma leader per il Carbon Disclosure Project e nella Carbon Traker

Comprare azioni Eni: le FAQ

Prima di proseguire con l’articolo cerchiamo di rispondere alle domande più frequenti:

Conviene comprare azioni ENI?

Eni è una multinazionale italiana dedita al settore del petrolio, del gas naturale e delle energie rinnovabili. Negli anni, ha saputo acquisire una posizione importante a livello internazionale, collaborando con altri colossi. Sebbene il principale posizionamento resta nel cuore dell’Europa.

La storia però è stata un po’ travagliata, in relazione alle vicissitudini politiche italiane, spesso reprensibili nel modo di gestire il patrimonio mobiliare ed immobiliare dello stato.

Il fatto che negli ultimi anni stia investendo nelle energie rinnovabili, fa ben sperare in un futuro da protagonista anche con lo sviluppo crescente della green economy.

Come comprare azioni ENI?

Il modo migliore per comprare le azioni ENI è quello di investire col trading online tramite CFD. Acronimo di Contract for difference. I CFD consentono infatti di investire sia long che short, quindi di guadagnare sulle azioni ENI anche nel caso in cui il titolo subisca ribassi.

Tra i vantaggi del trading CFD su Eni, ricordiamo anche le basse commissioni, il fatto che si possa investire sulle azioni in modo indiretto e che si possa sfruttare la Leva finanziaria.

Puoi investire su ENI anche puntando agli ETF che lo contengono, sempre tramite CFD trading.

Quali sono i migliori broker per comprare azioni ENI?

Il trading CFD può essere praticato su broker come eToro o Plus500. Che citiamo per le basse commissioni e il basso livello di spread. Nonché per i servizi che offrono e per le licenze che vantano.

Piattaforme per investire in ENI

Quali sono i migliori broker per investire nelle azioni ENI? Vediamoli di seguito.

Comprare azioni ENI con eToro

Il broker eToro è una ottima soluzione per comprare azioni ENI. Qui infatti troverai commissioni e spread bassi. Potrai interagire con gli altri trader iscritti grazie al Social trading e potrai copiare i trader migliori grazie al copy trading.

Su eToro trovi tutte le info più utili sulle azioni ENI, per le tue analisi tecnica e fondamentale. Potrai anche esercitarti con il ricco Conto demo costituito da 100mila euro virtuali, che puoi usare già con una registrazione veloce senza alcun deposito.

Il broker eToro vanta 3 licenze per operare, oltre al permesso della Consob per farlo in Italia.

Puoi iscriverti ad eToro con un deposito minimo di 200 euro.

66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Fare trading CFD sul titolo ENI con Plus500

Il broker Plus500 ha invece 2 licenze e sempre la concessione Consob. E’ sponsor di diverse squadre di calcio tra cui l’Atalanta. Ed è anche quotata sulla Borsa di Londra.

Plu500 ha spread e commissioni basse ed offre una piattaforma che si fa apprezzare sia dai trader neofiti che da quelli esperti.

Interessante anche il servizio di alert email che ti avvisa nel caso in cui le azioni ENI stanno intraprendendo un trend interessante.

Puoi diversificare il tuo portafoglio, oltre che con le azioni ENI, con oltre 2.500 asset disponibili.

Se vuoi chiedere assistenza, Plus500 ti offre una comoda Live chat, disponibile in ben 32 lingue diverse.

Per iscriverti a Plus500 ti bastano 100 euro. Prevede un solo conto.

Puoi esercitarti col trading virtu ale tramite un Conto demo di 40mila euro virtuali, che si ricarica quando l’importo scende sotto i 200 euro.

Puoi iniziare a fare trading CFD sulle azioni ENI cliccando qui.

72% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.

Comprare azioni ENI con OBRinvest

Il broker OBRinvest è ideale se vuoi imparare a fare trading formandoti in senso tradizionale, dato che offre:

  • eBook da scaricare gratuitamente
  • webinar condotti da esperti a cadenza periodica

OBRinvest prevede anche esso un Conto demo di 100mila euro virtuali, oltre a segnali di trading(che trovi qui) che ti suggeriscono quando investire su ENI, elaborati dagli esperti di Trading Central.

L’iscrizione a OBRinvest parte da 250 euro e puoi scegliere fino a 4 account diversi.

Puoi iniziare a investire con OBRinvest cliccando qui.

78,15% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Grafico azioni ENI

Ecco il grafico aggiornato in tempo reale delle azioni ENI, dove potrai valutare la quotazione in tempo reale delle azioni ENI per la tua analisi tecnica.

Previsioni Azioni ENI

Quali sono le previsioni sulle azioni ENI? Come tutte le compagnie petrolifere, anche ENI ha subito un crollo evidente nel corso del 2020, causa le stranote vicende legate al Covid-19.

Infatti, il titolo sulla Borsa di Milano, ma lo stesso è accaduto sul NYSE, è crollato da 12,76 EUR il 21 marzo a 6,91 EUR il 13 marzo. Praticamente dimezzato nel giro di 3 settimane circa.

Nel corso dell’anno c’è stata poi una ripresa ma anche una nuova caduta. Non riuscendo a sfondare mai la resistenza fissata a 10 EUR. Di fatto neanche avvicinandosi, visto che il massimo toccato è stato di 9,50 EUR.

Il 2021 è iniziato poco sopra i 9 EUR per azione ma regna ancora tanta incertezza legata alla situazione COVID-19 e alla ripresa dell’economia mondiale.

Comprare azioni Eni conviene?

Come comprare Azioni ENI

Il 2021 dovrebbe essere un anno di transizione per l’uscita definitiva dal Covid-19, data anche la lentezza e la disorganizzazione legata ai Vaccini. Visti ormai come unica panacea. Anche se molti dubbi ancora li riguardano, data la velocità con cui sono stati immessi in circolazione.

ENI paga anche lo scotto di una bassa diversificazione dei propri settori di intervento, legati principalmente a petrolio, gas naturale e rinnovabili. Ma il fatto che sta puntando forte su questi ultimi, lascia ben sperare per un futuro roseo della società.

Anche la sua storia, è stata funestata dai troppi gruppi di interesse che l’hanno soggiogata negli anni, avendo vita facile dopo la morte di Mattei (probabilmente avvenuta proprio per questo scopo). Quindi, la commistione tra politica-lobby private-mafie perpetuata nei decenni, ne ha tarpato le ali per creare una multinazionale che competesse davvero alla pari con le altre grandi del mondo.

Puoi comunque investire su ENI andando sia long che short tramite trading CFD, quindi il consiglio è di svolgere sempre attente analisi tecniche e fondamentali.

Conclusioni

Le azioni ENI restano un buon asset per il proprio portafoglio, sebbene come visto, troppe sono le incertezze legate al titolo.

Il fatto che stia puntando sulle rinnovabili potrebbe comunque mitigare un futuro per gas e petrolio difficile, anche perché ENI è molto indietro rispetto ai colossi internazionali.

Meglio dunque puntare al trading CFD che consente di guadagnare anche nel caso in cui il titolo vada male utilizzando solamente broker regolamentati come ad esempio eToro e Plus500 che sono il massimo a livello di sicurezza.

Responsabilità: Gli autori dei contenuti ed i responsabili di comefaretradingonline.com, dichiarano che i contenuti e le analisi su valute, azioni e qualunque tipo di strumento finanziario non devono essere considerate raccomandazioni di investimento. Tutte le considerazioni fatte dall'autore dell'articolo sono soggettive e dunque rientrano nelle opinioni personali e come tali devono essere considerate. Il contenuto dei post rispecchia l'opinione personale dell'autore e della redazione e sono scritte con finalità di informazione e non al fine di invogliare a fare trading o a investire su qualunque mercato finanziario/o strumento. Gli autori stessi e lo staff del sito non possiedono azioni di società quotate o asset finanziari oggetto delle analisi. Lo staff di comefaretradingonline.com non garantisce che i dati siano in tempo reale e che la periodicità delle analisi sia puntuale. L'attività di trading e di speculazione sui mercati finanziari o di investimento tramite strumenti derivati costituisce un rischio di perdita di capitali. Pertanto lo staff e gli autori non si assumono alcuna responsabilità legata a investimenti errati o decisione prese tramite analisi di qualsiasi genere trovate sul sito web. L’Utente, pertanto, si assume ogni responsabilità e non ritiene comefaretradingonline.com e tutti i suoi autori responsabili per eventuali perdite/danni diretti o indiretti che possano scaturire dalla lettura delle analisi, dalla loro inesattezza/e incompletezza oltre che accuratezza. Ogni utente che vuole investire sarà pertanto tenuto a informarsi assumendosi i rischi di eventuali investimenti non basandosi solo sulle analisi tecniche fornite da comefaretradingonline.com che rimane un sito a carattere puramente informativo.